Canone RAI/ Quanto si pagherà nel 2023 e come si potrà effettuare il versamento

- Maria Melania Barone

Canone Rai, dal momento che da gennaio 2023 non si pagherà più attraverso la bolletta elettrica, in che modo gli italiani potranno corrispondere il pagamento? E quanto ammonterà il canone nel 2023?

Vicedirettori tg Rai, è caos
Rai, immagini di repertorio (foto da Twitter)

Come sappiamo, in precedenza il canone RAI veniva corrisposto dai contribuenti attraverso l’erogazione delle bollette della luce. Era questa la modalità per sovvenzionare la radiotelevisione italiana: il pagamento era stato ridotto da 113 a 90 euro l’anno e veniva effettuato in dieci rate. Quindi la quota veniva suddivisa in 9 euro che andavano del mese di gennaio al mese di ottobre 2022.

Canone RAI: mai più in bolletta elettrica

Eppure l’addebito del canone RAI è stato finalmente riformulato. Infatti il governo all’interno del Piano Nazionale Resistenza e Resilienza, ha eliminato il canone dalle bollette elettriche poiché rappresenta un onere in proprio e quindi non riferibile al consumo di energia elettrica. I gestori si stavano quindi trasformando negli esattori per conto della radiotelevisione italiana e dello Stato, e si trattava effettivamente di una strategia sicuramente efficace per la riscossione del canone, macché stava creando molti malumori. Quindi l’intervento dell’Unione Europea è stato assolutamente risolutivo. Ma cosa accadrà realmente nel 2023? Come si pagherà il canone RAI?

Canone RAI: l’importo aumenterà nel 2023?

Con il pagamento all’interno della bolletta elettrica il canone era stato ridotto da 113 a 90 euro. Si tratta quindi di uno sconto di 23 euro. Eppure c’è chi pensa che il canone RAI potrebbe aumentare addirittura a 300 euro l’anno. Si tratta di una proiezione non realistica e soprattutto che causerebbe malumori maggiori rispetto a chi ha preferito che l’Europa tornasse sulla decisione di addebitare Questo importo sulla bolletta elettrica.

L’attuale esecutivo ha adottato misure contro l’aumento dei prezzi dell’energia attraverso il bonus bollette, oppure i contributi in busta paga, i 200 euro del mese di luglio e la riduzione del cuneo fiscale. Ma si tratta di una strategia sicuramente non risolutiva.

C’è chi ipotizza che nel 2023 il canone RAI verrà pagato attraverso l’addebito diretto al conto corrente bancario oppure che possano tornare di moda i famosi bollettini di un tempo. Ma, se ciò dovesse accadere, Si ritratterebbe anche sull’importo.





© RIPRODUZIONE RISERVATA