CHERNOBYL / Anticipazioni 24 giugno 2019: Lyudmilla perderà la bambina?

- Morgan K. Barraco

Chernobyl, anticipazioni 24 giugno 2019, in prima Tv su Sky Atlantic. Lyudmilla cerca di vedere Vasily prima che sia troppo tardi. Il KGB cerca di insabbiare il caso.

Chernobyl
Chernobyl, la nuova serie originale Sky e HBO

CHERNOBYL, DOVE SIAMO RIMASTI

Nella prima serata di Sky Atlantic di oggi, lunedì 24 giugno 2019, andrà in onda un nuovo episodio della serie tv Chernobyl, in prima visione assoluta. Sarà il terzo, dal titolo “The Happiness of All Mankind“. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco dove siamo arrivati la settimana scorsa: l’esplosione continua a mietere vittime, mentre Gorbaciov (David Dencik) decide di riunire la Commissione al tavolo delle trattative. Incarica inoltre uno degli alti gradi di effettuare una supervisione ed appurare le reali condizioni della zona. Legasov (Jared Harris) è infatti convinto che la relazione non metta in evidenza la gravità dell’esplosione. Shcherbina (Stellan Skarsgård) cerca di informarsi durante il volo riguardo ai dettagli più scottanti, anche se continua a rimanere scettica. Intanto, Lyudmilla (Jessie Buckley) raggiunge l’ospedale per fare visita al marito Vasily (Adam Nagaitis). Dopo aver attraversato un corridoio pieno di malati infetti, scopre che il vigile ed altri della sua squadra sta per essere trasferito d’urgenza a Mosca. Ancora in volo, Legasov nota la graffite sul tetto della centrale e conclude che le radiazioni sono troppo elevate. Shcherbina crede che sia meglio avvicinarsi all’edificio, ma alla fine è costretto ad ammettere la pericolosità dell’operazione. Intanto, Ulana Khomyuk (Emily Watson) chiede di essere ricevuta dal vice segretario: ha rilevato un picco delle radiazioni a Minsk e chiede che la popolazione venga evacuata prima che sia troppo tardi. L’alto grado però è sicuro che stia esagerando e rifiuta di correre ai ripari. Prima di lasciare l’edificio, la scienziata consegna alla segretaria delle pasticche di iodio con la raccomandazione di lasciare la città in tempi brevi. Al campo militare, Shcherbina riceve la conferma che la situazione è più grave del previsto, forse devastante quanto le conseguenze di Hiroshima.

Legasov crede che l’unica soluzione sia gettare boro e sabbia sul nocciolo e suggerisce di evacuare diversi km attorno alla città: il vento sta trasportando le esalazioni altrove in poco tempo. A 30 ore di distanza dall’inizio della missione, l’elicottero che guida il rilascio delle sostanze entra nella nube tossica e cade in pochi secondi. Mentre Ulana decide di andare a Chernobyl, Legasov realizza che nessuno di loro riuscirà a sopravvivere oltre cinque anni, così come i 50 mila abitanti. Diversi condomini vengono quindi fatti evacuare. Ulana raggiunge poi Legasov e lo avvisa che i serbatoi vicini all’esplosione sono pieni, dettaglio che provocherebbe un’esplosione termica in soli due giorni, distruggendo qualsiasi cosa si trovi nel raggiodi 30 km. L’onda d’urto successiva si estenderà invece per 200 km, travolgendo con l’impatto ogni territorio fino alla Germania. Legasov chiede quindi a Gorbaciov il permesso di inviare tre uomini perché possano aprire un accesso, con la certezza che moriranno entro una settimana. Gli operai tentano di opporsi, anche se Legasov non dirà mai con chiarezza quale sia il rischio. Solo le parole di Shcherbina smuoverà le coscienze di tre uomini, che decideranno di addentrarsi nelle acque contaminate.

CHERNOBYL: ANTICIPAZIONI DEL 24 GIUGNO 2019

EPISODIO 3, “THE HAPPINESS OF ALL MANKIND” – I militari riescono a drenare il seminterrato, ma la minaccia di una fusione nucleare è ancora alta. Legasov e Shcherbina convicono Gorbaciov che l’unica azione possibile è mettere uno scambiatore di calore al di sotto dell’impianto. Shcherbina confida poi a Legasov che il KGB lo sta sorvegliando. Intanto, Lyudmilla riesce a fare visita a Vasily solo mentendo sulla gravidanza in corso. Disubbidisce tuttavia agli ordini quando si ferma al capezzale del marito più a lungo di quanto le sia stato ordinato. Durante la sua visita, Khomyuk osserva il vigile del fuoco toccare la moglie. In quel momento realizza che Lyudmilla è incinta e minaccia di riferire tutto al comitato, ma il KGB lo arresta. In seguito, Vasily viene sepolto in una cossa comune, la bara sigillata con il piombo e ricoperta di cemento. Legasov e Shcherbina invece fanno rapporto al Comitato Esecutivo Centrale e riferiscono il loro piano per la decontaminazione totale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA