LA LEGGENDA DEL BANDITO E DEL CAMPIONE/ Trama prima puntata, stasera 4 ottobre 2010: Beppe Fiorello è Sante il bandito. Rai Uno

- La Redazione

In prime time il primo episodio della miniserie che racconta la storia cantata da Francesco De Gregori

ilbanditoeilcampione_castR400

La leggenda del bandito e del campione anticipazioni trama prima puntata, stasera 4 ottobre 2010, Rai Uno ore 21.10 Il bandito e il campione: Due ragazzi del borgo cresciuti troppo in fretta con un’unica passione per la bicicletta. Un incrocio di destini in una stana storia una storia daltri tempi così canta Francesco De Gregori e questa incredibile storia sarà raccontata nella fiction in sole due puntate, in onda stasera 4 ottobre e domani, martedì 5 ottobre 2010 alle 21.10. Il bandito è Sante Pollastri, interpretato da Beppe Fiorello, mentre il campione è Costante Girardengo, famosissimo ciclista, interpretato da Simone Gandolfo. Ecco la trama della prime puntata della misierie, come riportata sul sito ufficiale della Rai. Parigi, 1926. Alla vigilia della gara che lo contrapporrà all’antagonista di sempre, il francese Pellissier, Costante Girardengo arriva al Ritz, acclamato dalla folla e dai suoi fans.

Poi un flashback ci riporta a Novi Ligure, nel 1910. Sante e Costante vivono nel poverissimo Borgo delle Lavandaie insieme ai coetanei Mela, Maciste e Agostina. La vita scorre tranquilla tra scorribande, lavoro e povertà. Passano gli anni. Ma non passa la passione di Sante e Costante per il ciclismo: i due sognano di diventare campioni. Sono riusciti, infatti, ad attirare l’attenzione di Biagio Cavanna, masseur di una squadra ciclistica locale, che ha iniziato ad allenarli. Ma gli eventi precipitano.

Una sera, la giovane e bella Mela viene violentata da uno sconosciuto. La ragazza, non resistendo alla vergogna, fugge dal borgo. Qualche tempo dopo, Sante scopre che lo stupratore di Mela è un merciaio che vive di strozzinaggio. Accecato dall’ira e costretto a difendersi, Sante lo uccide. E fugge. Ora, per tutti, Sante Pollastri è un assassino e non potrà più continuare ad allenarsi. Costante invece ce la fa ed inizia a mietere successi.

 

A Parigi, nel 1926, Sante Pollastri è ormai "il bandito", ricercato dalla polizia francese e da quella italiana. A capo della polizia fascista che gli dà la caccia c’è una sua vecchia conoscenza, lo zoppo Maciste. La rete intorno a Sante si stringe. Ma quando Pollastri gli si presenta e gli racconta tutta la verità sul passato, le certezze di Maciste cominciano a vacillare…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori