Sconosciuti collection, la storia di Paolo e del maestro di prima elementare. Puntata 30 giugno 2014

- La Redazione

Questa sera va in onda Sconosciuti Collection. Le anticipazioni del programma di Giulio Scarpati che racconta le storie degli italiani e la loro personale ricerca della felicità

scarpati_2_r439
Giulio Scarpati
Pubblicità

Lunedì 30 giugno è andata in onda la prima puntata di Sconosciuti Collection, condotto da Giulio Scarpati. La prima storia della serata è quella di Paolo Manni, uomo di circa 50 anni che abita a Firenze. Paolo racconta di come la rimpatriata organizzata da alcuni compagni della scuola delle elementari gli abbia fatto riaffiorare tantissimi ricordi di una prima parte della propria vita che è stata quanto mai importante da un punto di vista formativo. Paolo parla di come questa cena sia stata molto più interessante e divertente di quello che si sarebbe immaginato e di colpa sono tornati a essere bambini ricordando quegli anni. La famiglia di Paolo era abbastanza benestante con il padre ferroviere e la madre Elide che era una infermiera in un ospedale pediatrico. Ricorda che a differenze di tante altre famiglie avevano il televisore in casa tantè che molti venivano la sera per guardare i programmi da loro. Insomma, una vita molto bella che purtroppo per Paolo alletà di cinque anni diventa improvvisamente un inferno quando suo padre mentre lo stava portando a letto viene colpito da una emorragia. Il padre muore e Paolo entra in uno stato di profonda tristezza come del resto testimoniano i suoi disegni nei quali scompaiono i colori. La madre cerca di stargli ivicino ma questo non sempre le è possibile per via del proprio lavoro fatto di turni. Arriva così il momento per Paolo di entrare nel mondo della scuola, cosa che preoccupava tantissimo anche perché allepoca solitamente cera un metodo di insegnamento molto rigido. Tuttavia per Paolo e in generale per gli alunni di quella prima B composta da 37 bambini, ci sarà un qualcosa di inaspettato ossia un maestro, Valter Nocciolini, che ha un modo completamente rivoluzionario di insegnare. In classe non ci sono quaderni ma vengono sfruttati una serie di espedienti che insegneranno in pochissimi mesi ai bambini a scrivere come il giornalino scolastico e tanto altro. Per gli alunni e in particolar modo Paolo, la vita assume una visione molto differente tantè che quando arriva la fine dellanno, lui e tutti gli altri non vedono lora di tornare a scuola. Purtroppo però, a settembre cè una bruttissima sorpresa. Il maestro Nocciolini non cè più e al suo posto cè un nuovo insegnante autoritario che riporta i vecchi metodi di insegnamento. Per Paolo cè un secondo trauma legato allabbandono di quello che ha considerato quasi come un secondo padre e tocca quindi nuovamente alla madre Elide stargli vicino. Gli anni passano, Paolo riesce a trovare lamore in Gloria e nel 1986 si sposa per poi diventare padre di Lapo e Beatrice. In questa cena tra gli ex compagni di scuola, tutti e dodici i presenti hanno in mente un obiettivo quello di ritrovare il maestro Nocciolini cosa che richiederà la bellezza di due anni. Lo vanno a trovare in una cittadina nella provincia di Firenze e nonostante abbia 91 anni di età, mostra di aver gradito immensamente questa sorpresa. Lo stesso Nocciolini farà presente come il suo allontanamento dalla scuola fu dovuto al trasferimento della moglie.

Pubblicità

La seconda storia raccontata in questa puntata di Sconosciuti è quella di Maria Ranzanelli, una giovane donna che ha dovuto scontrarsi nella propria vita con dei problemi legati a una alimentazione decisamente fuori controllo. La madre Gioia racconta come lei, quando Maria era una bambina che andava alle scuole elementari, si accorse dalla presenza di tantissime carte di merendine nel suo zaino ci fosse un problema con il cibo. Maria però non ne vuole assolutamente sapere di alleggerire il suo consumo e così arriva a pesare circa 90 kg già a 14 anni con tutti i problemi sociali che esso comporta tantè che la stessa Maria fa presente come lei sapesse benissimo che in quelle condizioni fisiche difficilmente sarebbe stata vista da qualche ragazzo ma per lei andava bene così. Frequenta il liceo classico e quindi si iscrive alla facoltà di Scienze Politiche. Poco più che ventenne parte per il progetto Erasmus alla volta della Spagna dove trascorrerà 7 mesi senza alcun controllo soprattutto da un punto di vista dellalimentazione tantè che quando rientra in Italia pesa più di 120 kg. Si laurea e inizia a lavorare nellazienda del padre però incomincia ad avvertire i primi problemi di salute. Maria prende coscienza del problema e si rivolge a un centro specializzato ma sarà lincontro con Nicola, uno studente calabrese, che le dà quellinput che la porterà a scendere vertiginosamente di peso fino ad arrivare ad avere il problema inverso. Con Nicola dopo i primi due anni in cui sono soltanto amici, finalmente scoppia lamore che tra laltro porterà un equilibrio anche nellalimentazione di Maria che oggi ha il peso forma.

Pubblicità

La terza storia riguarda un ragazzo di nome Elia e una ragazza di nome Silvia. Il primo ha vissuto una infanzia e una adolescenza terribile con il padre e la madre che hanno avuto molti problemi con leroina e la nonna Anna che in pratica lo ha cresciuto, che facendo la barista nel primo night di Bologna, aveva a che fare con gente di ogni tipo. Nell 1990 Elia viene affidato a servizi sociali per 5 anni alla fine dei quali si trova a essere una sorta di cane sciolto che pare ripercorrere la strada dei propri genitori. Silvia invece vive in una casa apparentemente normale dove però il padre mette a dura prova sia la moglie Sandra che la stessa Silvia per via di continui sbalzi dumore e un atteggiamento abbastanza violento. Elia e Silvia si incontrano per caso in una fermata di un tram e incominciano a frequentarsi. Tuttavia le cose non vanno bene e quindi si lasciano. Scatta qualcosa in Elia che di colpo prende coscienza della sua situazione e incomincia a lavorare imparando il mestiere di calzolaio e si rivede con Silvia che nel frattempo ha perso lamata madre per un tumore nel 2003. Silvia va via di casa e dopo un po di tempo si rimette con Elia per una relazione che dopo solo un mese porterà la donna ad essere incinta. Elia difronte a questa responsabilità scappa ma dopo nemmeno un anno dalla nascita della figlia, diventano una famiglia che si è allargata ulteriormente.

Lultima storia è quella di Franco, che quando era ancora una bambino negli anni ’50, dovette trasferirsi con il padre e il resto della famiglia a Milano. A 14 anni si diploma ed entra nellAlfa Romeo iniziando un lavoro che lo rende fiero e orgoglioso e nel qual mette animo e corpo. Incontra la donna della propria vita, fa carriera e nel 1981 si sposa. Nel 1988 prende una decisione tremenda e difficile: lascia lazienda perché non cè più quel contatto diretto e quel senso di appartenenza. Franco sottolinea come nonostante abbia trovato altri impieghi prima di andare in pensione, gli mancherà tantissimo quella fabbrica e quel modo di essere parte integrante di una vera e propria famiglia.

Stasera andrà in onda su Rai Tre il primo appuntamento con Sconosciuti Collection, condotto da Giulio Scarpati. Il programma, approdato in prima serata farà rivivere le storie che più hanno fatto emozionare, stupire, divertire e commuovere quest’anno nelle 100 puntate andare in onda nel preserale di Rai Tre. L’attore condurrà Sconociuti collection fino al 29 settembre, ed è stato già annunciato che il programma è stato rinnovato per una nuova stagione. Clicca qui per seguire la diretta streaming.

Dopo il successo ottenuto nel preserale con ben cento puntate trasmesse, torna a partire da questa sera Sconosciuti Collection, il programma condotto da Giulio Scarpati che racconta le storie degli italiani e la loro personale ricerca della felicità. In questa prima puntata il conduttore d’eccezione ci racconterà l’emozionante storia di Paolo Manni e di un gruppo di bambini ormai cresciuti che, a distanza di cinquantanni, si mette alla ricerca dellinsegnante della loro prima elementare, il maestro Nocciolini, scomparso improvvisamente dopo un solo anno di scuola. Si parlerà anche di due bambini albini che vivono in una masseria vicino Brindisi: nonostante la malattia, i loro genitori, Vito e Cristina cercano di offrire loro la migliore delle vite possibili. Un’altra storia commovente di forza e grande passione è quella di Marco e Adela, uno stuntman e una pattinatrice, oppure quella incredibile di Enrico e Francesca che si sono incontrati tra le macerie del terremoto dell’Aquila. Vogliono costruire una famiglia e l’impresa si rivela appassionata quanto quella di ricostruire una città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori