CALCIOMERCATO/ Juventus, Roma: Zamparini blinda Pastore ed Hernandez

- La Redazione

Non sembrano in partenza i gioielli di casa Palermo, precisamente, i due talenti Javier Pastore e Abel Hernandez. Lo ha detto chiaramente ieri Maurizio Zamparini

Pastore_R375_16ott09
Javier Pastore (Foto: Ansa)

CALCIOMERCATO JUVENTUS, ROMA – Non sembrano in partenza i gioielli di casa Palermo, precisamente, i due talenti Javier Pastore e Abel Hernandez. Lo ha detto chiaramente ieri Maurizio Zamparini mandando di conseguenza un messaggio alla Juventus e alla Roma, le due big italiane maggiormente interessate ai giocatori della società siciliana: «Pastore? Dalla Juve non siamo stati contattati – le parole di Zamparini a Gr Parlamento – ne’ penso rientri nel budget della squadra bianconera. Il prezzo va dai 50 milioni di euro in su. Sono stato avvicinato da altre squadre, dal Real Madrid, dal Chelsea, dal Barcellona, dal Manchester City, ma il giocatore ha detto che non si vuole muovere e resta al Palermo, a meno che non mi chieda di andare via. A metà campionato ci sono stati degli scenari aperti, hanno avvicinato il procuratore Pastore. Ora è in calo, ma è sempre Pastore. Con l’amico Marotta mai nessun contatto. Una società ‘americana’ interessata? La società americana ancora deve capitalizzarsi…».

Discorso molto simile per Abel Hernandez, attaccante uruguagio che sarebbe seguito con estremo interesse dalla Roma: «La Roma su Hernandez? In questo momento non ha nè direttore generale nè direttore sportivo. Ho incontrato Sabatini, siamo amici e ci rispettiamo molto ma non mi ha chiesto Hernandez, alla Roma oggi c’è problema di assetto generale, speriamo arrivino Sabatini e Baldini che sono due ottimi dirigenti. Il costo dell’attaccante uruguayano? Sopra i 20 milioni, neanche un euro di meno… contropartite? Se mi date Totti…».

Chiusura su Delio Rossi la cui permanenza a Palermo potrebbe concludersi al termine della stagione in corso: «E’ chiaro che tra di noi non c’è sintonia, ma quello che succederà nella prossima stagione lo decideremo alla fine. E’ in programma un incontro tra me e lui, ma non da presidente ad allenatore, ma da uomo a uomo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori