Cardinale Tagle “complotto contro Papa Francesco”/ “C’è cordata per nuovo conclave”

- Niccolò Magnani

Il Cardinal Tagle ipotizza un “complotto” su Papa Francesco: “c’è in Vaticano una cordata pronta ad un nuovo conclave”

Papa Francesco cardinal Tagle
Filippine, Papa Francesco col cardinal Tagle (LaPresse, 2019)

È stato nominato da Papa Benedetto XVI ma Luis Antonio Tagle, arcivescovo di Manila, è il cardinale ora tra i più vicini a Papa Francesco ed è proprio sul suo pontificato (e gli attacchi intestini nella Chiesa Cattolica) di cui scrive la prefazione all’ultimo libro di Fabio Marchese Ragona, vaticanista di Mediaset. Il saggio si intitola “I nuovi cardinali di Francesco” ma è prima di tutto su quelli “contro” il magistero di Bergoglio che Tagle decide di lanciare un importante “messaggio”. «Qualcuno spera di diventare Papa e per questo si muove con una cordata», attacca il cardinale filippino presidente di Caritas Internationalis. Una sorta di “complotto” viene ipotizzato da Tagle facendo riferimento sia allo spinoso caso Viganò (l’ex nunzio apostolico negli Stati Uniti che con una lettera pubblicata su alcuni giornali aveva chiesto le dimissioni di Francesco dopo gli scandali pedofilia, ndr) che in generale alla sfiducia che parte della Chiesa vive per la “svolta” fatta dal Vaticano su diversi fronti. «È vero che talvolta, purtroppo», scrive ancora il cardinale «anche tra vescovi e cardinali ci sia qualcuno che perda la bussola, come se perdesse il campo del proprio telefonino, distaccandosi dalla realtà, alienandosi e combattendo battaglie in solitaria o creato cordate sperando in qualcosa che solo lo Spirito Santo invece può decidere».

TRA VATICANO, CONCLAVE E “COMPLOTTI”

Per Luis Antonio Tagle lo stesso Papa è rimasto vittima di duri attacchi «ed è dovere per noi cardinali lottare per difendere, sempre, senza dubbi, il Vicario di Cristo»: Tagle non fa che “rilanciare” quell’accusa di complotto fatta già dal cardinale tedesco Walter Kasper, Presidente Emerito del Pontificio Consiglio per l’Unità dei Cristiani: «Ci sono persone che semplicemente non amano questo pontificato. Vogliono che finisca il prima possibile per avere quindi, per così dire, un nuovo conclave. Vogliono anche che vada in loro favore, che abbia un risultato che si adatti alle loro idee», spiegò il porporato vicino a Bergoglio in una intervista a “Report München” lo scorso gennaio. L’insegnamento di Francesco, conclude Tagle nella prefazione al saggio di Aragona, affronta non da oggi lo scandalo e le divisioni che nascono anche all’interno della stessa Chiesa Cattolica: «creando scandalo e divisioni si dimentica la strada indicata dal Signore, quella dell’unione e della fratellanza. Se si cede alla logica del potere, mettendo al primo posto l’apparenza, l’opulenza, la preziosità delle vesti, si va, senza dubbio, contro lo spirito di Gesù», attacca il cardinale filippino. In questi giorni un altro libro “Si fa sera e il giorno già volge al declino”, scritto di suo pugno dal Cardinal Robert Sarah, analizza la medesima crisi interna della Chiesa di Cristo: come ha anticipato lo stesso prelato in una intervista ad un quotidiano francese, «La Chiesa sta attraversando una grande crisi. I venti sono straordinariamente violenti. I giorni senza scandali, veri o falsi, sono rari. I fedeli possono quindi legittimamente interrogarsi al riguardo. Ho voluto che questo libro fosse destinato a loro. Spero che possano uscire dalla lettura con la gioia che Cristo dà: «Resta con noi perché si fa sera e il giorno già volge al declino» (Lc 24,29). La risurrezione del Figlio di Dio è ciò che dà speranza nelle tenebre».



© RIPRODUZIONE RISERVATA