INFIBULAZIONE / Cos’è? Ecco in che cosa consiste questo dramma di cui si parlerà stasera a XLove

- La Redazione

Questa sera all’interno della trasmissione XLove in onda su Italia 1 ampio spazio sarà dedicato al tema dell’infibulazione, meglio conosciuta come mutilazione genitale femminile. Cos’è?

Xlove_facebook
San Valentino 2016

Questa sera all’interno della trasmissione XLove in onda su Italia 1 ampio spazio sarà dedicato al tema dell’infibulazione, meglio conosciuta come mutilazione genitale femminile. (cronachetta trasmissione, mi raccomando nome conduttore o autore storia).

Il CUORE OSCUTO DELL’AFRICA. L’infibulazione consiste nell’asportazione del clitoride, delle piccole labbra, di parte delle grandi labbra vaginali con cauterizzazione, cui segue la cucitura della vulva, lasciando aperto solo un foro per permettere la fuoriuscita dell’urina e del sangue mestruale. Ha origine esclusivamente culturale, e oggi è adottata e praticata soprattutto in molte società in Africa, nella penisola araba e nel sud-est asiatico. Le origini delle mutilazioni femminili sono legate a tradizioni dellantico Egitto dove si calcola che ancora oggi tra l’85% e il 95% delle donne abbia subito l’infibulazione. La Somalia, dove la pratica è diffusa al 98%, è stata definita dall’antropologo de Villeneuve “le pays des femmes cousues”, il paese delle donne cucite.

L’infibulazione e l’escissione del clitoride non sono menzionate dal Corano: non è dunque richiesta dall’Islam alcuna forma di manipolazione dei genitali (tra cui l’infibulazione) che rechi danno fisico alla donna. Secondo diversi studiosi non è neppure considerato accettabile nell’Islam che sia limitato il piacere sessuale della donna. Sebbene non sia in nessuna sua parte richiesta dal Corano, l’infibulazione è però una pratica che si può riscontrare in alcuni paesi, in tutto o in parte islamici (essenzialmente la parte meridionale dell’Egitto, Sudan, Somalia, Eritrea, Nigeria, Senegal, Guinea), dove viene consigliata come sistema ritenuto utile a mantenere intatta l’illibatezza della donna. In Somalia, una donna non infibulata viene considerata impura; pertanto, non riesce a trovare marito e rischia l’allontanamento dalla società. 

La scrittrice Ayaan Hirsi Ali, somala naturalizzata olandese, è una delle principali attiviste contro le mutilazioni femminili, nonché testimone di come questa pratica sia tipica della società somala: ella stessa fu infibulata all’età di cinque anni, assieme alla sorella di quattro. I rapporti sessuali, attraverso questa pratica, vengono impossibilitati fino alla defibulazione (cioè alla scucitura della vulva), che in queste culture, viene effettuata direttamente dallo sposo prima della consumazione del matrimonio. Le puerpere, le vedove e le donne divorziate sono sottoposte a reinfibulazione con lo scopo di ripristinare la situazione prematrimoniale di purezza. I rapporti diventano dolorosi e difficoltosi, spesso insorgono cistiti, ritenzione urinaria e infezioni vaginali. L’asportazione totale o parziale degli organi genitali femminili esterni è praticata con lo scopo di impedire alla donna di conoscere il piacere durante il rapporto sessuale e come forma di controllo del desiderio sessuale femminile. 

Ulteriori danni si hanno inoltre al momento del parto: il bambino deve attraversare una massa di tessuto cicatriziale e reso poco elastico a causa delle mutilazioni; in quel momento il feto non è più ossigenato dalla placenta e il protrarsi della nascita toglie ossigeno al cervello, rischiando di causare danni neurologici. Nei paesi in cui è praticata l’infibulazione, inoltre, è frequente la rottura dell’utero durante il parto, con conseguente morte della madre e del bambino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori