Cameriere troppo lento: gli spara e lo uccide/ Francia, cliente killer in fuga

- Silvana Palazzo

Francia, cameriere troppo lento: gli spara e lo uccide. Cliente killer in fuga: Brigitte Marsigny difende Noisy-le-Grand dalle critiche

ambulanza soccorsi parigi francia lapresse
Ambulanza in Francia (Foto: LaPresse)

Uccide il cameriere perché è troppo lento nel preparare il panino che aveva ordinato. La tragedia è avvenuta in Francia, per la precisione in un ristorante di Noisy-le-Grand, nel dipartimento Seine-Saint-Denis. Un cliente, scontento perché il suo panino non era stato preparato abbastanza rapidamente, ha esploso un colpo di pistola contro l’inserviente. Il cameriere è stato così ferito a morte. La notizia è stata riportata da “Le Point”, che fa riferimento ad alcune testimonianze raccolte in merito al movente incredibile dell’omicidio. I fatti si sono verificati venerdì scorso. Erano circa le 21. I colleghi della vittima, un giovane di 28 anni, hanno subito allertato la polizia che è accorsa sul posto. Il cameriere, sparato alla spalla, è morto nonostante l’intervento dei soccorritori. L’assalitore è scappato prima dell’arrivo degli agenti ed è tuttora in fuga. Ora su questo caso è in corso un’inchiesta, oltre che una caccia all’uomo.

CAMERIERE TROPPO LENTO: GLI SPARA E LO UCCIDE

L’aggressore è un uomo di 34 anni già noto alle forze dell’ordine. Lo riporta RTL, spiegando che è già stata eseguita una perquisizione a casa sua che però non ha prodotto nulla. «Ho sentito un botto molto forte. Avevamo già chiuso, stavamo terminando le pulizie prima di tornare a casa. Non abbiamo capito cosa stava succedendo, pochi minuti dopo abbiamo visto arrivare molte ambulanze», ha raccontato un negoziante che aveva appena abbassato le serrande del suo negozio. «Tutti abbiamo pensato che si trattasse di una persona che si era sentita male nel ristorante, un anziano», ha aggiunto un altro uomo. I residenti invece hanno puntato il dito contro il degrado del quartiere Noisy-le-Grand. «Ci sono sempre più persone alcolizzate e drogate che vanno in giro qui». Le critiche sono state stigmatizzate dal sindaco Brigitte Marsigny: «Evitate di fare confusione dopo un evento così drammatico ma isolato».



© RIPRODUZIONE RISERVATA