LA CLINICA DEI MISTERI/ Un film dove una donna lotta per riavere suo figlio

- La Redazione

Questa sera, sabato 17 agosto 2013, Rai Due manda in onda in prima tv il film La clinica dei misteri(titolo originale The Clinic),  prodotto nel 2010 in Australia per una durata di 94 minuti

Clinica_misteriR439
Una scena del film

Questa sera, sabato 17 agosto 2013, Rai Due manda in onda in prima tv il film La clinica dei misteri (titolo originale The Clinic),  prodotto nel 2010 in Australia per una durata complessiva di circa 1 ora e 34 minuti con la regia di James Rabbits. Nel cast sono presenti oltre ai due attori principali Freya Stafford e Tabrett Bethell, anche Andy Withfield, Clare Bowen, Sophie Lowe e Boris Brkic. Diamo uno sguardo alla trama del film La clinica dei misteri. Ci troviamo nel 1979. Beth (Freya Stafford) e Cameron (Tabrett Bethell) sono una coppia di giovani innamorati davvero molti felici che da qualche mese hanno deciso di convivere. La loro unione viene rafforzata anche dalla gravidanza di Beth. La loro felice e tranquilla esistenza sta però per essere letteralmente sconvolta da unincredibile e drammatica disavventura che li segnerà per sempre. Nonostante Beth sia nella fase finale della sua gravidanza, decide di voler sottoporsi allo stress di un viaggio in auto insieme a Cameron per una vacanza che, almeno teoricamente, avrebbe dovuto avere lo scopo di rilassare la donna prima del lieto evento. Purtroppo, la tabella di marcia viene cambiato per via di un imprevisto. Lauto ha infatti un guasto e i due sono quindi costretti a soggiornare nei pressi di una struttura alberghiera per niente confortevole e soprattutto ubicata in una zona piuttosto remota.

Prima che cali definitivamente il buio, mentre Beth si va a distendere sul letto della camera dalbergo, Cameron decide di andare in cerca di un negozio di alimentari in maniera tale da acquistare qualcosa con cui cenare. Dopo una lunga ed estenuante ricerca fa ritorno allalbergo trovando una brutta sorpresa. Beth non è più in camera. Cameron si mette immediatamente alla sua ricerca che risulterà vana. Beth, qualche ora più tardi, si risveglia allinterno di un enorme magazzino, distesa in una vasca da bagno e si rende conto di non avere più in grembo il proprio bambino. Come può immediatamente constatare, lei non è la sola a trovarsi in questa situazione.

In pratica, Beth è stata rapita da unorganizzazione che rapisce donne in stato interessante e prossime al parto, per poter portare via loro i bambini e rivenderli a coppie che non ne possono avere. Per Beth e Cameron inizierà una vera e propria lotta che li vedrà disposti a tutto pur di riabbracciare il proprio bambino, che potrà essere distinto dai tanti presenti in questa sorta di clinica degli orrori per mezzo del colore del braccialetto che le è stato messo al braccio.

Insomma, si tratta di un film di un certo impatto emotivo e che è senza dubbio capace di creare una certa situazione di suspense nel telespettatore. Per ottenere il maggiore consenso tra il pubblico televisivo italiano dovrà fronteggiare dei competitor di tutto rispetto. Infatti, su Rai Uno viene mandato in onda a partire dalle ore 21,15 un nuovo appuntamento della trasmissione di approfondimento scientifico Superquark, condotta da Piero Angela. Su Rai Tre alle ore 21,05 viene mandato il film di genere western Sole rosso, diretto da Terence Young e con Charles Bronson, Toshiro Mifune, Alain Delon e Ursula Andress.

Su Rete 4 alle ore 21,10 vengono mandati in onda due episodi della quarta stagione della serie di genere poliziesco The mentalist con Simon Baker. Su Canale 5 va in onda alle ore 21,15 il film comico Bagnomaria diretto da Giorgio Panariello e che vede nel cast lo stesso Giorgio Panariello, Gianna Giachetti, Ugo Pagliai e Andrea Cambi. Su Italia 1 vengono trasmesse alle ore 21,05 le prove ufficiali della gara di Indianapolis di MotoGp. Su La7 alle ore 21,10 viene mandato in onda il film di genere azione Diamonds per la regia di Andy Wilson e con James Purefoy, Derek Jacobi, Joanne Kelly e Louise Rose.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori