CALCIOMERCATO/ Milan, Kakà: boom negli abbonamenti! Ma El Shaarawy è tentato dal Borussia…

L’arrivo di Ricardo Kakà al Milan ha generato grande entusiasmo negli ambienti rossoneri e i dati relativi agli abbonamenti Champions ne sono una chiara conferma. Intanto El Shaarawy…

06.09.2013 - La Redazione
kaka_cologno
Kakà è tornato al Milan (Infophoto)

CALCIOMERCATO MILAN – L’amministratore delegato rossonero, Adriano Galliani, li chiama gli “Orfani di Kakà”. Sono quei tifosi che hanno abbandonato San Siro dall’estate del 2009, da quando cioè il brasiliano lasciò Milanello per iniziare la sua nuova avventura fra le fila del Real Madrid. Gli “Orfani” sono circa 15 mila supporters che pare abbiano risposto con grande entusiasmo al ritorno del “Figliol Prodigo” come evidenziato dai dati relativi ai mini-abbonamenti in Champions. Nella sola giornata di martedì sono stati infatti sottoscritte, guarda caso, ben 15 mila nuove tessere, che hanno portato a 20 mila abbonamenti in totale per la Coppa. Un primo grande successone che va ad unirsi al ritrovato entusiasmo nell’ambiente milanista, a cominciare dagli stessi giocatori, per arrivare agli incredibili numeri dei social network rossoneri degli ultimi giorni. L’ad Galliani attende con ansia i dati relativi agli abbonamenti in Serie A, fermi negli scorsi giorni attorno ai 22 mila, e vicini a superare il record negativo della scorsa stagione di circa 23 mila.

CALCIOMERCATO MILAN – Ma c’è un altro lato della medaglia in quel di Milanello, ed è Stephan El Shaarawy. Se Kakà rappresenta il sorriso e la gioia, il Faraone è invece il broncio. E’ fuori dall’11 titolare rossonero, visto che Allegri gli preferisce Matri nel 4-3-1-2, ed è out anche nella Nazionale che scenderà in campo questa sera contro la Bulgaria. Stando a quanto riferito dal portale 4-4-2.com sulle tracce dell’italo-egiziano si sarebbe messa una big del Vecchio Continente, la vice-campione d’Europa del Borussia Dortmund, che avrebbe individuato in El Shaarawy il potenziale erede di Robert Lewandowski. Ci sarà molto tempo per discutere del futuro del Faraone ma da qui a gennaio qualcosa dovrà assolutamente succedere, perché sembra impensabile vedere il rossonero in panchina fino al prossimo inverno, dopo la stagione 2012-2013 (seppur a metà) da assoluto protagonista.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori