ITALIA’S GOT TALENT 5/ Chi è Luca Contoli, lo specialista di Flatland BMX

- La Redazione

Tra i finalisti di Italia’s Got Talent 5 c’è Luca Contoli: pratica il Flatland BMX da circa 8 anni fa e da semplice amatore è oggi un freestyler molto conosciuto nell’ambiente

igt5-luca-contoli
Luca Contoli

Luca Contoli è uno dei finalisti di Italia’s got talent 5, il programma di Canale 5 condotto da Belen Rodriguez e Simone Annichiarico. Il bikers emiliano è infatti riuscito a sbaragliare una folta concorrenza in sella alla sua BMX, conquistando pubblico da casa e giuria con una serie di figure dal grande coefficiente di difficoltà. Luca Contoli ha 28 anni, lavora come riparatore di biciclette e meccanico a Castel Bolognese, un paese dell’entroterra di Ravenna, e ormai da otto anni si dedica con grande profitto alla disciplina del Flatland, che consiste nel dare vita con il mezzo tecnico a manovre a terra, senza poter godere di rampe in grado di aiutarlo e nel quale è vietato poggiare i piedi a terra. Una disciplina molto difficile, ma allo stesso tempo in grado di strappare ammirazione in chi osserva le evoluzioni di chi la effettua.

Luca viene da una famiglia in cui la bicicletta è una sorta di religione. Alberto e Filiberto, i fratelli, sono stati uno ex professionista e l’altro un cicloamatore appassionato e questo ha contribuito a contagiarlo spingendolo ben presto a confrontarsi con il mezzo. Ha scoperto questo particolare e spettacolare sport all’età di 15 anni, ammirando le evoluzioni in un programma televisivo, rimanendo immediatamente attratto dalle spettacolari acrobazie che lo distinguono. Dopo aver iniziato a esibirsi in eventi come feste private e sagre paesane, ha affinato le sue doti con lunghi allenamenti e ha allargato il suo raggio d’azione, con le partecipazioni a manifestazioni di prestigio nazionale come lo Sportur in scena a Cervia o la Fiera Expo Bike, che si svolge a Padova. Anche la Fiera Eicma di Milano e l’International Tatto Expo capitolino lo hanno visto in sella alla sua BMX, contribuendo non poco a renderlo sempre più popolare tra gli appassionati di questa disciplina sportiva.

Un lungo tirocinio sfociato poi negli appuntamenti di carattere agonistico, come la partecipazione a due mondiali di settore, disputati in Germania, culminati nel venticinquesimo posto riportato al Master 2010 di Colonia, che naturalmente spera di migliorare nel corso della prossima edizione. Forte di queste importanti credenziali, si è iscritto alle selezioni preliminari di Italia’s got talent, nelle quali si è esibito nelle sue spettacolari manovre acrobatiche destando grande sensazione nelle varie giurie che lo hanno esaminato di volta in volta. Il suo numero di manovre acrobatiche sembra fatto apposta per calamitare l’attenzione di chi lo osserva, sia dal vivo che da casa e questo fatto ha contribuito non poco a spianargli il cammino verso le finali del programma. 

Per un atleta che è riuscito a partecipare a kermesse di carattere internazionale, in fondo, poteva dirsi almeno in partenza un vero e proprio gioco da ragazzi. Un gioco che ha comunque destato grande entusiasmo a Castel Bolognese, in particolare al Bar del Parco, ove i suoi compaesani si radunano per ammirare le sue incredibili acrobazie nel corso delle puntate della gara, con boati impressionanti a corredare ogni trick effettuato.

Il ragazzo ha partecipato alla gara per caso, in quanto è stato un suo amico a decidere di inviare la scheda di adesione, a seguito della quale è stato contattato per presentarsi il 14 di ottobre al Teatro Massimo, a Roma ricevendo il pass della giuria composta da Rudy Zerbi, Maria De Filippi e Gerry Scotti, venendo poi selezionato dalla produzione per la semifinale.

Nonostante la sua carriera, il biker emiliano ha confessato di aver avvertito una certa emozione, che si è unita a una superficie non proprio ideale per le sue evoluzioni, con assi di legno unite da chiodi, uno dei quali si è staccato, senza però impedirgli di concludere al meglio la performance. Lo scopo che lo muove non è tanto il premio in denaro spettante al vincitore, quanto la promozione di una disciplina che ama tanto da spingerlo a calarsi nei panni di istruttore, insieme ad altri appassionatì, con il varo di corsi di BMX che hanno come teatro la pista di pattinaggio di Lugo e il PalaGenius di Imola. Un’opera di promozione che potrebbe trarre ulteriore linfa da una eventuale vittoria dello show di Canale 5, nel corso del quale le evoluzioni spettacolari di Contoli hanno comunque già raggiunto il risultato che il ragazzo si prefiggeva in partenza, provocando una grande curiosità presso molti ragazzi, che potrebbe spingerli a dedicarsi a una disciplina che se non permette i guadagni di sport più popolari, rimane comunque molto divertente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori