CALCIOMERCATO/ Inter, Moratti: Nagatomo lo seguivamo da tempo, sta rendendo

- La Redazione

Corre verso la conferma e di conseguenza il riscatto, il terzino sinistro dell’Inter della nazionale giapponese, Yuto Nagatomo. Lo si capisce dalle parole del patron Moratti

nagatomo_inter_R400_4feb11
Nagatomo con la maglia nerazzurra (Foto Ansa)

CALCIOMERCATO INTER – Corre verso la conferma e di conseguenza il riscatto, il terzino sinistro dell’Inter della nazionale giapponese, Yuto Nagatomo. Ieri, parlando del giovane di proprietà del Cesena, è intervenuto il numero uno di corso Vittorio Emanuele, Massimo Moratti. Il patron nerazzurro ha fatto capire che il giocatore era nel mirino da diverso tempo, prima dell’arrivo di Leonardo: «Yuto era seguito da un po’ di tempo – si legge sul sito web ufficiale dei campioni d’Italia – è stata un’opportunità, abbiamo fatto uno scambio di prestiti che andava bene sia lui che a Santon. Poi, per noi, prendere Nagatomo significa provare a vedere un giocatore con delle caratteristiche particolari, che per il momento mi sembrano rendano molto bene».

Si parla naturalmente anche della sfida in programma domani sera contro lo Schalke 04, fondamentale per il proseguo del cammino in Champions League: «Qui la questione è rimanere concentrati e tentare qualcosa che è impossibile di per sè, ma che proprio questa impossibilità la rende affascinante come sfida. Milito? A me è sembrato di vederlo bene. Nelle due uscite che ha fatto, l’ho trovato sciolto, freschissimo, questa è una bellissima cosa e se ci desse una mano in questo momento qui sarebbe utilissimo, ma comunque vedo tutti molto carichi. Sappiamo che è qualcosa di molto difficile ma, ripeto, il fascino di questa partita è proprio l’impossibilità».

Chiosa su Samuel, tornato fra le fila dei convocati dopo circa 5 mesi: «Comincerà a far parte del gruppo anche se non penso possa giocare. Samuel è una certezza, tutti ci siamo dimenticati che se quest’anno fosse stato in campo forse qualcosa di diverso l’avremmo avuto, la sua presenza è fondamentale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori