BASKET LEGA A/ Primo turno playoff, vincono Cantù e Reggio Emilia. Stasera gara-3 a Venezia e Siena

- La Redazione

Vittorie per Cantù e Reggio Emilia: la Lenovo prolunga la serie contro Sassari, la Trenkwalder asfalta Roma e conferma il vantaggio nel fattore campo. Stasera tocca a Varese e Milano

Trinchieri_Cantu
Andrea Trinchieri (Infophoto)

Siamo entrati nel vivo del primo turno dei playoff di basket Lega A. Le serie al meglio delle 7 partite sono lunghe: intanto, per gara-3 le quattro serie si spostano per le due partite in casa della peggio classificata. Chi ci arriva in vantaggio 2-0 cerca naturalmente il blitz per poi chiudere in casa (se proprio lo “sweep”, da noi cappotto, non sia possibile); chi invece il fattore campo l’ha già invertito prova a confermare il vantaggio. Nel primo caso, a Sassari il primo tentativo è andato male: la squadra di Meo Sacchetti si è dovuta arrendere a una Lenovo Cantù che è stata avanti per tutta la partita ma nel secondo tempo, complice un terzo quarto sciagurato, ha rischiato di compromettere tutto. Finisce 73-71 con gli ultimi istanti al cardiopalma: la Dinamo parte con il fallo sistematico, lo commette Thornton (il quinto: 12 punti con un pessimo 4/14 al tiro) che manda in lunetta Jonathan Tabu (9 punti). Il playmaker di Cantù fa 0/1, il Banco di Sardegna ha la palla per la vittoria ma Travis Diener si fa stoppare da Jeff Brooks (5 e 6 rimbalzi in 27 minuti) e così si va sul 2-1. Sassari paga l’orrido 25% da 3, un Drake Diener da 1/4 dall’arco e un Travis Diener stranamente silente alla voce assist (appena uno), mentre la Lenovo manda tre uomini in doppia cifra (il migliore Leunen con 17), vince la lotta a rimbalzo (41-35) e ha decisamente più intensità, come spesso accade in gara-3 (ripetiamo: le serie sono lunghe, non si può pensare di vincerle tutte di 20 punti). A Reggio Emilia, la Trenkwalder fa il suo dovere, e lo fa ampiamente: l’Acea Roma è ancora senza Gani Lawal e Jordan Taylor, e cade ancora nettamente (89-69) come era accaduto in gara-1 sul suo parquet. Gli emiliani sono una macchina che funziona alla perfezione: Donell Taylor ne fa 20, Antonutti ne aggiunge 17 e Cinciarini 16, e non c’è nemmeno bisogno del miglior Troy Bell. Roma è solo Datome: 20 punti con 6 rimbalzi. Per Calvani un dato che deve far preoccupare: la sua squadra domina a rimbalzo (36-19, Brunner tenuto a quota 3) ma non riesce a capitalilzzare e così progressivamente scivola via, perdendo tutti i parziali e crollando definitivamente nell’ultimo quarto. A questo punto a Roma non resta che tentare la vittoria in gara-4 per riprendersi il fattore campo, ma anche così la serie sembra decisamente indirizzata verso una vera sorpresa di questo campionato. Questa sera le altre due partite: Varese e Milano, in vantaggio per 2-0, vanno rispettivamente a Venezia e Siena. Le due squadre in casa cercheranno di obbligare le favorite a tornare nel loro palazzetto per chiudere la pratica, da vedere se la Montepaschi avrà superato lo shock psicologico di una vittoria fondamentale buttata alle ortiche con una scelta scriteriata di uno dei migliori in campo (Tomas Ress). Si gioca, in Veneto come in Toscana, alle 20:30.

 

Cimberio Varese – Umana Venezia 92-74

Cimberio Varese – Umana Venezia 81-72

Umana Venezia – Cimberio Varese stasera ore 20:30

 

Banco di Sardegna Sassari – Lenovo Cantù 90-70

Banco di Sardegna Sassari – Lenovo Cantù 83-78

Lenovo Cantù – Banco di Sardegna Sassari 73-71

Lenovo Cantù – Banco di Sardegna Sassari 15 maggio

 

Acea Roma – Trenkwalder Reggio Emilia 58-70

Acea Roma – Trenkwalder Reggio Emilia 82-58

Trenkwalder Reggio Emilia – Acea Roma 89-69

Trenkwalder Reggio Emilia – Acea Roma 15 maggio

 

EA7 Emporio Armani Milano – Montepaschi Siena 103-79

EA7 Emporio Armani Milano – Montepaschi Siena 81-79 dts

Montepaschi Siena – EA7 Emporio Armani Milano stasera ore 20:30



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori