CASO GREGORETTI/ Quelle strane voci che “preparano” Palermo

- Manlio Viola

Salvini è stato prosciolto dal tribunale di Catania per il caso di nave Gregoretti. Le “parti civili” contano di rivalersi a Palermo. Allora si tratta di un solo processo?

sondaggi politici
Il leader della Lega, Matteo Salvini (LaPresse)

“Il fatto non sussiste”. Con questo assunto il Gup di Catania, Nunzio Sarpietro, ha messo la parola fine sull’imputazione a Matteo Salvini di sequestro di persona e vari altri reati per il caso Gregoretti. L’allora ministro dell’Interno assunse una scelta e il non aver fatto scendere i migranti dalla nave della guardia costiera italiana non rappresenta sequestro di persona.

Ma se a Catania per Salvini è scattato il non luogo a procedere, a Palermo, invece, nei giorni scorsi, era arrivato il rinvio a giudizio nella vicenda Open Arms. Due casi analoghi ma con esiti diversi. Perché? Quali sono le differenze, se ci sono?

Le differenze essenziali fra i due casi sono tre; una di natura legale, una politica ed una che attiene gli equilibri giudiziari.

Sul fronte legale l’unica vera differenza fra i due casi sta nella bandiera della nave. La Gregoretti è una nave della guardia costiera e dunque, di fatto, i migranti erano già, per legge e trattati internazionali, su suolo italiano. Il trattenerli a bordo è analogo al trattenerli in un centro di identificazione e questo fornirebbe uno spunto legale, una giustificazione, un elemento che il giudice potrebbe aver preso in considerazione per il non luogo a procedere.

Il secondo elemento è politico. A Catania Salvini aveva tirato dentro praticamente tutto il primo governo Conte, premier compreso, cosa che a Palermo è riuscita a metà. Un rinvio a giudizio per Salvini avrebbe avuto conseguenze importanti sul fronte politico anche in ambienti diversi da quelli della Lega. Ambienti che forse in magistratura hanno maggior appeal, maggiore considerazione. Ma questa è una considerazione che si fa nei corridoi delle sedi di partito, non certo in quelli dei palazzi di giustizia.

Ma la vera chiave di lettura, stando a sentire il vociferare catanese, è un’altra e sta tutta nelle poche parole degli avvocati delle parti civili: “La Procura si è tirata indietro, noi abbiamo supplito al loro ruolo. A nostra avviso è un vulnus per la certezza del diritto. Abbiamo il processo di Palermo motivato in maniera puntuale dalla Procura di Palermo. A Catania era più facile la strada del rinvio a giudizio, vi erano molto più elementi, invece ci siamo fermati”.

I legali annunciano che chiederanno alla Procura generale di Catania di impugnare la sentenza e dunque la partita non è chiusa del tutto. Se la Procura generale dovesse decidere in questo senso, un altro magistrato dovrebbe pronunciarsi. Ma questa è un’ipotesi a venire.

Rilevante, invece, l’accusa, neanche troppo velata, che gli avvocati rivolgono alla Procura senza alcuna riverenza nei confronti dei magistrati inquirenti: “La procura si è tirata indietro”. 

La procura di Catania, è utile ricordare, fu la prima in assoluto a indagare sulle Ong. Proprio da Catania partì l’inchiesta che fece tanto parlare del sistema di queste organizzazioni non governative. Un’inchiesta poi arginata dagli eventi perché andata a sbattere contro il muro delle competenze. Lo stesso procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro, lo disse senza mezzi termini. Le Ong hanno sedi legali in altri Paesi e dunque fu impossibile seguire i filoni investigativi. 

Allora Zuccaro fu attaccato per questa inchiesta ma lui non si scompose. Così come oggi nessuno in Procura si scompone per gli attacchi post decisione del Gup.

E a Palermo, adesso, cosa succederà? Catania si è presa la responsabilità di mettere un piccolo precedente, anche se giurisprudenzialmente non vale nulla. A Palermo dovrà esserci un processo e bisognerà entrare nel vivo senza dimenticare anche un altro passaggio: il primo ad indagare su Salvini, a disporre provvedimenti di sequestro di un’imbarcazione propedeutico solo a far scendere i migranti e, insomma, a schierarsi sul lato “Ong” della barricata, fu il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio che a Palermo ha passato anni fondamentali in procura ricoprendo ruoli importanti, fianco a fianco con molti Pm.

Manlio Viola è direttore di BlogSicilia

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA