MASTERCHEF 2/ In semifinale eliminati Marika e Ivan, ospite Lidia Bastianich. Puntata 14 febbraio 2013

- La Redazione

Nonostante la concomitanza con il Festival di Sanremo, la nuova stagione di Masterchef prosegue a vele spiegate: vediamo cos’è successo nell’appuntamento andato in onda ieri

masterchef_Bastianich_Cracco_BarbieriR439
Immagine di archivio

Nonostante la concomitanza con il Festival di Sanremo, la nuova stagione di Masterchef prosegue a vele spiegate: nellappuntamento andato in onda ieri sera, giovedì 14 febbraio 2013, abbiamo visto i concorrenti rimasti in gara (Maurizio, Ivan, Andrea, Marika e Tiziana) confrontarsi con una mistery box molto particolare. L’ingrediente principale da utilizzare, infatti, sono le cozze da abbinare a ingredienti semplici come piselli, pomodori, patate, zucchine e mozzarella. Il segreto della cottura delle cozze, afferma Cracco, è l’acqua di cottura in cui c’è tutto il sapore del mare. Per aiutare i concorrenti, quindi, Cracco suggerisce loro di creare qualcosa pensando di usare al massimo questo elemento per dar sapore al piatto. I tre piatti migliori sono le cozze gratinate di Ivan, la base vellutata di piselli di Andrea e la zuppa di cozze al curry di Maurizio.

Il migliore, alla fine, è proprio Maurizio che deve scegliere il piatto per l’invention test. Il tema di questa prova (tra laltro l’ultimo Invention test di quest’edizione di Masterchef) è la cucina casalinga e l’ospite è Lidia Bastianich, madre di Joe. La signora ha aperto il suo primo ristorante a 24 anni e oggi è un vero guru della cucina italiana nel mondo. I concorrenti hanno 45 minuti di tempo per realizzare il piatto della signora Bastianich scelto da Maurizio: calamari ripieni con insalata cruda e cotta. Lidia Bastianich, mentre i ragazzi sono alle prese con il piatto, si avvicina ai loro fornelli in compagnia di Cracco, di Barbieri e del figlio, dando qualche consiglio. Alla fine della prova vengono assaggiati i piatti: Maurizio, pur avendo il vantaggio dei suggerimenti personali della signora Bastianich, commette l’errore di non far caramellare bene la cipolla del ripieno e farla stufare. L’errore di Marika è sbagliare invece la cottura, per cui il calamaro risulta gommoso e manca di sale. Bastianich assaggia anche la sua insalata e trova che le patate siano crude e i fagiolini puliti solo da un lato (e le chiede se si tratta di una nuova moda). Il piatto di Tiziana per Barbieri ha troppo prezzemolo, per la Bastianich ha troppo pane, ma dopotutto non è male. Il piatto di Andrea è sbagliato perché la cipolla dell’insalata andava cotta nel forno e non soffritta. Barbieri assaggia il suo calamaro e dice che è troppo salato, oltre a essere anche crudo, per cui sarebbero stati opportuni altri due minuti in più di cottura. Alla fine la vincitrice è Tiziana: il suo premio sarà una lezione privata con lo chef Carlo Cracco nel suo ristorante.

L’eliminata di oggi è Marika: quindi, purtroppo, vediamo la ragazza togliersi il grembiule e andare via. Cracco la ferma per qualche secondo, dicendole che quello che l’ha fregata è stato un atteggiamento troppo presuntuoso. Poi, nel confessionale, Marika definisce latteggiamento di Cracco troppo maschilista, dicendosi sicura che per lui in cucina le donne non devono entrare. Solo la signora Bastianich, al contrario, ha avuto parole di conforto e incoraggiamento per lei. Il secondo peggiore è Andrea che, come lui spesso ha dichiarato, non ha un buon rapporto con i piatti di pesce. Maurizio è quindi riuscito nel suo intento di metterlo in difficoltà, ma non in quello di eliminarlo. La prova in esterna si svolge nel ristorante “L’andana” di Alain Ducasse, nel cuore della Maremma toscana. 

Per diventare un grande chef bisogna avere molta passione e molta attenzione ai prodotti, afferma Ducasse, mentre Barbieri dice che se si pensa alla cucina come a un’arte i concorrenti oggi devono preparare un ‘opera d’arte perfetta. I ragazzi devono, infatti, provare a inserirsi nella cucina di un ristorante di alta cucina. Barbieri sottolinea che ad Alain Ducasse non sfugge nulla e quindi devono essere perfetti, tanto alla fine sarà proprio Ducasse a scegliere chi tra loro sarà stato il migliore di quest’ultima prova in esterna. Gli aspiranti chef devono dimostrare di essere all’altezza di cucinare in brigata, cosa che prevede un’enorme disciplina quasi militare. A ognuno di loro sarà assegnato un piatto di cui saranno responsabili: a Tiziana sono affidati gli gnocchi al ragù di agnello, a Maurizio il piccione, a Ivan la cocote di verdure e ad Andrea il dolce. Lo chef Omar coordina tutti, compresi i tempi di realizzazione. Alain Ducasse osserva e giudica tutto.

La cottura dell’antipasto di verdure affidato a Ivan non viene giudicata pronta e quindi Ducasse decide che devono andare a tavola prima gli gnocchi di Tiziana. In sala tra i commensali ci sono ovviamente anche i tre giudici di Masterchef che, assaggiando le verdure di Ivan, trovano alcuni difetti. Quando arriva il piccione di Maurizio lo trovano stracotto e troppo salato, mentre il dolce di Andrea, un tortino di albicocche, sa troppo di uovo crudo, anche se il gelato per Cracco è perfetto. Per Ducasse la migliore di oggi è Tiziana, così gli altri tre vanno al Pressure test nella cucina di Masterchef.

La protagonista di questa prova è un’insalata di spugne di mare fatta da Cracco. I tre ragazzi sono chiamati ad assaggiare il piatto che è a dir poco disgustoso. La prova è, partendo da questo piatto sbagliato, riuscire a trasformarlo in qualcosa di equilibrato. Ci sono 25 minuti a disposizione. Maurizio si salva e l’ultimo duello è fra Ivan e Andrea: i due devono rifare il piatto peggiore che hanno presentato in quest’edizione e migliorarlo. Per Andrea si tratta del calamaro ripieno, mentre per Ivan si tratta della crema di fagioli con le schie. Il vincitore è Andrea quindi, di conseguenza, Ivan viene eliminato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori