CHE TEMPO CHE FA/ Chi è Alessandro Siani, il comico che ha donato 20.000 euro per Pompei

- La Redazione

Tra gli ospiti di Fabio Fazio a Che tempo che fa, oggi 11 gennaio 2014, oltre a Maria Chiara Carrozza e Max Pezzali, ci sarà anche il simpatico Alessandro Siani

alessandro-siani
Foto: InfoPhoto

Tra gli ospiti di Fabio Fazio nella puntata di Che tempo che fa di oggi ci sarà anche Alessandro Siani, il giovane comico, attore e cabarettista partenopeo che, dopo gli esordi in spettacoli a carattere locale, negli ultimi anni si è fatto conoscere in tutta Italia. Nato nel 1975 a Napoli, il suo vero cognome è Esposito, ma adottò quello di “Siani” in ricordo del giornalista Giancarlo Siani, il quale venne ucciso nel 1985 dalla Camorra. Si fece conoscere, a partire dagli anni ’90, nell’ambito della comicità partenopea, partecipando ad alcuni spettacoli e concorsi, tra i quali il “Premio Charlot” e quello “Ascea Ridens”, conseguendo anche dei riconoscimenti importanti. I suoi primi riscontri li ottenne in trio con Francesco Albanese e Peppe Laurato, interpretando uno dei suoi personaggi di maggior successo, Tatore, un ragazzo cafone e arrogante. Sul finire degli anni ’90 lavorò all’interno delle reti televisive campane, fino ad approdare alle reti nazionali nel 2002. In questo anno infatti partecipò al programma condotto da Federica Panicucci “Bulldozer” su Rai Due, interpretando il suo cavallo di battaglia, Tatore. In seguito, verrà chiamato a collaborare anche a “Domenica in”; nel 2005 poi gli fu affidata la conduzione di Sanremo Giovani, mentre portava anche avanti il suo tour in Italia.

A partire dal 2006 poi Alessandro Siani si è confrontato con il mondo del cinema, ottenendo un ottimo riscontro di critica, tanto da vincere un premio del Giffoni Film festival, con la sua interpretazione all’interno del film “Ti lascio perché ti amo troppo”. Ha poi partecipato al film “Natale a New York” di Neri Parenti, lavorando così insieme ad altri grandi attori italiani come Massimo Ghini e Sabrina Ferilli. Il buon risultato conseguito ha poi spinto Neri Parenti a volerlo nuovamente nel suo film di Natale dell’anno successivo, nel 2007, “Natale in crociera”.

Nel frattempo Siani non ha abbandonato la televisione, continuando a comparire in vari programmi Rai tra cui “Quelli che… il calcio”. La sua consacrazione cinematografica è avvenuta però con il film “Benvenuti al Sud” del 2010, per la regia di Luca Miniero. Qui ha recitato al fianco di Claudio Bisio e la pellicola ha avuto molte recensioni positive, a differenza del suo sequel, “Benvenuti al Nord” (2012). Nel frattempo, Siani si è anche cimentato come doppiatore nel film Disney Pixar “Cars 2”, e ha recitato anche al fianco di Fabio De Luigi in “La peggior settimana della mia vita” di Alessandro Genovesi.

La sua popolarità è ormai conclamata, tanto che viene chiamato come ospite al Festival di Sanremo del 2012; nel 2013 infine ha debuttato alla regia con il film “Il Principe Abusivo”, nel cui cast figurano Christian De Sica e Serena Autieri.

I due episodi per cui recentemente è saltato agli onori della cronaca sono stati uno spettacolo di beneficenza che doveva tenere a Pompei, ma che ha voluto cancellare dopo aver saputo che gran parte dei biglietti erano stati distribuiti gratuitamente, ma devolvendo comunque una forte somma in favore della manutenzione del sito; e la notizia che si era diffusa in dicembre circa il fatto che fosse stato rapinato e ferito in un centro commerciale, rivelatasi poi falsa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori