CALCIOMERCATO/ Milan, piace De Jong ma il City non lo svende

Il Milan cerca sempre un centrocampista da piazzare davanti alla difesa: piace Nigel De Jong sul quale c’è anche l’Inter, ma il City non vuole fare sconti sul cartellino del giocatore.

23.08.2012 - La Redazione
Nigel_DeJong
Nigel De Jong, 27 anni, dal 2009 al Manchester City (Infophoto)

Non si ferma il calciomercato del Milan. Sono giorni frenetici quelli dei rossoneri: ieri si è conclusa l’operazione che ha portato a Milanello Giampaolo Pazzini in cambio di Antonio Cassano, una trattativa che ha permesso a Galliani di consegnare alla rosa di Massimiliano Allegri quella prima punta che era diventata un’assoluta necessità dopo la partenza di Zlatan Ibrahimovic, ancora di più quando Pato si è fermato per l’ennesimo infortunio muscolare (si parla di tre settimane di stop). In serata era stato definito il passaggio in prestito di Zé Eduardo dal Genoa, ma il calciatore non ha gradito la prospettiva di dover effettuare un provino e così non se ne è fatto nulla (clicca qui per approfondire). Non c’è però solo l’attacco nei pensieri della dirigenza del Milan: il precampionato ha chiarito quello che si sapeva già, ovvero che con l’addio di Van Bommel è venuto a mancare un regista davanti alla difesa. Allegri ha provato Montolivo come playmaker nel Trofeo Berlusconi, ma l’esperimento non ha dato i frutti sperati. Sfumato Nuri Sahin che andrà all’Arsenal – ma non è ancora ufficiale – Allegri ha chiesto un centrocampista muscolare, sulla scia della scelta che aveva fatto quando ha avallato la cessione di Pirlo alla Juventus. Piace sempre Nigel De Jong del Manchester City: su di lui c’è anche l’Inter. L’olandese, classe 1984, è in uscita dai Citizens e, secondo il Sun, gradirebbe la destinazione Italia, considerando la serie A un campionato di livello nel quale confrontarsi. Roberto Mancini non lo considera: di fatto, è sempre stato così da quando ha sostituito Mark Hughes sulla panchina dell’Etihad Stadium. La conferma arriva dalle continue richieste del Mancio alla sua società, ultima in ordine di tempo quella di domenica, al termine della partita vinta in rimonta contro il Southampton: “A centrocampo ci manca qualcosa”. Le continue pressioni alla Roma per Daniele De Rossi, del resto, fanno capire che su De Jong non si fa affidamento; in estate è arrivato Rodwell dall’Everton, ed è subito andato in campo con risultati non esaltanti (suo l’errore che ha portato al gol del momentaneo 1-2). Insomma, De Jong è sul piede di partenza, e così il Milan prova a inserirsi tra il City e l’Inter, che da tempo ha il giocatore nel mirino. Però, Stramaccioni ha ottenuto le prestazioni di Walter Gargano, e quindi almeno sulla carta il suo centrocampo dovrebbe essere a posto. Non così quello del Milan, che vede in De Jong il mediano perfetto per completare un reparto che abbonda di mezzali ma manca della mente che lo possa condurre. Non che l’orange sia un regista puro, ma non lo era nemmeno Van Bommel: 

Come abbiamo detto, le indicazioni di Allegri sono piuttosto chiare. Peccato però che lo sceicco Mansour non abbia la minima intenzione di fare sconti: se De Jong partirà, lo farà al suo giusto prezzo. Ovvero, non meno di 10 milioni di Euro. Difficile che il Milan possa mettere sul piatto una cifra simile: Galliani ne ha già spesi 7,5 come conguaglio per Pazzini, e la trattativa per Kakà (non convocato per l’andata della Supercoppa di Spagna contro il Barcellona, clicca qui per le probabili formazioni) non decolla proprio perchè il Real Madrid vuole vendere a titolo definitivo il brasiliano e il Milan, mancando dei fondi necessari, punta al prestito. Però, i rossoneri stanno alla finestra, sperando che l’avvicinarsi della deadline del calciomercato possa far abbassare le pretese al Manchester City. Improbabile, non impossibile.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori