VUELTA DI SPAGNA 2012/ Tredicesima tappa Santiago de Compostela-Ferrol: ordine d’arrivo e classifica. Vince Cummings, Rodriguez resta leader

Steven Cummings (Bmc) ha vinto la 13esima tappa della Vuelta 2012, la Santiago de Compostela-Ferrol (172,8 km), arrivando da solo sul traguardo. Leggi la cronaca e la classifica generale.

31.08.2012 - La Redazione
ciclismo
Immagini di repertorio (Fonte Infophoto)

La tredicesima tappa della Vuelta numero 67, la Santiago de Compostela-Ferrol di 172,8 chilometri, è stata vinta da Steven Cummings, corridore britannico della BMC che sul traguardo della Galizia ha preceduto di 4” Cameron Meyer (Orica-GreenEdge) e Juan Antonio Flecha (Team Sky); l’australiano e lo spagnolo facevano parte con Cummings di una fuga da lontano che ha visto a lungo tra i protagonisti anche Elia Viviani, poi staccato nel finale da un attacco proprio di Flecha. Stavolta è stato anticipato il gruppo, che non è riuscito a rientrare sui fuggitivi per soli 40 secondi. Il tedesco John Degenkolb non riesce così a raggiungere quota cinque successi in questo Giro di Spagna, ma deve accontentarsi di vincere la volata di gruppo, che gli è valsa il settimo posto. Altri tre componenti della fuga iniziale, l’australiano Clarke, il tedesco Gerdemann e il belga De Gendt (il terzo dello scorso Giro d’Italia) si sono infatti classificati dal quarto al sesto posto. Nulla cambia in classifica generale, con Rodriguez davanti a Contador e Froome.

Nella prima parte della tappa numerosi tentativi di fuga, ma nessuno va a buon fine finché, dopo circa 40 km, non riescono ad andare via Cummings, Meyer, Flecha, Clarke, Gerdemann, De Gendt e Viviani. Il vantaggio sale, anche perché in gruppo tirano soltanto Argos-Shimano e Lotto-Belisol: Degenkolb è considerato imbattibile da molti, e il fatto stesso che Viviani sia andato in fuga la dice lunga su quali siano le gerarchie delle ruote veloci in gruppo. I fuggitivi non riescono mai a conquistare un vantaggio straordinario, che arriva al massimo a quattro minuti, ma il gruppo fa fatica a recuperare: a 40 km dall’arrivo è ancora in ritardo di oltre due minuti, e ai meno 20 siamo a circa un minuto. I fuggitivi cominciano veramente a crederci, e su uno strappetto Flecha prova l’allungo. Viviani non ce la fa più e si stacca, così svanisce la speranza dell’Italia di vincere una tappa. La stoccata decisiva però è quella di Cummings a circa 3 km dall’arrivo. I due che cercano di resistere sono Meyer e Flecha, che rimangono a poca distanza ma non riescono più a ricucire questo margine. Il britannico della Bmc così può vincere da solo a braccia alzate e cogliere un successo prestigioso per lui e la sua squadra.

Domani la Vuelta proporrà la prima vera tappa di montagna, Palas de Rei-Puerto de Ancares. Soli 149,2 km, ma cinque Gpm e arrivo in salita di prima categoria.

 

 

1. Steven CUMMINGS (Gbr – BMC)

2. Cameron Meyer (Aus – Orica-GreenEdge) a 4”

3. Juan Antonio Flecha (Spa – Team Sky) s.t.

4. Clarke (Aus) a 14”

5. Gerdemann (Ger)

6. De Gendt (Bel)

7. Degenkolb (Ger) a 40”

8. Davis (Aus)

9. Swift (Gb)

10. Mondory (Fra)

 

1. Joaquim RODRIGUEZ (Spa – Katusha)

2. Alberto Contador (Spa – Saxo Bank) a 13” 

3. Chris Froome (Gb – Team Sky) a 51”

4. Valverde (Spa) a 1’20”

5. Gesink (Ola) a 2’59”

6. Moreno (Spa) a 3’29”

7. Roche (Irl) a 4’22”

8. Talansky (Usa) a 5’17”

9. Ten Dam (Ola) a 5’18”

10. Mollema (Ola) a 6’01”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori