LE COSE CHE RESTANO/ Anticipazioni trama penultima puntata, 22 dicembre 2010: il segreto di Francesca e di Michel

- La Redazione

In prime time la terza puntata della fiction con Paola Cortellesi

lecosecherestano_castR400

Le cose che restano, anticipazioni trama ultima puntata, stasera 22 dicembre 2010, Rai Uno ore 21.10 Le cose che restano regalerà la penultima puntata: come si evolveranno le complesse esistenze dei membri della famiglia Giordano? Norma (Paola Cortellesi) vive la sua dimensione di moglie, mamma e psicologa, ma lo stano caso del Capitano la sta coinvolgendo. Nino cerca di tenere le distanze dal professore e soprattutto da sua moglie Francesca, ma il destino non vuole così e i due finiscono per diventare amanti appassionati. Intanto sia Nino che Andre si mettono sulle tracce di Alina, la figlia di Saba, ma alla ragazza costerà caro entrare in contatto con la Polizia: la sua amica Elena infatti, muore uccisa dai suoi sfruttatori e sarà Andrea a riportare il corpo in patria.

La tragedia farà sì che Alina faccia i nomi dei criminali che hanno costretto lei e la ragazza a prostituirsi. La disperazione della madre chiusa in una clinica, la dolorosa esistenza del padre e la tragedia di Elena e Alina, fanno capire ad Andrea quanto sia importante per lui il rapporto con Michel. Intanto Francesca scopre di essere in attesa di un figlio da Nino Saranno ancora tante le difficoltà per la famiglia Giordani.

Le cose che restano, anticipazioni trama puntata 22 dicembre 2010 – Michel, che ha recuperato il rapporto con Andrea, si trasferisce a casa Giordano insieme alla figlia Lila, Andrea è felice, ma non sa, pur vedendo che Michel sta male, che il compagno ha una gravissima malattia. Intanto Alina, grazie all’aiuto del poliziotto, decide di denunciare l’organizzazione criminale che l’ha sfruttata e così ottiene il permesso di soggiorno per lei e sua madre.

 

Nora intanto si sente sempre più coinvolta con il capitano Blasi. Francesca confessa a Nino di essere in attesa di un bambino da lui, ma poi scompare nel nulla.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori