La gabbia/ Formigli: “Renzi parla il linguaggio degli imprenditori”. Puntata 18 giugno 2014

- La Redazione

Torna stasera La Gabbia con una nuova puntata. Con le anticipazioni vediamo chi saranno gli ospiti presenti nello studio di Gianluigi Paragone e i temi trattati

la-gabbia-paragone
La Gabbia
Pubblicità

Nella puntata della trasmissione di approfondimento La Gabbia condotta su La7 da Pierluigi Paragone, sono presenti in studio la deputata Gabriella Giammanco di Forza Italia, Matteo Ricci del Partito Democratico, la blogger Veronica Gentili, Mara Maionchi, il giornalista e conduttore televisivo Corrado Formigli, il giornalista Alan Friedman, Marcello Foa diretto della Ticinomedia e Alberto Baban vice presidente di Confindustria. La puntata si apre con un servizio in cui viene posta lattenzione sul fatto politico più rilevante degli ultimi giorni ossia dellapertura di Beppe Grillo leader del Movimento 5 Stelle verso il Partito Democratico e il Premier Matteo Renzi soprattutto per quanto concerne la riforma della legge elettorale. Ricci del Partito Democratico appare abbastanza felice di questa decisione rimarcando come finalmente sia Forza Italia che lo stesso Movimento 5 Stelle si siano resi conti di dover collaborare oppure gli italiani si recheranno in numero sempre meno nutrito a votare. La Gentili invece mette in evidenzia come a suo dire Matteo Renzi abbia un certo potere seduttivo mentre la Maionchi non è dalla parte di Renzi in quanto vuole prima vedere se effettivamente mettere in essere tutte le promesse che ha fatto nel corso delle scorse settimane. Formigli dopo aver fatto notare come in un recente passato il Movimento 5 Stelle abbia espulso dei parlamentari che chiedevano un dialogo con il Partito Democratico, sottolinea come a suo dire Renzi alla fine farà le riforme con Berlusconi in quanto considera Grillo poco credibile. Ricci poi ci tiene a chiarire quanto successo nel caso Mineo rimarcando come quello che è accaduto non è mancanza di democrazia bensì anarchia ed inoltre vuole fare un distinguo con il Movimento 5 Stelle ricordando come Mineo non sia stato espulso. Poi viene mandato in onda un servizio che invece racconta di alcuni uomini di un certo potere che sono stati inchiodati rispetto alle proprie responsabilità per colpa delle proprie donne come nel caso di Matacena. La Maionchi sul fatto che una donna per avere il potere possa andare con uomini come lex Governatore del Veneto Galan oppure come lex Ministro Scajola, è profondamente contraria aggiungendo come lei sicuramente avrebbe preferito non essere donna di potere. Formigli per enfatizzare quanto sia presente nel Paese la corruzione rimarca come non sia il cancro bensì il sangue del sistema economico italiano. La Giammanco ci tiene però a sottolineare come le responsabilità non siano soltanto del mondo della politica bensì di tutto quanto il sistema. Spazio a un altro servizio nel quale viene raccontato quello che è accaduto lo scorso lunedì 16 giugno già ribattezzato come giorno nero delle tasse per le tante scadenze erariali fissata a parte dalla Tasi, Imu sulla seconda casa e quantaltro. Friedman sottolinea come sia abbastanza chiaro che il livello di tassazione in Italia sia eccessivo aggiungendo come in America paghino le tasse con un maggiore sorriso visto che i cittadini a stelle e strisce a differenze di quelli italiani, ricevono in cambio servizi effettivamente soddisfacenti e funzionanti. Tuttavia Friedman deve dar ragione alla Maionchi che fa notare come il sistema sanitario non sia così straordinario non garantendo a tutti il diritto di essere curati. Ricci sottolinea come il Governo Renzi sta lavorando per semplificare il fisco ed inoltre si dice favorevole ad iniziative come quelle intraprese nel suo comune, Pesaro, dove chi apre una nuova attività viene sgravato dalle tasse per i primi tre anni. Viene proposta un breve stralcio di unintervista rilasciata da Renzi nella quale parla per lappunto anche del tema riguardante il fisco. Formigli commenta lintervento di Renzi sottolineando come ci sia un feeling tra le proposte avanzate da Renzi e gli imprenditori che evidentemente vedono come principale obiettivo quello di abbattere la pesantezza della burocrazia rispetto allalleggerimento del livello di tassazione. La Giammaco critica le parole di Renzi e in particolar modo il passaggio nel quale rimarca di non aver ben capito il meccanismo della Tasi. La deputata di Forza Italia si chiede che Premier sia uno che non conosce le tasse. Poi vengono mandati in onda prima un servizio su come sia stato possibile consentire ad alcuni politici farsi pagare con i soldi pubblici interventi di chirurgia plastica e poi un secondo servizio che parla di una imprenditrice che avendo necessità di denaro e trovandosi difronte a dei tassi da usura proposti dalle banche a cui ha chiesto aiuto, ha tentato di suicidarsi nel bagno della banca. In studio entra Paolo Barnard che attacca leuro sottolineando come tra il 2014 ed il 2016 il livello di tassazione in Italia andrà ulteriormente ad aumentare. Friedman rimarca come sia impossibile uscire dalleuro in quanto comporterebbe un balzo di 10 punti percentuali per quanto concerne i tassi di prestiti e mutui mentre Foa non è dello stesso avviso. Per Baban cè la necessità di far capire al Governo che occorre fare qualcosa per aiutare loccupazione e Formigli crede che la storia delleuro è soltanto una scusa per non mettere sotto il focus di chi siano le vere colpe di questa situazione. Barnard è però convinto della propria tesi e ribadisce anche con una certa veemenza allo stesso Friedman come lunica soluzione sia luscita dalleuro. Nelle battute finali della trasmissione, Friedman rimarca come lItalia sia a rischio deflazione nel caso non dovesse fare investimenti pubblici con i soldi ricavati dai tagli mentre Baban parla dei 22 miliardi di fondi europei che lItalia non ha ancora usato per via del patto di stabilità. Nuovo intervento di Barnard e poi spazio a Car Carlo Pravettoni e allesibizione musicale di Paragone.

Manca poco alllappuntamento con La Gabbia, il talk show, in onda oggi 18 giugno a partire dalle 21.10 su La7. A condurre avremo Gianluigi Paragone, e gli ospiti di stasera includeranno il blogger del Movimento 5 Stelle Daniele Martinelli, i giornalisti Vittorio Feltri e Alessandro Cecchi; oltre a vari parlamentari, tra cui Mariano Rabino di Scelta Civica, Emanuele Fiano del Pd e anche lavvocato Francesca Donato candidatasi con Lega Nord. Una serata, insomma, allinsegna della politica. Clicca qui per seguire la diretta streaming di La gabbia.

Pubblicità

Questa sera, mercoledì 18 giugno 2014, alle ore 21.10 su La7 va in onda un nuovo appuntamento con La Gabbia, il talk show condotto da Gianluigi Paragone. Tra i temi che verranno affrontati in puntata: la lotta alla tecnocrazia, al potere politico e al potere finanziario che stanno creando ovunque in Europa problemi sociali e vicoli ciechi. Gli ospiti di Paragone che affronteranno il dibattito in studio sono Mariano Rabino parlamentare di Scelta Civica, l’avvocato Francesca Donato e candidata alle europee con la Lega Nord, il parlamentare del Pd Emanuele Fiano, i giornalisti Alessandro Cecchi Paone e Vittorio Feltri, l’attore Ivano Marescotti – candidato alle europee con Lista Tsipras – e il blogger grillino Daniele Martinelli. Nel corso della puntata non mancheranno gli interventi di Paolo Barnard, tornato come presenza fissa del programma. La chiusura è affidata alla satira di Paolo Hendel nei panni di Carcarlo Pravettoni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori