VISO DANGELO/ Ultima puntata: lassassino è Riassunto e finale della fiction con Gabriel Garko

- La Redazione

Si è conclusa lappassionante serie, svelando il nome e il volto del serial killer. Con un incalzante ritmo che ha tenuto alta la tensione fino allepilogo mozzafiato

visodangelo_garko-coppolaR425
Gabriel Garko e Cosima Coppola

Viso dAngelo, ultima puntata, lassassino è il finale. Viso dangelo ha regalato agli spettatori di Canale 5 un incalzante ultima puntata che ha tenuto altissima la tensione fino al sorprendente finale. Ma prima di rivelarvi il nome dello spietato serial killer e le ragioni che lhanno spinto a commettere i macabri omicidi, seguendo di un antico e perverso rituale, il riassunto dellintero ultimo episodio della fiction Mediaset. Angela Garelli (Cosima Coppola), ricercata dalla Polizia perché Maselli, il commissario corrotto vuole farla arrestare, viene nascosta nella soffitta del Santa Teresa da Suor Serafina (Angela Molina), che rivela a Roberto il nascondiglio della ragazza. Parisi (Gabriel Garko) la raggiunge e le dice di stare nascosta e di tenere la pistola. I due si scambiano un ultimo bacio. Nicola Grassi, il figlio della perpetua di padre John viene scarcerato, ma ad attenderlo cè una trappola mortale: il naziskin che ha violentato Margherita lo consegna al sindaco Amos Capecchi, che lo uccide con un colpo di pistola. Miriam (Eva Grimaldi) sorprende il marito mentre si ripulisce dal sangue e capisce che deve aver ucciso qualcuno, così avverte Angela. Intanto Roberto si reca in un convento a parlare con uno studioso che gli spiega che il rituale con cui il killer ammazza e lascia le vittime risale al quindicesimo secolo e fa riferimento a un libro di De Torquemada, Grande inquisitore spagnolo. Angela raggiunge Miriam, che sta per fuggire con la sua amante e il bambino e dopo aver ascoltato il racconto della Capecchi, le dice di stare nascosti. Angela sorprende Amos, ma il sindaco ha la meglio sulla poliziotta, la aggredisce e la tiene segregata. Suor Serafina avverte Roberto che la cerca. Amos prende il telefono di Angela e chiama Miriam intimandole di tornare a casa. La donna teme per le sue sorti e quelle della Garelli e così decide di andare alla polizia. Racconta tutto a Roberto, ma le dice che secondo lei Amos ha ucciso la ragazza. Al commissariato ci sono anche Maselli e Fiorenza (Magdalena Grochowska) che capiscono che Roberto sa dovè Angela. Parisi si precipita da Capecchi mentre i naziskin stanno per uccidere Angela, ma prima la drogano per simulare una morte da overdose. Roberto riesce a portare in  salvo Angela, ma viene ferito da Amos. La polizia arriva insieme a Miriam per arrestare il sindaco. Angela è in ospedale in grave pericolo, perché i ragazzi erano riusciti ad iniettarle la dose letale. Suor Serafina va a trovare Angela e vuole che riceva lestrema unzione perché non muoia nel peccato. Mentre la suora camminava al Santa Teresa, si era fatta scivolare dalle mani un rosario identico a quello trovato sul corpo delle vittime. La Garelli si risveglia. Angela viene prelevata da Fiorenza Lai e la porta in un posto segreto. La donna avverte Roberto. Indagando sulla dottoressa, Roberto scopre che il marito della donna non è morto, ma fuggito con unaltra e la Lai è ossessionata dal marito. Intanto il serial killer torna al Santa Teresa e si prepara per lultimo e decisivo omicidio. Roberto trova Angela: la Garelli, che vede il libero di De Torqemanda, dice di averlo già visto. Parisi va al Santa Caterina a fare alcune domande a Suor Serafina sulla morte della figlia e scopre che la suora aveva letto il libro di Torqemada. Mentre parlano vedono che Luisa e Gianzi (Raniero Monaco di Lapio) litigano e il medico minaccia la fidanzata con un pugnale simile a quello del serial killer. Suor Serafina rivela che il libero gli è stato dato da Gianzi, ma quando Roberto va a casa sua per interrogarlo, lo trova morto. Intanto ad Angela torna alla mente dove aveva già visto il ritratto di De Torquemada. Nel casale dove aveva ragginuto, con Roberto, padre John e decide di andarci. Per lei sarà una trappola mortale. Capecci, in carcere, rivela che Maselli ha occultato le prove dello stupro di Margherita e viene arrestato. Angela è nel covo del killer, ma quando lo copmrende, vedendo le immagini votive delle precedenti vittime dell’assassino, viene tramortita dal criminale. Roberto pensa che ad uccidere Gianzi sia Luisa e va a casa Forlei. Dal notaio scopre che la morte si era siucidata, ma Luisa, fervida Cristiana, ha voluto che la cosa non venisse fuori, altrimenti la Chiesa avrebbe negato i funrali. Luisa è soarita. Anche Anglea è sparita: Parisi viene avvertito dalla scoparsa della Garelli da Lorenza. E’ un caso che le due ragazze siano sparite contemporaneamente? L’assassino si tgolie finalmente la maschera… (continua alla pagina seguente)

L’assassino, lo spietato seriale killer è Luisa Forlei, che ora sta per uccidere Angela. Roberto ha poco tempo per salvarla. Il notaio Forlei dice al poliziotto che la figlia stava restaurando un casale diroccato. In realtà è il covo dei suoi macabri rituali e li è tenuta Angela. la Forlei spega alla Garelli che compie gli omicidi con rituale votivo per riscattare l’anima di sua madre, morta nel peccato del suicidio. Una sera ha visto Padre John che aveva confessato Margherita, la dottoressa: l’ha interpretato come segno di Dio che le aveva indicato Margherita Saltutti come prima “offerta votiva” e così Luisa ha iniziato la catena di delitti, sei anime pre. Sei come il numero di candele rimaste accese quella notte in chiesa. Marilena, la perpetua di Padre John. La sera del delitto di Margherita il bambino autistico della casa di fronte aveva visto tutto. Intanto Parisi corre al casale per cercare di salvare Angela, entra armato, ma anche lui viene tramortito da Luisa. Mentre l’assassina sta per alzarev il pugnale su Roberto, Angela, che nel frattempo si era liberata, uccide Luisa e salva l’uomo che ama. Il caso è chiuso e Roberto Parisi decide di lasciare la città. Angela Garelliviene reintegrata in Polizia. Fiorenza dice a Angela di salutare Roberto prima della sua partenza. Parisi le dice che ha bisogno di tempo e anche lei. Il loro è un addio. Ma solo dopo un ultimo interminabile bacio.

Roberto ripensa ai dialoghi avuti con Suor Serafina e ha un’intuizione: Suor Serafina sapeva che il killer era Luisa Forlei, entrambe erano unite dal fatto di avere figlia e madre morte suicide, così la suora ha coperto gli omicidi della Forlei. La religiosa ammette la sua colpa. Parisi non arresta la suora per complicità. La sua pena sarà l’eterno rimorso di coscienza. Nel finale la confessione dell’assassino, post mortem: Luisa si ritiene un Angelo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori