SIENA-NAPOLI/ Carratelli: Iachini l’arma in più dei toscani, partenopei con più qualità ma…(esclusiva)

- int. Mimmo Carratelli

MIMMO CARRATELLI commenta in esclusiva i temi di Siena-Napoli: penultima giornata del girone d'andata di serie A, i partenopei devono ripartire dopo il -2 di penalizzazione per Cannavaro.

Siena_Napoli Un'immagine di Siena-Napoli della scorsa stagione (Infophoto)

L’esordio di Beppe Iachini sulla panchina del Siena ha fornito i primi effetti: squadra più tonica, più combattiva che ha lottato fino in fondo nell’incontro di Coppa Italia con la Lazio, perdendo poi solo ai calci di rigore e facendosi rimontare la rete del vantaggio solo al 95′. Ora servirà una conferma nel match casalingo che lo vedrà opposto al Napoli in questa diciottesima giornata di campionato. Sono 11 i punti della formazione toscana (6 di penalizzazione) contro i 31 del Napoli. Gli azzurri non stanno attraversando un periodo felice, visto che vengono da 4 sconfitte consecutive. Ai 2 risultati negativi in campionato va aggiunta la sconfitta in Europa League contro il Psv Eindhoven e l’eliminazione in Coppa Italia contro il Bologna. E poi oltre a questi risultati c’è stata la vicenda del calcioscommesse che ha portato il Napoli a subire 2 punti di penalizzazione e la squalifica di Fabio Cannavaro e di Grava per 6 mesi. Insomma: Siena-Napoli sembra proprio una partita tra due squadre in crisi, che potrebbero con un successo ricominciare un ciclo positivo che li porti a raggiungere i loro traguardi. Per commentare quest’incontro abbiamo sentito Mimmo Carratelli. Eccolo in questa intervista esclusiva rilasciata a ilsussidiario.net.

Siena-Napoli, partita importante per entrambe le squadre? Una partita per risollevarsi e uscire dalla crisi sia per il Siena che per il Napoli. Servirà un risultato positivo per le due squadre. Potrebbe decidere la partita la formazione che correrà di più, che vincerà questo match sul piano fisico.

I toscani avranno in panchina il nuovo allenatore Giuseppe Iachini: tatticamente cosa può portare di nuovo? Già si è vista la determinazione con cui il Siena ha affrontato la partita di Coppa Italia contro la Lazio, dove ha messo in difficoltà la formazione capitolina perdendo l’incontro solo ai calci di rigore. In effetti quindi l’effetto del cambio di allenatore e dell’arrivo di Iachini si è visto già. Cosmi non aveva lavorato male, ma non aveva ottenuto risultati. Bisognerà vedere ora cosa farà il Siena nella partita col Napoli. In questi casi la squadra può reagire in modi contrastanti.

Siena alla ricerca di punti importanti per la salvezza, sarà la partita giusta per ottenerli? Potrebbe anche esserlo, visto che per il Siena un risultato positivo sarebbe proprio importante. A livello tecnico il Napoli è decisamente superiore, ma il Siena ha la possibilità di mettere in difficoltà gli azzurri.

Il Napoli viene da un periodo veramente difficile, male in campionato e eliminato in Coppa Italia. Inciderà sulla gara? 4 sconfitte consecutive sono tante, dipende da come il Napoli saprà uscire da questo momento, se avrà la forza mentale per reagire. Ci sono in effetti problemi, visto che Maggio e Zuniga non stanno rendendo come si potrebbe sperare. L’assenza di Fabio Cannavaro non sarà una cosa buona. Insomma quello che conterà alla fine della partita sarà anche la formazione che scenderà in campo.

In più ci sono i 2 punti di penalizzazione: scudetto ormai irrangiungibile? Il Napoli non ha mai pensato a vincere lo scudetto. Era un traguardo di cui si parlava per puntare più facilmente al secondo posto. Quanto ai 2 punti di penalizzazione certo non sono una cosa positiva: il Napoli paga per la responsabilità oggettiva che prima o poi bisognerà eliminare. Credo che alla fine un punto di penalizzazione sarà quanto rimarrà dopo il terzo grado di giudizio. La squalifica di Cannavaro complica le cose al Napoli, che sarà costretto a trovare un’alternativa nel reparto difensivo a questo giocatore.

Il Napoli interverrà sul mercato a gennaio? Mazzarri ha detto che si potrebbe anche evitare di cercare di sostituire Cannavaro.

Non so cosa abbia in mente Mazzarri. Se pensa che non sia indispensabile sostituire Cannavaro l’alternativa a questo giocatore sarà la coppia Britos-Campagnaro. Ricordiamoci poi che Cannavaro ha già la sua età e bisognerebbe quindi pensare al futuro. Sicuramente il Napoli avrebbe bisogno di un difensore e di rinforzare i suoi esterni, di trovare un’alternativa a Maggio e Zuniga. Credo comunque che non saranno fatti grandi colpi, sia perchè sul mercato non ci sono grandi giocatori, sia perchè il Napoli punterà più a rinforzarsi per la prossima stagione.

Tornando alla partita: Cavani, Pandev, Insigne dovrebbero giocare tutti assieme, non le sembra una squadra troppo spregiudicata? In effetti il fatto che giochino tutti assieme offrirà spazi al Siena che potrebbe approfittarne. Alla fine l’unico che potrebbe sacrificarsi per la squadra potrebbe essere Insigne.

Dove si deciderà questo incontro? A centrocampo, e sarà anche importante l’energia che le due squadre sapeanno mettere in campo. La qualità tecnica del Napoli è migliore, ma il Siena dispone di un giocatore come Rosina, centrocampista di valore, autore di assist importanti. Poi c’è Calaiò, che in attacco sa essere sempre incisivo e sembra aver dimenticato i suoi tempi di Napoli, per pensare solo alla salvezza di Napoli.

Il suo pronostico per Siena-Napoli? Potrebbe essere un pareggio che andrebbe bene al Siena per le sue speranze di salvezza, meno al Napoli a cui solo la vittoria potrebbe dare quel morale giusto di cui ha bisogno.

 

(Franco Vittadini)





© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori

Ultime notizie

Ultime notizie