DIRETTA/ Brescia-Verona live (serie B 2011/2012): la partita in temporeale

- La Redazione

Alle 17 si gioca Brescia-Verona, gara valida per la 34esima giornata di serie B. Brescia in rincorsa per un posto nei playoff, Verona per la promozione diretta. Segui la diretta con noi.

Arcari_R400
Michele Arcari, portiere del Brescia (Infophoto)

La 34esima giornata di serie B prosegue e si chiude oggi, anticipata di un giorno perchè, essendo la Settimana Santa, la serie A gioca al sabato. Alle 17 si gioca Brescia-Verona, una delle tante partite molto interessanti del fine settimana. Le due squadre lottano per i playoff: il Brescia attualmente è ottavo, ma la rincorsa iniziata con Calori prosegue e i punti di distanza dal sesto posto sono adesso 3; il Verona lotta per le primissime posizioni, e la salita diretta nella massima serie resta un obiettivo concreto. La sfida porta in sè, al di là della classifica, altri spunti interessanti: rivalità accesa per la vicinanza geografica (potremmo definirlo il “derby del Garda”) e l’incrocio padre-figlio: l’allenatore del Verona Mandorlini trova il figlio Matteo, punto di forza del centrocampo delle Rondinelle. In più, le due squadre praticano un calcio piacevole e interessante, fatto di solidità difensiva e velocità negli uomini d’attacco. All’andata vinse il Verona 1-0, mentre sono 40 i precedenti giocati al Rigamonti: 17 successi del Brescia (l’ultimo nel giugno 2006), 15 pareggi e 8 affermazioni del Verona, che non vince a Brescia dal 1998/1999.

Il Brescia arriva all’appuntamento con il Verona sapendo di dover vincere per tenere il passo delle squadre in zona playoff. La vittoria del Varese sul Pescara costringe la squadra di Calori a centrare i tre punti per rimanere a 2 punti dai biancorossi. Il pareggio-beffa del Granillo è stato una doccia fredda per il Brescia, che nelle ultime tre giornate – cioè dopo la sconfitta casalinga subita dal Padova – ha ottenuto una vittoria e due pareggi, rallentando leggermente la corsa (erano 9 i turni di imbattibilità, con Arcari a rete inviolata da più di 900 minuti). In casa le Rondinelle sono già cadute sei volte, e hanno un rendimento identico rispetto alle trasferte: 25 punti, frutto dei 7 successi e dei 4 pareggi. 19 i gol fatti, gli stessi di quelli subiti: ma bisogna considerare che questi numeri sono “alterati” dalla precedente gestione di Beppe Scienza, che dopo un ottimo avvio, anche al di là delle aspettative, è entrato in crisi di risultati fino all’esonero. Calori ha sicuramente un ruolino migliore, ma ie somme si tirano considerando il totale. Nel Brescia oggi mancherà Zambelli, veterano del club lombardo (nona stagione al Rigamonti) e dopo Sebastian De Maio il difensore con più minuti giocati nell’anno in corso. Non sarà facile sostituirlo, Calori pensa all’altro “senatore”, Martinez, oppure all’arretramento di Matteo Mandorlini. Il centrocampista del Brescia si troverà oggi a giocare contro il padre, Andrea, che a Verona sta facendo un grandissimo lavoro. Dopo la promozione dello scorso anno, gli scaligeri sono al secondo posto, a pari punti con il Sassuolo, e oggi hanno la possibilità di staccare il Pescara sconfitto ieri. Ci sono tutti i presupposti per la promozione diretta, anche se il Verona deve sistemare il suo score esterno: vero che le vittorie sono 7, ma ci sono anche 6 sconfitte, 20 gol subiti che sono appena 1 in meno di quelli fatti, e soprattutto l’ultimo turno lontano dal Bentegodi è stato pessimo, con la sconfitta di Nocera Inferiore senza mai dare l’impressione di credere nei tre punti. Mandorlini sa che a questo punto il valore aggiunto saranno i punti conquistati in trasferta: il Verona ha un calendario non troppo impegnativo, questo è il penultimo scontro diretto, c’è il Varese alla penultima ma in casa: se i gialloblu faranno punti fuori dal Veneto, ci saranno possibilità in più per evitare i playoff. Mandorlini nel pomeriggio dovrà rinunciare a Esposito, Scaglia e Hallfredsson: pesano le assenze degli ultimi due, Scaglia è il terzino sinistro titolare, garantisce spinta e attenzione difensiva; l’islandese è il secondo miglior realizzatore della squadra con 6 gol e a centrocampo è l’uomo che accende il gioco e fa girare i compagni. Pugliese e Galli sono gli uomini chiamati a prenderne il posto: pochi minuti in stagione, non sono rodatissimi, potrebbe essere un problema. Lo vedremo tra poco, perchè Brescia-Verona sta per iniziare: segui e commenta la diretta di questa partita sul nostro sito.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori