Christian Eriksen, sfida Inter-Juventus?/ Danese pronto a lasciare il Tottenham, ma..

Eriksen può lasciare il Tottenham nel corso del mercato estivo: dopo il Real Madrid, spuntano Inter e Juventus per il danese. Le ultime.

calciomercato milan
Ajax-Tottenham, Christian Eriksen (Foto LaPresse)

Christian Eriksen in Serie A? Una tentazione che sta prendendo piede nelle ultime ore di calciomercato, con più fonti che parlano di un possibile approdo in Italia del fantasista del Tottenham. Classe 1992, il danese è approdato a Londra nel 2013 dall’Ajax per meno di 15 milioni di euro e si è imposto come uno dei cardini della formazione di Mauricio Pochettino. E, dopo aver sfiorato la Champions League, il 27enne potrebbe decidere di cambiare aria: secondo quanto riporta La Gazzetta dello Sport, l’Inter sta pensando a lui per rinforzare la formazione di Antonio Conte. E non solo: l’edizione odierna del Times ha rilanciato la candidatura della Juventus, pronta ad ingaggiare un duello con il Real Madrid per il talentuoso trequartista.

CHRISTIAN ERIKSEN SUL TACCUINO DI INTER E JUVENTUS

L’Inter, al lavoro per assicurarsi Nicolò Barella, secondo la Rosea starebbe facendo più di un pensierino su Eriksen. L’idea della dirigenza meneghina è quella di regalare un colpo a Conte per accorciare il gap con la Juventus: in scadenza 2020, il cartellino del danese è valutato 60-70 milioni di euro. Il Biscione pensa di avere le carte giuste per entrare in corsa, ma deve fare i conti con la folta concorrenza. Il Times spiega che gli Spurs non hanno intenzione di cedere Eriksen per cifre basse, ma il calciatore non è rimasto indifferente al corteggiamento di Juventus (al lavoro su Federico Chiesa) e Real Madrid. E lui stesso, come spiega Tuttomercatoweb, ha affermato: «Sono arrivato a un punto della mia carriera in cui mi piacerebbe provare una nuova esperienza. Ho profondo rispetto per il Tottenham e restare non sarebbe negativo. Spero ci sia un chiarimento durante l’estate, il piano è questo. Real? Dipende dal presidente. Se un club è interessato, deve parlare con lui. Se mai dovessi andar via, sarebbe solo per fare un passo avanti. Il Real, se mi vuole, dovrà chiamare Levy, ma non siamo mai arrivati a questo punto, per quanto ne sappia».



© RIPRODUZIONE RISERVATA