DIRETTA VENEZIA TRIESTE / Risultato finale 75-83, info streaming: fine gara! (basket Serie A1)

Diretta Venezia Trieste, streaming video e tv: interessante derby triveneto al Taliercio, si affrontano la seconda della classe in Serie A1 e una neopromossa che è già in zona playoff.

26.12.2018, agg. alle 19:24 - Claudio Franceschini
Mitchell_Watt_Venezia_Torino_basket_lapresse_2018
Diretta Torino Venezia, basket Serie A1 16^ giornata (Foto LaPresse)

DIRETTA VENEZIA TRIESTE (75-83): ULTIMO QUARTO

La tripla di Cavaliero battezza l’ultimo parziale regolamentare. La Reyer sembra incapace di imbastire una risposta convincente e si affida a tiri dalla distanza che non sortiscono effetto. A far male ci pensa allora Washington che piazza un pesante break di 5 punti. Trieste risponde a dovere con Sanders che infila la tripla che riporta a 7 i suoi punti di vantaggio. Poco piu’ di 6′ ancora da giocare e Trieste si riavvicina al vantaggio in doppia cifra con Da Ros che dalla lunetta fa bottino pieno. Per Venezia e’ Washington a tenere viva la speranza ma i punti di Cavaliero, uniti alla sfortuna di Daye che vede in due occasioni consecutive rimbalzare il pallone fra i ferri ed uscire, sanno da finale anticipato. L’entusiasmo per la tripla di Haynes e’ subito smorzato dal canestro di Sanders dalla distanza e dal gioco da 3 di Mosley che fa +11 a meno di 3′ dal termine. Il capitano orogranata insacca l’ennesima bomba ma ancora Peric si prende la soddisfazione di rintuzzare il tentativo e mette a segno il 74-64 a meno di 2′ dal termine. E’ ancora l’ala croata ad allungare mentre per Venezia Bramos si produce in una marcatura alla distanza bella quanto inutile ormai. Ultimo minuto ben gestito dai triestini e match che si chiude sul 83-75.

TERZO QUARTO

Si riprendono le ostilita’ e la musica sembra non essere cambiata: palla persa da Venezia e contropiede finalizzato da Wright. A far saltare almeno il disco ci prova Haynes con un break di 5 punti. Dopo il canestro di Peric la Reyer rientra a -7 grazie ai canestri di Washington e Watt. Trieste non vuole rischiare e alza il ritmo sfruttando centimetri e peso ed evidenziando la difficolta’ ormai palese dei veneziani a tenere a bada i terminali offensivi biancorossi. Cosi’ Sanders, dopo il pur bel tap-in di Watt, ha vita a facile nel portare a casa un gioco da 3 che vale il 52-42. Rincara la dose Peric, fino ad ora piuttosto evanescente ma non al punto da ignorare il corridoio libero che regala agli ospiti il +12 e che costringe De Raffaele al time out. Il coach orogranata prova a dare la scossa ai suoi inserendo Cerella e Giuri e raccoglie subito come frutto la bella tripla del numero 21 che riduce il gap a -7 con 3′ del terzo parziale ancora da giocare. La combinazione fra l’italo-argentino e il play made in Brindisi funziona e la Reyer ritrova incisivita’ portandosi sul -4. Peric, lasciato completamente solo da uno Stone croce e delizia, rinttuzza il tentativo di rientro veneziano ed il parziale si chiude con Trieste avanti di 6: 57-51 il punteggio.

SECONDO QUARTO

Fernandez porta a 10 il suo break personale con 2 triple in avvio del secondo parziale. Watt prova a rispondergli ma Trieste, con Cavaliero, sigla il massimo vantaggio portandosi sul 21-15 in meno di 90″. La risposta veneziana arriva grazie a Washington che mette a segno un break di 7 punti per il -1 veneziano. Ristabilito l’equilibrio ne guadagna lo spettacolo, per fortuna ben diverso rispetto a quello al quale si e’ assistito nel primo parziale. A salire in cattedra e firmare il nuovo sorpasso orogranata è Mitchell Watt, che inizia a farsi strada a spallate sotto il ferro. Nonostante cio’ nessuna delle due squadre riesce a a prendere con decisione le redini del match e si giunge a meta’ del secondo parziale sul 26 pari. Ci prova Trieste con Strautins che firma 2 triple pesanti che valgono il +7 a 3’30” dall’intervallo lungo. Venezia non risponde cosi’ il canestro da sotto di Mosley fa suonare mille campanelli d’allarme nella testa degli orogranata che tornano a macinare punti con Biligha. E’ pero’ troppo poco perche’ Trieste in difesa dimostra solidita’ ed in attacco trova spazi da sfruttare. Arriva cosi’ il canestro di Wright che fissa il parziale sul 39-28 per Trieste. Il play americano ridicolizza poi Watt rubandogli palla e andando a canestro, sottolineando cosi’ il momento di superiorita’ ospite. Dopo i canestri di Mosley e Bramos le squadre imboccano gli spogliatoi con il punteggio sul 43-31 per gli ospiti.

PRIMO QUARTO

Il grande appluso del Taliercio alla presentazione dell’ex Peric da il via al match. Bramos infila i primi punti gara ma entrambe le squadre, in questi primi minuti, si fanno notare soprattutto per i numerosi errori al tiro. Strautins, Daye dalla distanza e Knox dalla lunetta animano in attacco un match ben piu’ gradevole per le giocate difensive. Tocca quindi al re della difesa Julyan Stone a smuovere il tabellone dall’arco mentre dalla lunetta Biligha fa il compito solo a meta’. Dopo meta’ del primo parziale Venezia avanti 9-6. Il match mantiene l’equilibrio grazie a Knox che infila in sospensione al limite dell’area e riporta il gap a -1 e pochi minuti dopo ci pensa Fernandez a realizzare il canestro del sorpasso triestino: 9-10 il punteggio a 92″ dal termine del primo parziale. Ancora il play italo-argentino risponde alla tripla di Bramos fissando il punteggio sul 11-12 con il quale si chiude un primo parziale piuttosto avaro di emozioni.

PALLA A DUE!

Finalmente Venezia Trieste sta per cominciare: per la Reyer la vittoria di domenica al PalaBancoDesio è stata davvero netta, un 93-71 nato già nel primo periodo (+9) con divario che si è via via ampliato fino ai 22 punti di margine finali. Il miglior realizzatore è risultato essere Michael Bramos che ha infilato 21 punti, grazie soprattutto alla straordinaria prova balistica (5/8 da oltre l’arco); in doppia cifra sono andati anche Mitchell Watt (17), Austin Daye (14 con 9 rimbalzi) e Marco Giuri (12), mentre Julyan Stone ha fornito una prova da 8 punti con soli quattro tiri (un errore), 4 rimbalzi, 5 assist e 5 recuperi per un ottimo 22 di valutazione, dato che ne fa ancora una volta un giocatore fondamentale per questa squadra. Non resta ora che mettersi comodi, dare la parola al campo e stare a vedere quello che succederà al Taliercio, sul cui parquet le due squadre stanno per iniziare a giocare: ci siamo dunque, la diretta di Venezia Trieste prende il via! (agg. di Claudio Franceschini)

STREAMING VIDEO E DIRETTA TV: COME VEDERE LA PARTITA

Non sarà possibile assistere alla diretta tv di Venezia Trieste, che non è una delle partite trasmesse per questo turno di campionato; come sempre però l’appuntamento per tutti gli appassionati è in diretta streaming video, grazie al servizio fornito dal portale Eurosport Player che anche in questa stagione ha l’intera gamma delle gare di pallacanestro. Dovrete essere abbonati alla piattaforma e, per assistere alle immagini, avrete bisogno di un collegamento tramite apparecchi mobili quali PC, tablet o smartphone. Sul sito www.legabasket.it troverete invece le informazioni utili come il tabellino play-by-play e le statistiche dei giocatori.

ORARIO E PRESENTAZIONE DELLA PARTITA

Venezia Trieste, partita che verrà diretta da Alessandro Martolini, Michele Rossi e Andrea Bongiorni, si gioca alle ore 17:30 di mercoledì 26 dicembre ed è valida per la dodicesima giornata del campionato di basket Serie A1 2018-2019. Interessantissimo incrocio triveneto al Taliercio: si affrontano infatti una Reyer che è ormai diventata una potenza del nostro basket, tanto da vincere uno scudetto e proporsi come chiara contendente dell’Olimpia Milano anche in questa stagione, e una società gloriosa che ha vinto campionati nel passato, tornata in Serie A1 da pochi mesi e già capace di piazzarsi in zona playoff grazie a ottime partite. Non vediamo dunque l’ora di assistere alla diretta di Venezia Trieste, una gara che ovviamente tira dalla parte dei padroni di casa ma che a conti fatti potrebbe essere meno scontata del previsto nel suo esito finale.

RISULTATI E PRECEDENTI

E’ ben evidente che Venezia Trieste veda la Reyer avere il vantaggio del pronostico come già detto, ma l’Alma sta facendo grandi cose: merito della società che ha costruito un roster competitivo e che se la potesse giocare ampiamente per la salvezza, merito dei giocatori che stanno disputando una stagione sopra le righe e merito di un grande condottiero come Eugenio Dalmasson, che dopo aver centrato la promozione dalla Serie A2 sta provando a prendersi i playoff alla prima stagione, risultato che sarebbe ovviamente straordinario. Intanto Trieste arriva da due vittorie consecutive: dopo i 110 punti e il +46 rifilato ad Avellino, i giuliani sono andati a vincere al PalaBigi contro una Reggio Emilia certamente in difficoltà, ma mostrando ancora una volta la loro qualità e la capacità di chiudere le partite. Una vittoria esterna è anche l’ultimo risultato di Venezia, corsara senza il minimo problema a Cantù; della Reyer c’è poco da dire, nel senso che ancora una volta Walter De Raffaele gioca il ruolo di prima avversaria di Milano per lo scudetto e prova a ricucire le distanze dal primo posto in regular season, creatasi con le sconfitte interne (proprio contro l’Olimpia, poi Varese). La consapevolezza ovviamente è che il vero momento importante sarà quello dei playoff, ma è chiaro che arrivare all’eventuale finale contro i campioni d’Italia con il fattore campo dalla propria parte non sarebbe un brutto affare per Venezia, che dunque ci proverà seriamente a cominciare da questa partita.



© RIPRODUZIONE RISERVATA