CHE DIO CI AIUTI/ Anticipazioni puntata 22 dicembre 2011 e riassunto 15 dicembre: Marco è il padre della bimba di Giulia

Il riassunto della prima puntata della nuova fiction Rai con Elena Sofia Ricci e la trama dei prossimi episodi. Il primo coplo di scena nel primo finale. Con Massimo Poggio e Serena Rossi

16.12.2011 - La Redazione
chediociaiuti_cast1R425
Il cast

Che Dio ci aiuti, anticipazioni puntata 22 dicembre 2011 – Che Dio ci aiuti ha regalato il primo colpo di scena. Prima delle anticipazioni della seconda puntata, il riassunto dei primi due episodi della fiction Lux Vide, andata in onda su Rai Uno. Suor Angela (Elena Sofia Ricci) Angela lotta con le sveglie e la poca voglia di alzarsi presto per recarsi alle preghiere del mattino. Quindi si trova alle prese con le ragazze ospiti del convitto che hanno aperto nel loro convento per far fronte alle ristrettezze economiche. In convento arriva anche Margherita, una ragazza che vuole studiare pediatria e che è la prima volta che vive separata dai suoi genitori, a cui è molto legata. Durante la costruzione del bar, altro rimedio trovato per far cassa, un’operaia trova un cadavere nascosto dietro ad una parete. Il corpo è di un giovane di nome Edoardo Lanzi. In convento arriva la scientifica ed i carabinieri ad investigare. Durante le indagini arriva anche la famiglia del cadavere che suor Angela ha chiamato per dargli la triste notizia, la sorella di Edoardo Lanzi riconosce in convento una suora, suor Cristina, che aveva minacciato il ragazzo morto a causa di un duplice arresto per spaccio in cui era coinvolto Edoardo ed il fratello della suora. I carabinieri convocano in questura per alcune domande suor Cristina e l’operaia che ha ritrovato il cadavere, Giulia. Il capo dei carabinieri decide che suor Cristina ha un chiaro movente e decide per il suo arresto ma suor Angela non crede nella sua colpevolezza e chiede aiuto ad uno dei carabinieri , Marco Ferrai , che è l’unico a dubitare della colpa della suora e che può aiutarla a scagionare la sua novizia. Suor Angela segue Giulia e scopre che vive sola con sua figlia, Cecilia, in un furgone. Suor Angela le decide che in convento ci sono ancora molti lavori da fare e che quindi lei e Cecilia staranno in convitto fino a lavori fatti, lei accetta il lavoro ma rifiuta l’ospitalità in convitto. In convento si radunano suor Angela, Giulia (Serena Rossi), Margherita, e Marco (Massimo Poggio), gli unici quattro a non credere che l’assassina sia suor Cristina e parlando tra loro capiscono che il cadavere è stato murato tre anni prima, in base ai materiali usati, inoltre Margherita afferma di aver fatto amicizia con il medico legale e che potrebbe analizzare il corpo. Dalla scena seguente si capisce che Suor Angela ha un passato in carcere ed infatti chiede in preghiera a Gesù di dargli la forza di tornare in carcere per far visita alla sua novizia. Suor Angela si fa forza, va da Cristina e gli chiede chi era il compagno di cella di suo fratello perché potrebbe dirgli particolari sui rapporti tra Edoardo e suo fratello. L’ex compagno di cella del fratello della suora è un fioraio che gli racconta che l’ultima volta che ha visto Edoardo era stato tre anni prima perché era andato da lui a comprare i fiori del perdono, che voleva regalare a Suor Cristina, per farsi perdonare per i torti fatti a suo fratello. Ora si vedono Suor Angela e Margherita che di nascosto vanno nel laboratorio di medicina legale per vedere il corpo e suor Angela cerca di far capire alla ragazza che deve fare quello che piace a lei, medicina legale, e non quello che piace ai suoi genitori, pediatria.

Ora suor Angela va a far visita a padre Bernardo per cercare conforto per le sue angosce, perché crede di non riuscire a gestire il convitto, le ragazze, Margherita, Giulia e la situazione di Cristina. il religioso la conforta dicendo che è ora di affrontare il mondo e che il Signore gli ha mostrato la strada.

Suor Angela va in caserma ad aggiornare Marco di quello che ha scoperto dal referto del cadavere, e cioè che è morto tre anni prima ucciso da arma contundente. La suora va a far visita al fratello di Edoardo, che potrebbe avere un valido movente economico, e cerca di carpire più informazioni possibili sui loro rapporti da lui e da sua moglie. Suor Angela torna da Marco e parlando capiscono che oltre a Cristina è innocente anche il fratello di Edoardo, che era arrabbiato con il fratello ma non al punto di ucciderlo, e che probabilmente c’entra qualcun’altro dell’azienda di famiglia. Grazie a Giulia, che ha studiato informatica, accedono al registro dell’azienda per controllare gli accessi tramite tesserino di tre anni prima così scoprono che Edoardo era presente in Azienda la notte della sua morte e che aveva chiamato a casa, così interrogano la famiglia e scoprono che la vera assassina è la cognata di Edoardo. Cristina è stata scagionata e torna in convento e racconta a suor Angela la sua storia, senza più segreti, e dice di voler servire Dio ma di non voler prendere più i voti. Margherita ha scelto la specializzazione, medicina legale invece di pediatria. Ferrari porta il verbale di dissequestro del bar al convento e quindi Giulia può continuare i lavori di costruzione invece di trasferirsi a Bologna con sua figlia. Ad un certo punto arriva un assistente sociale con Cecilia che avvisa Giulia che c’è stata una denuncia di abbandono dei minori fatta da Ferrai, che non sapeva che fosse sua figlia e Cecilia ha a sua volta sporto denuncia al telefono azzurro contro il carabiniere per molestie. Tutto viene risolto ritirando le denunce ma Giulia e Cecilia dovranno trasferirsi per forza in convento. Ora si vede suor Giulia che va a far visita alla signora Polasi, moglie della vittima di un omicidio in cui era coinvolta anche la suora, che ora è in fin di vita e che chiede alla religiosa di consegnare una scatola a suo figlio, che ha abbandonato quando il marito è morto e gli chiede di accudirlo. Il figlio della donna è Marco Ferrai, il carabiniere.

Ora suor Angela va da padre Bernardo a raccontargli quello che è venuta a sapere riguardo Marco e a sfogare i suoi sensi di colpa. La suora racconta di aver fatto delle domande in giro e dice che Marco ha sempre studiato, è andato avanti con la sua vita tra istituti e scuole, ma è solo e senza amici e Padre Berardo le dice che probabilmente la madre di Marco si è affidata a lei per insegnare a suo figlio cosa vuol dire amare e che deve aver fiducia nelle vie del signore per far si che Marco vada da lei di sua spontanea volontà. Il bar è finito ed in convento si festeggia per l’inaugurazione, all’improvviso arriva Marco che chiede del suo collega perché ha avuto un problema idraulico in casa ed è tutto zuppo. Suor Angela sfrutta subito l’occasione e cerca di aiutarlo. Mentre si festeggia arriva la notizia di un tentato omicidio ai danni di Raul Sermonti, l’uomo è stato buttato giù dalla finestra durante la prima notte di nozze ed ora è in coma. I carabinieri presenti alla festa devono andare ad indagare, dovrebbe andare anche Marco che però viene bloccato dalla suora che si offre di accompagnarlo per potergli parlare in auto e poterlo invitare a trasferirsi nella casa del custode del convento fino a che il problema a casa sua non sia risolto ma lui rifiuta.

Suor Angela intanto cerca informazioni su Marco nel suo portafogli che ha preso di nascosto quando lo ha accompagnato sulla scena del crimine e trova una lettera inviatagli dalla mamma. In convento arriva Azzurra, una ragazza viziata figlia di un notaio, che ha tentato di rubare in una gioielleria per attirare le attenzioni del padre, e per punizione il padre l’ha chiusa in convento. Intanto Marco chiede alla suora se ha lei il suo portafogli così Angela glielo restituisce e gli chiede dettagli sul nuovo caso e cerca di aiutarlo nelle indagini. Anche stavolta ne Marco ne Angela non credono nella colpevolezza della prima indagata dei carabinieri, la moglie di Raul. Suor Angela insieme a Giulia e Margherita torna ad indagare e così va nuovamente in carcere a confortare la donna accusata di tentato omicidio. Intanto la vita in convento va avanti, Giulia vive lì nascondendo Cecilia dalle altre ospiti e dalle altre suore del convento, Margherita soffre la mancanza della madre ed Azzurra cerca in vano l’affetto del padre. A suor Angela tocca come sempre tener testa ed aiutare tutte loro.

Intanto Margherita informa la suora che nel corpo di Raul non c’era traccia di droghe da oltre sei mesi, Azzurra dice di conoscerlo e gli dice che non avrebbe mai tradito la sua compagna e Giulia riesce a rintracciare la prostituta chiamata per l’addio al celibato di Raul e Angela gli va a fare delle domande. La prostituta le dice di avere paura e che durante quella notte Raul non l’ha mai toccata e non ha fatto altro che parlare di sua moglie. Mentre la suora e la prostituta parlano arrivano i carabinieri e arrestano la donna. Intanto Marco è in cerca di nuova casa e suor Angela lo diffama con ogni proprietario di casa che il carabiniere contatta per fargli rifiutare gli affitti e costringerlo ad accettare l’invito in convento, lo va a trovare in caserma, dove si è accampato per la notte e gli dice che la sostanza blu trovata sul cadavere non era eroina ma fertilizzante e gli rinnova l’invito in convento, ma lui di nuovo rifiuta. Intanto, la suora ed il carabiniere scoprono che il tentato omicidio è avvenuto tra le due e le tre di notte e quindi le due donne sono innocenti, la prostituta era già andata via e la moglie non era ancora arrivata in camera. Intanto Azzurra trova Cecilia, scoperta che scatena le furie della madre superiora che però accetta comunque la bimba in convento a patto che si comporti bene. Angela, Marco e Margherita ragionano sul possibile colpevole del tentato omicidio e scoprono che Raul era in mano ad uno strozzino soprannominato Zio, che ha un alibi per il delitto ma viene comunque carcerato per usura. Dopo le preghiere di Angela, Raul si sveglia dal coma e così racconta tutto ed il caso è risolto. Intanto Azzurra soffre per la mancanza del padre e Marco accetta l’invito in convento, notizia che Giulia non prende tanto bene, suor Angela le chiede spiegazioni e lei le dice che Marco è il padre di Cecilia. (continua alla pagina seguente)

Trama episodio incubi: Suor Angela deve tenere sotto controllo Azzurra, la figlia del ricco notaio, che ne combina di tutti i colori pur di farsi cacciare dal convitto. Giulia è sotto pressione perchè la attende una verifica da parte dei servizi sociali sulle sue qualità di mamma. la situazione complica il suo rapporto già burrascoso con Marco, il papà di Alice.

 

Trama episodio prova d’esame: Marco indaga su uno strano episodio avvenuta a scuola. Nel frattempo subisce l’odio di Giulia, mentre Marco si sta affezionando ad Alice.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori