THE FLASH/ Anticipazioni e video promo puntata 10 febbraio 2015: “Capitan Cold”, Felicity Smoak arriva a Central City

- La Redazione

The Flash, anticipazioni puntata 10 febbraio 2015: mentre Barry Allen, nei panni di The Flash, dà la caccia a una potente arma, a Central City arriva Felicity Smoak che vuole incontrarlo

The-Flash_R439
The Flash - seconda stagione su Italia 1

Barry Allen (Grant Gustin) è decisamente felice di ricevere la visita di Felicity Smoak (Emily Bett Rickards), fedele collaboratrice di Freccia Verde, protagonista della serie che ha dato il via a questo spin-off. La puntata di “The Flash” in onda oggi, martedì 10 febbraio 2015, su Italia 1 si prospetta più che mai interessante con questa proposta di cross-over delle due linee narrative. Il nemico di Barry in “Capitan Cold”, l’episodio in onda oggi, è un criminale che ferma tutti gli ostacoli che incontra sulla sua strada freddandoli con del ghiaccio. Il giovane si renderà conto ben presto che le capacità dell’uomo non derivano da super-poteri acquisiti: Capitan Cold ha rubato un’arma in grado di produrre ghiaccio che, come si scoprirà più avanti, è stata costruita proprio da Cisco (Carlos Valdes) per precauzione, in caso Barry diventi un assassino come molti dei meta umani che hanno incontrato fino ad ora. Infine, l’arrivo di Felicity Smoak, che ha saputo che Flash si è svegliato dal coma, metterà anche alla prova i sentimenti di entrambi. Clicca qui per vedere il video promo di 1×04 “Capitan Cold”.

Oggi, martedì 10 febbraio 2015, Italia 1 trasmette un nuovo episodio di “The Flash”, la serie tv sospirata al superiore della DC Comics che acquista dei super poteri dopo essere rimasto coinvolto nell’esplosione di un acceleratore di particelle. Prima di scoprire le anticipazioni della quarta puntata, intitolata “Capitan Cold”, ecco cosa è successo in quella precedente: Barry (Grant Gustin) e Iris (Candice Patton) sono appena usciti da una sala cinematografica quando Barry è costretto ad approfittare di un momento di distrazione dell’amica, una telefonata di Eddie (Rick Cosnett), per assicurare un criminale alla giustizia senza che lei lo scopra. Nel frattempo, in un ristorante lì vicino, il boss mafioso Araz Darbinyan (Michael Benyaer) e un gruppo di suoi scagnozzi muoiono asfissiati da una misteriosa nebbia velenosa, che si dissolve poco dopo senza lasciare alcuna traccia.

Il giorno seguente, Joe (Jesse L. Martin) si presenta al laboratorio con le prove dell’omicidio di sua madre (Nora (Michelle Harrison) promettendo a Barry che analizzerà ogni indizio finché non sarà riuscito a scagionare suo padre Henry (John Wesley Shipp), ma i due vengono interrotti dall’arrivo di Eddie che racconta loro dell’omicidio della clan mafioso avvenuto la sera precedente. Nonostante secondo Barry i mafiosi sono morti a causa di un gas venefico, nel ristorante non ci sono tracce di bombole e gli uomini sembrano morti in successione, non contemporaneamente come sarebbe stato lecito aspettarsi. L’idea che ci sia qualche metaumano con poteri sovrumani come quelli di Barry spinge Joe a chiedere a Harrison di realizzare nei laboratori della STAR una prigione che possa contenere tutti coloro che vengono catturati e non restano uccisi nello scontro con Flash, così Cisco (Carlos Valdes) propone di costruire delle camere di contenimento nell’area in cui si trovava l’acceleratore di particelle.

Questo risveglia in Caitlin (Danielle Panabaker) il ricordo di quanto accaduto nove mesi prima, quando cioè si era verificato l’incidente e quando il fidanzato Ronnie Raymond (Robbie Amell), ingegnere capo del progetto, si era offerto di avventurarsi nel condotto per risolvere la situazione critica. Vedendo Caitlin sconvolta, Barry decide di portarla con sé al laboratorio fingendo di aver bisogno di aiuto per capire che tipo di gas si troveranno a dover fronteggiare mentre Cisco scende all’acceleratore con Harrison (Thomas Cavanagh), pensando anche lui a quanto accaduto a Ronnie e ricordando che, dietro sua esplicita richiesta, aveva dovuto sigillare il portellone alle sue spalle per impedire che la criticità si propagasse all’intero edificio e di conseguenza alla città, distruggendo ogni cosa sul suo cammino.

Nel frattempo, alla centrale di polizia, Caitlin analizza dei campioni di tessuto dei mafiosi assassinati e si rende conto che nei polmoni di una delle vittime non ci sono tracce di gas ma di un DNA diverso così Barry ipotizza che il metaumano non è semplicemente in grado di produrre gas ma lo è egli stesso, cioè è capace di trasformarsi in una nube tossica. In un particolare momento d’intimità, Caitlin riesce ad aprirsi con Barry e gli racconta che, il giorno dell’incidente, era corsa al portellone scoprendo che Robbie era ancora vivo ma intrappolato e si erano potuti dire addio grazie a delle ricetrasmittenti. Il suo rammarico era però che, nonostante l’estremo sacrificio compiuto dal fidanzato per salvare l’intera città, nessuno avrebbe mai saputo che eroe lui fosse. Intanto il metaumano in questione, un certo Karl Nimbus (Anthony Carrigan), si trova al centro commerciale dove uccide il Giudice Theresa Howard (Elizabeth McLaughlin), rea di averlo condannato a morte, e Barry, che sente parlare dell’attentato al giudice tramite il notiziario, si precipita sul posto ma non arriva in tempo. Inoltre Nimbus, prima di sparire, gli rivela di avere un altro nome sulla sua lista di persone di cui vendicarsi, poi lo infetta col suo gas. 

A stento Barry riesce ad arrivare ai laboratori STAR dove viene rimesso in sesto grazie a Caitlin e alla capacità rigenerativa delle sue cellule. Analizzando un campione di gas estratto dai suoi polmoni, Caitlin individua il gas e Barry lo riconosce come una sostanza utilizzata nei casi di condanna a morte. In questo modo riescono a risalire a un uomo la cui esecuzione è avvenuta proprio la sera dell’incidente, scoprendo che l’autore del suo arresto è Joe. Flash arriva appena in tempo per iniettare a Joe una fiala di antidoto preparata da Caitlin ma si ritrova a dover affrontare Nimbus senza la cura, rischiando la propria vita. Seguendo i suggerimenti di Cisco, Harrison e Caitlin, Flash continua a correre facendosi inseguire da Nimbus che non può reggere a lungo lo stato gassoso e, di tanto in tanto, ha la necessità di riconvertirsi allo stato umano per recuperare le forze rendendosi così vulnerabile. Approfittando di un momento di stanchezza, Flash riesce a colpirlo e a sigillarlo in una camera di contenimento nei laboratori della STAR. Joe viene invece ricoverato in ospedale dove finalmente Iris trova il coraggio di confessargli che lei e Eddie si frequentano. Nel passato, Cisco chiama Harrison per dirgli che Ronnie ha risolto il problema, dopodiché Harrison accede a una camera segreta e visualizza delle immagini dell’incidente di Barry col fulmine, dicendo fra sé e sé che si conosceranno presto.

The Flash, trama puntata 10 febbraio 2015 – Barry, nei panni di Flash, si ritrova a dare la caccia a un ladro che ha rubato una pistola in grado di produrre ghiaccio, ma scopre che il creatore della pistola è proprio Cisco che l’ha costruita per avere un’arma d’emergenza. Nel frattempo Felicity (Emily Bett Rickards) arriva a Central City per incontrarlo…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori