CALCIOMERCATO/ Inter, Tramontana: Julio Cesar e Maicon in uscita. Stankovic? Con l’offerta giusta via anche lui (esclusiva)

Filippo Tramontana analizza il calciomercato dell’Inter alla luce delle ultime indiscrezioni: da Julio Cesar e Pazzini la rosa è piena di incognite in ogni reparto: ecco i casi più spinosi

03.07.2012 - int. Filippo Tramontana
julio_cesar_maicon_samuel_zanettiR400
Julio Cesar (infophoto)

L’Inter sta valutando i prossimi movimenti di calciomercato. Lo slogan è chiaro: vendere prima di comprare. L’Inter deve snellire il monte stipendi attuale, “liberandosi” anche di alcuni elementi storici. Le ultime indiscrezioni di calciomercato hanno gettato nell’occhio del ciclone anche Julio Cesar, storico portiere dell’ultimo lustro di successi. Per lui si parla di rescissione di contratto, mentre anche Maicon è da tempo sulla lista dei partenti, destinazione Chelsea. Lucio se n’è appena andato, e su tutto il blocco storico (esclusi Zanetti e Samuel) grava l’ombra del calciomercato, se pensiamo che persino una bandiera come Dejan Stankovic è stata di recente accostata al West Ham. Per fare una panoramica della situazione di casa Inter ilsussidiario.net ha intervistato in esclusiva Filippo Tramontana, giornalista di Italia 7 Gold molto vicino alle vicende nerazzurre. Ecco le sue impressioni:

Julio Cesar è in vendita solo per l’ingaggio?

Il discorso degli ingaggi è vero, soprattutto con gli ultratrentenni. E’ vero anche che per il portiere è diverso che per i giocatori di movimento, però per uno di trentatre anni quattro milioni l’anno sono troppi. Poi ci sono anche fattori extra campo.

Che sarebbero?

Julio Cesar salta almeno 15 partite l’anno per il mal di schiena, e poi comunque l’Inter ha in mano un altro portiere più giovane.

Quindi Handanovic arriva, possiamo dirlo con certezza?

E’ una trattativa bene avanzata, anche se ancora da verificare in alcuni aspetti. La pista più calda è Silvestre, ma sono trattative che si sbloccheranno dopo alcune partenze.

Quale affare sarà chiuso prima?

Silvestre: l’Inter non vuole correre il rischio di farselo soffiare come è già successo con altri giocatori.

Stankovic al West Ham: quanta verità c’è?

Se arriva l’offerta buona l’Inter farebbe un affare: Stankovic va per i trentacinque anni, ha problemi fisici e un ingaggio pesante. In generale il discorso di Stramaccioni mi pare chiaro.

Ovvero?

Far giocare e portare avanti i giovani, con ingaggi più bassi. Se il West Ham investe qualche milione per Stankovic l’Inter lo cede sicuramente.

A proposito di giovani: quanto spazio avranno quelli della Primavera, che Stramaccioni conosce bene e che tanto hanno fatto quest’anno?

Anzitutto M’Baye, Duncan e Longo sono già stati spostati in prima squadra, si vede anche sul sito ufficiale. Poi è ovvio che non si può trasportare tutta la Primavera in blocco.

Invece Daniel Bessa, che forse è l’elemento più dotato della squadra Primavera?

Lui dovrebbe andare in prestito, come è stato fatto con Coutinho. Ma non si priveranno di lui a titolo definitivo, come si dice: servirà anche per creare buoni rapporti con la società a cui verrà girato.

Vicino Silvestre, bloccato Handanovic: da dove arriveranno i soldi per l’erede di Maicon?

Sfrutteranno la cessione dello stesso Maicon, che andrà rimpiazzato per forza.

I tifosi devono rassegnarsi a vederlo partire?

Sì perchè ha trentuno anni, guadagna più di quattro milioni l’anno e l’anno prossimo lo si perderebbe a costo zero perchè va in scadenza di contratto. Però è chiaro che va assolutamente sostituito.

Chi arriverà al suo posto?

Tornerà Jonathan che però è un’incognita. Arriverà uno tra Debuchy e Cissokho, che sono i due che l’Inter sta osservando. In ogni caso, anche non potendo arrivare a questi un sostituto di buon livello lo troveranno.

Perchè non arriva Andreolli, trattato ormai da mesi?

Perchè prima ci sono altri tasselli.

In che senso?

Prima bisogna prendere Silvestre, poi il laterale che sostituisce Maicon, eventualmente anche il nuovo portiere. La necessità di prendere Andreolli arriva dopo, anche perchè la trattativa è più semplice delle altre.

Invece Ranocchia sarà ceduto? Si continua a parlare di Juventus, Manchester City…

Non credo, sarebbe una follia.

Addirittura?

L’Inter deve disputare tre competizioni, e non può farlo con due centrali di difesa. Oggi abbiamo Samuel, Ranocchia e Chivu adattato ovunque: non si può vendere anche Ranocchia, che ha ventiquattro anni, non guadagna tanto ed è il futuro della nazionale.

Pazzini: l’Inter punta a cederlo per incassare o non ci credono più?

Pazzini poteva essere inserito nella trattativa per Lavezzi, però non è in vendita. E’ chiaro che se arriva una squadra dall’estero e ti offre 15 milioni glielo si vende, visto anche il momento. Se arriva un’offerta elevata per un giocatore l’Inter lo cede, anche fosse Sneijder.

Qualcuno si è mosso per acquistare Pazzini?

Dall’Inghilterra sono arrivati dei sondaggi, so che il Tottenham lo aveva chiesto.

In Italia è ancora aperto il discorso col Napoli?

Diciamo che non c’è mai stata una trattativa al di fuori del discorso Lavezzi.

Si aspettava che Lucio potesse trattare con la Juventus?

No, perchè non pensavo che la Juve puntasse su un giocatore di trentaquattro anni suonati, dandogli un ingaggio importante.

Come commenta questa scelta?

Non sbagliata, perchè comunque Lucio ha esperienza internazionale e può aiutare la difesa della Juventus nel turnover, anche per la Champions.

L’Inter si pentirà di averlo liquidato?

No, dopo l’ultima stagione c’era assolutamente bisogno di cambiare. Hanno fatto bene entrambe in questa operazione.

Nei limiti del possibile, che sogno di calciomercato possiamo dare ai tifosi dell’Inter?

Premetto che è difficile, ma se arriva Lucas sarei felicissimo.

Lo ritiene pronto per l’Inter?

Da quello che ho visto, mi ricorda Lothar Matthaus, come potenza, cavalcata e progressione. Mi piacerebbe molto vederlo all’Inter, ma francamente non è facile.

 

(Carlo Necchi)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori