CALCIOMERCATO/ Napoli, Andreolli subito, Neto e Astori in estate

Dopo aver acquistato Pablo Armero ed Emanuele Calaiò il Napoli punta ora a puntellare la retroguardia, viste le partenze di Aronica e Dossena e la squalifica di Cannavaro e Grava

14.01.2013 - La Redazione
andreolli_milito_chievo_interR400
Marco Andreolli ha segnato un gol (Infophoto)

Dopo l’arrivo ufficiale di Pablo Armero dall’Udinese e quello di Emanuele Calaiò dal Siena, il mercato del Napoli si dedicherà nei prossimi giorni alla ricerca di un difensore centrale. A Castelvolturno il reparto arretrato è rimasto con la coperta corta: Salvatore Aronica è stato venduto al Palermo, e ovviamente bisogna fare fronte alle squalifiche di Paolo Cannavaro e Giuseppe Grava. Diversi sono i sondaggi effettuati nelle ultime settimane dal direttore sportivo Riccardo Bigon, tutti con l’obiettivo di individuare la classica occasione di gennaio, senza incappare in spese eccessive, destinate solamente alla finestra estiva quando ci sarà più tempo per ragionare e bisognerà impostare la prossima stagione. Ecco perché non sembrano fattibili le pratiche relative a Neto del Siena e ad Astori del Cagliari. Il secondo a dire la verità piace più del primo, come ci aveva già confidato Carlo Alvino (clicca qui per l’intervista esclusiva), ma ad ogni modo nessuno dei due dovrebbe arrivare al San Paolo entro il prossimo 31 gennaio. Per il portoghese i toscani chiedono circa 8 milioni di euro, mentre per il rossoblu la cifra si assesta attorno ai 10/15 milioni di euro. Più facile quindi provare ad intavolare qualche operazione per giocatori in scadenza di contratto: su tutti spicca Marco Andreolli del Chievo. Con l’accordo con i veneti in scadenza il prossimo 30 giugno, il ragazzo potrebbe lasciare lo stadio Bentegodi a giorni. Fino ad oggi i vertici clivensi hanno smentito qualsiasi trattativa ma nulla è da dare per scontato, soprattutto con l’avvicinarsi al giro di boa di questo mercato di riparazione del 2013, quando cioè il Napoli dovrà stringere sulle proprie piste e arrivare a una decisione. Altra pista calda è quella che porta a Matias Silvestre dell’Inter. Il difensore è sceso in campo sabato sera a San Siro contro il Pescara, concludendo la gara con esito positivo, ma fino ad oggi l’ex Palermo e Catania ha deluso, e spesso e volentieri Andrea Stramaccioni ha pensato a soluzioni alternative (leggasi Cambiasso centrale), pur di schierare dal primo minuto il difensore di Buenos Aires. Difficile pensare che la prova positiva di due giorni fa possa far ricredere l’allenatore, che quando avrà nuovamente a disposizione Ranocchia e Samuel (oltre a Juan Jesus che era squalificato) Silvestre tornerà ad accomodarsi in panchina. Visti gli ottimi rapporti intercorsi sull’asse Milano-Napoli, non è da escludere che alla fine l’operazione possa concludersi con esito positivo in favore dei campani. Attenzione anche alle novità più recenti: la Lazio avrebbe proposto il lituano Stankevicius. Il calciatore non sembra però convincere il pieno Mazzarri e i vertici del Napoli.

Nel frattempo si attende di conoscere il futuro di Hugo Campagnaro, che sembra destinato a dire addio a giugno col contratto scaduto: la prossima stagione l’argentino dovrebbe accasarsi all’Inter. Anche lui probabilmente sarà sostituito a dovere, ma se ne parlerà più avanti.

 

(Giancristofaro Davide)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori