CAOS UCRAINA/ “Biden smorza i toni, ma intanto vende più armi a Kiev”

- Roberto Favazzo

Mentre Biden abbassa i toni nei confronti della Russia, gli Usa continuano a rifornire di armi e sostegno tecnologico l’Ucraina. E mobilitano i paesi baltici

biden harris 4 lapresse1280 640x300
Il presidente americano Joe Biden e la vicepresidente Kamala Harris (LaPresse)

L’improvviso cambiamento di tono del presidente Joe Biden, quando il 20 gennaio ha presentato la sua valutazione sulla possibilità di un’invasione russa su larga scala dell’Ucraina, ha suscitato allarme a Kiev. Dopo mesi di avvertimenti sulla possibilità di una grande operazione militare russa in Ucraina, Biden ha paventato come imminente una potenziale “incursione minore” da parte della Russia – il che significa meno truppe, attacchi informatici e unità paramilitari -, dichiarazione che è stata rapidamente condannata dal partito repubblicano.

Nonostante la scelta di parole più sobrie da parte di Biden e un promemoria sul rischio di una provocazione della Russia, i contatti statunitensi a Kiev non hanno smesso di lavorare per aumentare gli aiuti militari al paese. A differenza dell’enorme sforzo dell’Ucraina per aggiornare le sue attrezzature militari con i suoi partner britannici e turchi, queste forniture di emergenza bypassano le pratiche di mercato standard.

Pronta a combattere, l’industria della difesa statunitense si è affrettata a offrire le sue soluzioni per aiutare l’Ucraina nei suoi sforzi per modernizzare le proprie attrezzature. A giugno, Lockheed Martin si è unito alla gara per aiutare Kiev ad aggiornare la sua flotta di jet da combattimento con il suo modello F-16 e Boeing ha continuato a mantenere una forte presenza nel paese. Una delegazione bipartisan di senatori statunitensi in visita a Kiev a metà gennaio ha promesso più armi. Gli Stati Uniti hanno consegnato un lotto di armi leggere e munizioni di piccolo calibro, missili anticarro Javelin e motovedette di classe Island a dicembre, e circa altri 200 milioni di dollari per gli aiuti già concessi alla fine dell’anno. Questo sostegno sostanziale è in parte subordinato al rispetto di alcune garanzie, come una revisione del servizio di intelligence interno, la Sbu, e la lotta alla corruzione.

Il conglomerato di difesa statale ucraino Ukroboronprom aveva già aumentato la propria produzione di armi del 24% nel 2021 oltre a piani più ampi per modernizzare e ripristinare le attrezzature già esistenti.

Dal 2014 gli Stati Uniti sono stati in grado di coltivare le loro relazioni di difesa con Kiev grazie a contatti ben collegati in città, come l’addetto difensore senior colonnello Brittany Stewart, l’addetto navale statunitense Peter Mallory e l’addetto dell’esercito americano Brandon Pressley. Anche il capo della cooperazione militare presso l’ambasciata degli Stati Uniti, Dan Miller, e lo stratega dell’esercito americano Stephen Dorff, che consiglia il ministro della Difesa ucraino, aiutano Kiev in questo compito. Inoltre gli esperti occidentali lavorano a fianco dei colleghi ucraini presso il Centro per le strategie di difesa di Kiev. Questi includono il generale Wesley Clark, l’ex comandante supremo alleato Europa per la Nato, che ora gestisce la società di consulenza Wesley K. Clark & Associates, e il diplomatico William B. Taylor, che è un esperto di Ucraina.

Per rafforzare la sua posizione di principale sostenitore di Kiev, tanto quanto per aumentare il suo sostegno all’esercito ucraino, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti conta sull’aiuto della regione, non da ultimo, dei Paesi baltici, che il 19 gennaio sono stati autorizzati a consegnare a Kiev le proprie attrezzature di fabbricazione statunitense, vale a dire missili anticarro e missili Stinger. Altri Stati, dietro sollecitazione di Washington, hanno dimostrato di essere disposti ad aumentare il loro sostegno all’esercito ucraino. Il governo ceco, per esempio, prevede di esaminare una mozione per la consegna di munizioni di artiglieria a Kiev alla fine di gennaio. Il Canada, sebbene inizialmente riluttante a schierare le sue attrezzature in loco, dovrebbe partecipare allo sforzo bellico avviato dagli Stati Uniti. Il Regno Unito si è impegnato a fornire all’Ucraina più istruttori militari e armi di difesa, esortando al contempo Australia, Israele, India, Giappone e Indonesia a contribuire a scoraggiare l’intervento militare russo.

Usando un linguaggio quasi allarmista come l’Occidente, la Russia ha aumentato le sue richieste di garanzie in merito a queste consegne di attrezzature occidentali, denunciandole come una minaccia per la sua sicurezza nazionale. La Russia non ha rinunciato ai propri schieramenti militari vicino al confine.

Nonostante le sue parole più misurate, Biden ha cercato di rassicurare l’Ucraina affermando che la Nato e l’esercito statunitense avrebbero risposto in proporzione a qualsiasi mossa russa. I corpi diplomatici statunitense e russo hanno lavorato duramente sulla questione, con quasi due settimane di colloqui, tra cui un incontro tra il segretario di Stato americano, Anthony Blinken, e il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, a Ginevra il 21 gennaio.

Nove esercitazioni guidate dalla Nato che coinvolgono personale militare ucraino sono previste per il 2022, nonché un aumento del già gran numero di navi militari europee e statunitensi nel Mar Nero. Il 17 gennaio, l’Estonia ha dichiarato di essere pronta ad accogliere circa 5mila soldati della Nato Response Force, che lavora per essere pronta al dispiegamento dei suoi uomini ovunque entro cinque giorni. Come Lettonia, Lituania e Polonia, l’Estonia ospita già Mission Lynx. Nel frattempo, Minsk e Mosca stanno pianificando esercitazioni congiunte lungo i confini occidentali e meridionali della Bielorussia con l’Ucraina per febbraio e marzo.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI





© RIPRODUZIONE RISERVATA