CESARE RASCEL, FIGLIO RENATO E GIUDITTA SALTARINI/ “Porto musica di papà nel mondo”

- Morgan K. Barraco

Cesare Rascel, figlio del grande Renato e di Giuditta Saltarini: il ricordo del padre e la sua missione, portare la sua musica nel mondo

cesare rascel domenica in 640x300
Cesare Rascel, Domenica In

Cesare Rascel

ancora oggi porta avanti le canzoni del padre Renato. La mamma Giuditta Saltarini, prima del suo ingresso a Domenica In, ha commentato con Mara Venier: “Oltre a essere un bravo figlio, lui lo è veramente, è un ragazzo molto serio per essere un giovane, ha scoperto suo padre dopo i 18 anni”. Dopo il suo ingresso il figlio l’ha subito smentita spiegando: “qualcuna gliel’ho fatta passare, non sono stato sempre uno studente modello, qualche marachella…”. Quando papà Renato è morto, Cesare aveva 17-18 anni. “Eravamo due o tre generazioni l’uno dall’altro ma era molto attivo e giovanile, abbiamo trovato il connubio nello sport e nella musica. Ha sempre voluto che studiassi musica e ci incontravamo in questi mondi, quando sono nato aveva 61 anni”, ha dichiarato. Pensando ai ricordi del padre che ancora oggi lo accompagnano ha ammesso: “Ho delle immagini, poi passano gli anni e vengono sostituite da immagini che ancora ci sono, ho la fortuna di averlo qui attraverso le immagini e le canzoni, ma ce ne sono alcune indelebili come quella di quando mi allacciava gli scarponi quando andavamo a sciare o di lui che mi insegnava a giocare a tennis”. Cesare ha ricordato anche le volte che da piccolo, ogni notte, i genitori gli cantavano la ninna nanna del cavallino prima di addormentarsi. Ora porta avanti il patrimonio lasciato dal padre girando il mondo. “Quando ero 18enne e sono andato a vivere in America, c’era un po’ di rigetto come normale, vuoi staccarti dalla famiglia ed essere te stesso. Poi ho scoperto che la mia missione è portare avanti la musica di papà e quella italiana in generale nel mondo”. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

FIGLIO DI RENATO RANUCCI E GIUDITTA SALTARINI

Cesare Rascel

ha ereditato il nome d’arte del padre, Renato Ranucci, che per primo aveva scelto il cognome Rascel per la propria carriera. Nato dall’unione fra l’artista e Giuditta Saltarini, Cesare ha iniziato a seguire le orme dei genitori fin da bambino, riuscendo a frequentare il dietro le quinte di tante rappresentazioni teatrali della coppia. Si è laureato a Boston in Composizione e Sound Engineering ed ha continuato a vivere in quella stessa città per dieci anni, prima di trasferirsi a fine anni Novanta a New York. Oggi, 1 marzo 2020, Renato Rascel ritornerà in vita grazie ad un’intervista alla compagna Giuditta Saltarini. Il figlio della coppia, Cesare, nato quando Renato aveva 61 anni, ha già avuto modo di raccontare a Storie Italiane i suoi ricordi con il padre. “Un giorno per insegnarmi i tuffi si è gettato da una scogliera alta cinque metri”, ha detto, “è stato un papà affettuoso e sempre presente”. Purtroppo è scomparso quando Cesare era ancora giovanissimo e il grande rimpianto del figlio è proprio che il padre non abbia mai potuto vederlo diventare adulto. “Avevamo in comune lo sport, perchè sai erano anche altri tempi”, ha detto ancora, “poi la musica verso i 14-15 anni, però nella vita quotidiana c’era un’interazione continua”. Clicca qui per guardare il video di Cesare Rascel

CESARE RASCEL A DOMENICA IN “PRONTO PER UNA SORPRESA”

Cesare Rascel non può che essere orgoglioso di aver avuto un padre come il famoso Renato Rascel. Il cantante che ha fatto la storia della musica italiana e che ha superato i confini dello Stivale con la sua voce, ha creato tanti brani celebri che ancora oggi rimangono nella memoria di tantissime persone. Come la sua Te voglio bene (tanto tanto), realizzata per la compagna di una vita, Giuditta Saltarini. “Come fai ad emozionarti”, ha detto Rascel a Storie Italiane, “non era una delle più famose, però questa la scrisse per la mia mamma. Papà è stato a cavallo di più generazioni e questo era un brano che poteva avvicinarsi più ai miei di gusti, a quelli delle nuove generazioni”. Sono state infatti canzoni come la sua Arrivederci Roma a permettere a Renato Rascel di diventare famoso a livello internazionale, per un totale di 400 brani realizzati nel corso di oltre 70 anni. L’anno scorso Cesare si è unito alla Rai per lanciare la prima edizione del premio Rascel, come svelato a Tutto Chiaro, un riconoscimento dovuto ad uno dei personaggi più interessanti del nostro spettacolo. Come svelato su Instagram, anche Cesare sarà presente a Domenica In con la mamma Giuditta. “Un puntatone su papà con me e la mia mamma”, ha sottolineato più volte nel video, in cui entrambi sorridono ai fan. Clicca qui per guardare il video di Cesare Rascel e Giuditta Saltarini. “Parleremo anche dei grandi progetti di quest’anno come il NY Canta”, dice in un altro post, ovvero il festival che si terrà a New York il prossimo ottobre e che dirigerà quest’anno al fianco di Beppe Stanco. “Durante la puntata rivelerò una notizia in anteprima assoluta”, conclude. Di che cosa si tratterà?



© RIPRODUZIONE RISERVATA