Caltagirone Prati ora è un film/ Ippoliti “Bisognava dare un prosieguo alla vicenda”

- Davide Giancristofaro Alberti

Il caso Mark Caltagirone e Pamela Prati diventa un film. Un’idea nata al noto volto di casa Rai, Gianni Ippoliti

Caltagirone e Prati
Caltagirone e Prati (Novella 2000)

Il finto matrimonio fra Mark Caltagirone e Pamela Prati, querelle che ha appassionato milioni di curiosi per diverse settimane, diventerà a breve un film. Sarà Gianni Ippoliti, volto noto di casa Rai, nonché famoso giornalista e conduttore televisivo, a realizzare la pellicola, il cui trailer verrà presentato il prossimo 23 luglio a Maratea, in occasione delle giornate internazionali del cinema lucano. A parlarne in esclusiva ai microfoni del settimanale di gossip Novella 2000, è stato lo stesso Ippoliti, che ha svelato alcuni dettagli riguardanti il film sul Prati gate, fra cui l’attore che interpreterà il ruolo del famoso Caltagirone, leggasi Massimo Di Carlo, mentre a Fabiana Latini, attrice emergente, toccheranno i panni della sessantenne soubrette Pamela Prati. Il titolo della pellicola? “Mark Caltagirone, una storia italiana”. Ma come è nata ad Ippoliti l’idea di realizzare un cortometraggio sulla vicenda?

IL CASO CALTAGIRONE PRATI DIVENTA UN FILM

«Il corto è nato da una semplice considerazione – risponde il giornalista ai colleghi di Novella2000 – Barbara d’Urso è andata in vacanza ed era necessario assicurare un prosieguo a un fatto così avvincente che ha coinvolto emotivamente tutti gli italiani. Dopo sei mesi di trasmissioni televisive sulla vicenda, bisognava continuare quel racconto ricco di capovolgimenti e inaspettati colpi di scena che non poteva morire improvvisamente per l’arrivo dell’estate e della conclusione di alcuni palinsesti. Ecco, quindi, che ho pensato di trasformare l’intero accaduto in un film». Ippoliti ha dovuto affrontare le problematiche relative ad un film indipendente, ma essere una piccola casa di produzione ha anche i suoi aspetti positivi: «La rapidità di esecuzione – racconta – può rappresentare quell’arma in più vincente. Per mettere in piedi tutto il meccanismo produttivo di un film ci vuole del tempo e molto denaro, ma se c’è un’idea forte alla base con un racconto unico e lineare e personaggi robusti, allora il corto può realizzarsi con pochissimo budget e in tempi brevi». A questo punto non ci resta quindi che attendere il trailer e l’uscita ufficiale del film



© RIPRODUZIONE RISERVATA