Calciomercato Roma/ Frangiamone (ag.FIFA): i regali di Garcia: un mancino e un attaccante! (esclusiva)

In esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente FIFA Fulvio Frangiamone parla del calciomercato della Roma e in particolare del possibile arrivo di Paolo De Ceglie, per la fascia sinistra

30.12.2013 - int. Fulvio Frangiamone
maicon_derossi
Foto Infophoto

La Roma potrebbe rinforzare la fascia sinistra con l’arrivo di Paolo De Ceglie dalla Juventus. I giallorossi hanno deciso di rinforzare la fascia sinistra visto che Dodò potrebbe andare via a gennaio in prestito. Rudi Garcia è un allenatore che sta facendo un grande lavoro, potrebbe richiedere alla società romana l’acquisto di un calciatore per la fascia sinistra e anche in attacco. In esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente FIFA Fulvio Frangiamone ha parlato del calciomercato della Roma (clicca qui per seguire tutti gli aggiornamenti sulle notizie di calciomercato sulla Roma).

La Roma ha messo nel mirino Paolo De Ceglie come esterno sinistro. E’ il giocatore giusto? De Ceglie è un giocatore sicuramente importante che è abituato a certe pressioni. Ma non credo sia il giocatore giusto per i giallorossi.

Come mai? Perché De Ceglie è un calciatore molto offensivo, alla Roma servirebbe un calciatore diverso, più difensivo rispetto al terzino bianconero.

La Roma a gennaio potrebbe fare qualcosa di importante sul calciomercato? Io mi aspetto qualche movimento di rilievo perché se la Roma vuole restare in alto deve avere una rosa più ricca, soprattutto a livello di alternative ai titolari.

Cosa farebbe lei se fosse un dirigente della Roma? A sinistra sicuramente qualche giocatore potrebbe arrivare, ma anche in attacco farei qualcosa.

Eppure è tornato un grande Destro…E’ vero, solo che qualche infortunio o defezione di vario genere va sempre messa in conto, può sempre capitare. Per questo servirebbe un’altra alternativa di livello in attacco.

Che attaccante ci vorrebbe?

 Uno diverso da Totti e anche da Destro, credo che a Garcia servirebbe un giocatore d’area.

(Claudio Ruggieri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori