Catalogna, tribunale annulla lockdown/ “Misura sproporzionata” scelta sarà impugnata?

- Emanuela Longo

In Catalogna un tribunale ha deciso di sospendere il lockdown imposto ieri dal governo locale dopo il boom di contagi: decisione potrebbe essere impugnata

catalogna
Manifestazione in Catalogna (LaPresse)

Fa discutere la decisione di un Tribunale della Catalogna di sospendere il lockdown relativo al Coronavirus, ordinato domenica dalle autorità regionali in seguito al forte aumento dei casi di Covid-19. Secondo quanto rende noto La Vanguardia, il tribunale di Lleida ha deciso di non ratificare le misure del 12 luglio adottate dal governo regionale “perché contrarie alla legge”, come si legge sull’account Twitter della Corte superiore di giustizia della Catalogna. Il governo della Catalogna aveva ordinato la chiusura totale della città di Lleida – che conta quasi mezzo milione di abitanti – ed in altri sette comuni della zona di Segrià dopo la segnalazione di un focolaio incontrollato di Coronavirus. In 24 ore erano stati registrati 816 nuovi contagi con circa un centinaio di pazienti ricoverati per Covid negli ospedali della provincia, come reso noto dal Dipartimento della Salute. Tuttavia, il tribunale di Lleida ha definito la misura del tutto “sproporzionata” sospendendo così il lockdown. Stando a quanto riferisce il giornale locale, tali misure richiedono precedentemente l’approvazione dello “stato di allarme”, che è di competenza del governo centrale.

CATALOGNA, TRIBUNALE ANNULLA LOCKDOWN: DECISIONE FA DISCUTERE

La situazione in Spagna torna ad essere complessa a causa dell’emergenza Coronavirus. Secondo quanto riportato da El Pais, nella zona di Barcellona i casi di positività al virus si sono moltiplicati per quattro solo negli ultimi 12 giorni per un totale, in tutto il Paese, di oltre 70 focolai attivi. La decisione storica del tribunale della Catalogna di non ratificare la decisione presa ieri dal governo catalano di imporre il lockdown in otto Comuni è destinata a far discutere. Tale decisione potrà ora essere impugnata dalle autorità regionali: “Attualmente stiamo vedendo come risolverlo da un punto di vista legale”, ha spiegato il funzionario sanitario regionale Alba Verges su Catalunya Radio. Lo stesso ha precisato come quelle prese siano “misura necessarie”: “Non le avremmo prese se non fosse assolutamente necessario”, ha proseguito invitando poi gli abitanti a restare a casa nonostante la sospensione del lockdown da parte della giustizia. In totale, i contagi in Catalogna dall’inizio della pandemia da Coronavirus è giunto a 76.318, mentre il numero dei decessi nella regione ammonta a 12.617.

© RIPRODUZIONE RISERVATA