DIRETTA/ Pescara-Juventus live (Serie A 2012/2013): la partita in temporeale

- La Redazione

Pescara-Juventus è la partita che chiude il sabato degli anticipi della dodicesima giornata di Serie A. Una formalità per la Juve? La diretta di Pescara-Juventus live in temporeale

giovanni_stroppa_pescara_r400 Giovanni Stroppa (infophoto)

Pescara-Juventus è la partita che chiude il sabato degli anticipi della dodicesima giornata di Serie A. Il Pescara quota undici punti è in una situazione di classifica decisamente pericolosa. Basta poco per scivolare nelle acque scure della zona retrocessione, e di sicuro la squadra di Stroppa vuole dare tutto per riconfermarsi in Serie A dopo la cavalcata trionfale dello scorso anno in cadetteria. Oggi contro la Juventus non sarà certo una passeggiata, anzi. I bianconeri infatti, in testa al campionato con solo una lunghezza sulla seconda, hanno il dovere di piegare il Pescara per lanciarsi a quota trentun punti e mettere al sicuro il primato almeno per questa domenica. Dopo la partita di Champions League la Juventus pare aver riacquisito quella sicurezza che le ultime gare (a livello più che altro i prestazione, non di risultati) avevano messo in dubbio. Contro il Pescara serve vincere, ovviamente, meglio se bene e la Juventus lo sa. La squadra di Conte sa anche di avere tutte le carte in regola per riuscire nell’impresa, ma ogni risultato deve essere conquistato sul campo. E in linea teorica, Pescara-Juventus potrebbe anche concludersi con un pareggio. In caso di segno X chiaramente il Pescara potrebbe festeggiare il punto guadagnato contro i Campioni d’Italia in carica quasi come una vittoria, mentre la Juventus, qualora non dovesse andare oltre il pari, dovrebbe temere di perdere il primato in classifica e affrontare per la prima volta da un anno a questa parte la possibilità di andare in difficoltà a livello di risultati, dopo la prima sconfitta in cinquanta partite.

Il Pescara arriva all’appuntamento con la Juventus dopo aver raccolto quattro punti nelle ultime cinque partite. Un magro bottino, certo, ma la vittoria nell’ultima giornata di campionato ha dato morale agli abruzzesi che non hanno intenzione di partire battuti proprio in casa contro i Campioni d’Italia della Juventus. Eppure all’Adriatico il Pescara ha uno score non propriamente invidiabile. Sei partite giocate, due vittorie, un pareggio e tre sconfitte (meglio comunque di quanto raccolga in trasferta, questo è chiaro), non sono certo sinonimo di una fortezza inespugnabile. Cinque gol fatti, nove subiti in sei partite rendono bene l’idea del fatto che lo spettacolo di Zemanlandia si sia oramai spostato lontano, lontanissimo da Pescara. Stroppa per questo big match con la Juventus dovrà rinunciare a diversi giocatori e stare attentissimo ai cartellini che potrebbero falciare il centrocampo bianco-azzurro: Quintero e Cascione sono infatti diffidati. Stroppa, dicevamo, non potrà contare causa infortunio su: Blasi, Colucci, Terlizzi, Crescenzi, Togni e Brugman. Niente male per preparare una sfida con la Juventus. Vedremo se Weiss e compagni basteranno… La Juventus si presenta a Pescara con un unico obiettivo: archiviare la pratica nel minor tempo possibile per scappare di nuovo avanti e costringere alla vittoria gli inseguitori. Punto. E per farlo deve dimostrare di essere la miglior Juventus, molto più competitiva di quella vista nell’ultimo mese, anche perché le sfide facili non piacciono e Conte (certo non per aver sottovalutato l’avversario) rinuncia a Paul Pogba per punirlo e far vedere al talentino di 19 anni che per essere un vero bianconero non importa solo quanto bene sai trattare la palla. D’altronde la Juventus che si appresta a risolvere il nodo Pescara è pur sempre una squadra in grado di collezionare dodici punti in cinque partite e in trasferta ha vinto quattro partite su cinque concedendo agli avversari solamente un pareggio. Non è certo poco. Anche perché se guardiamo i gol, qui di certo c’è da divertirsi: dieci reti segnate e solo tre subite. Detto questo, ogni partita è storia a sé, Conte lo sa bene, e il Pescara pur non irresistibile visto quest’anno potrebbe rivelarsi una brutta gatta da pelare se la partita non si instraderà subito sul giusto binario. Chiellini e Pirlo diffidati rischiano di mettere nei guai la Juventus per la prossima sfida di Campionato, mentre la scelta di non contare su un Pogba in forma è coraggiosa, e serve per mettere il gruppo davanti a tutto e tutti. A quale prezzo lo scopriremo tra poco. E ora la parola al campo, perché Pescara-Juventus sta per cominciare…

La stanza si aprirà alle 20:40

 

Risorsa non disponibile





© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori

Ultime notizie

Ultime notizie