ELEMENTARY 3/ Anticipazioni e diretta streaming puntata 21 marzo 2015: il possibile ritrovamento del cadavere di Kitty

- La Redazione

Elementary 3, anticipazioni puntata 21 marzo 2015: Gregson avvisa Sherlock del ritrovamento di un corpo che potrebbe essere quello di Kitty. Intanto si indaga su un omicidio

Elementary
Elementary 4, in prima Tv su Rai 2

Va in onda questa sera su Rai Due una nuova puntata di Elementary 3. In questo, episodio, il decimo della terza stagione, vedremo Sherlock indagare su un cadavere ucciso con modalità che farebbero pensare a un omicidio da parte di un cartello di droga. Durante le indagini si scoprirà che una multinazionale stava tentando di assumere la vittima. Vi ricordiamo che oltre a poter vedere Elementary 3 su Rai Due, il telefilm sarà visibile in diretta streaming su Rai Tv: cliccate qui per vederla.

Questa sera, sabato 21 marzo 2015, alle 21.50 su Rai Due va in onda un nuovo appuntamento con la terza stagione di Elementary, la serie tv americana con Jonny Lee Miller e Lucy Liu. Prima di scoprire le anticipazioni di questo decimo episodio della terza stagione, intitolato “L’erba del vicino”, rivediamo quanto accaduto settimana scorsa. In “Vita eterna” dopo la sgradevole vicenda di SoffittaCerebrale, Sherlock (Jonny Lee Miller) partecipa sempre meno agli incontri e,anche quando lo fa, preferisce restare in silenzio per questo, quando alla porta di casa si presenta una ex collega di Joan (Lucy Liu) per un caso di sparizione, loccasione gli sembra troppo ghiotta da rifiutare e ne approfitta per evitare di andare con Alfredo (Ato Essandoh) a un incontro. La donna, Shauna Milius (Julienne Hanzelka Kim), sta indagando sulla scomparsa di Marissa Ledbetter, una collega infermiera conosciuta anche da Joan, della quale si sono perse le tracce da una settimana. La polizia sospetta che la donna avesse contratto dei debiti con della gente poco raccomandabile, ma Sherlock trova sospetto che degli usurai abbiano fatto sparire una persona che doveva loro dei soldi annullando ogni possibilità di recuperare il denaro. Inoltre sembra che Marissa abbia ricevuto un pagamento di centocinquantamila dollari da una cerca Purgatorium Incorporated, una fittizia società lussemburghese fondata soltanto un mese prima.

Perlustrando la zona intorno alla drogheria dove Marissa ha utilizzato per lultima volta la sua carta di credito, Sherlock risale a un cassonetto della spazzatura che ha attirato le lamentele degli abitanti a causa dellodore nauseabondo che emana e allinterno trova il cadavere dellinfermiera. Sul corpo di Marissa vengono ritrovati una lista di dosaggi e il DNA di un certo Christopher Jacoby, che però risulta scomparso anche lui da alcuni giorni. Una ricerca sulle immagini delle telecamere di sorveglianza rileva una corrispondenza tra una foto di Jacoby e un senzatetto che vive in un parco pubblico, tuttavia allarrivo di Sherlock e Joan luomo viene trovato morto accanto a un diario nascosto alla meno peggio sotto una roccia, mentre sul suo pc risulta un pagamento identico a quello ricevuto da Marissa nella stessa settimana. Lautopsia di Jacoby evidenzia la presenza di gravi danni cerebrali e la presenza di un agente chimico sconosciuto: probabilmente qualcuno ha pagato Jacoby affinché partecipasse a un trial farmaceutico illegale assumendo un agente chimico che gli veniva somministrato da Marissa che, come lui, era sommersa dai debiti e in cerca di denaro ma qualcosa era andato storto e luomo, in preda alla follia, aveva ucciso linfermiera.

Un trial farmaceutico però non avrebbe valore con un solo soggetto e, infatti, la lista dei dosaggi trovata addosso a Marissa presenta cinque diversi dosaggi di un agente chimico chiamato EZM-77. Grazie agli hackers di Everyone, Sherlock ottiene i nomi delle altre quattro persone che hanno ricevuto pagamenti dalla Purgatorium e scopre che uno è morto, due sono scomparsi mentre lultimo, Louis Carlisle (Luke Robertson), non si presenta al lavoro da una settimana ma ha inviato una mail dicendo di doversi nascondere perché alcune persone lo seguivano quindi è ancora vivo.

In base ai sintomi riferiti dalla prima vittima in ospedale, Sherlock deduce anche che gli esperimenti riguardano un farmaco cronodilatatore, in grado cioè di generare in chi lo assume una percezione dilatata del tempo. Sherlock, Joan e Kitty (Ophelia Lovibond) rintracciano Carlisle e lo convincono ad andare in centrale con loro per raccontare come stanno le cose in cambio in protezione. L’uomo racconta di aver risposto a un annuncio online anonimo e di non aver mai incontrato nessuno dal vivo a parte Marissa e un’altra persona, forse uno dei coordinatori. L’identikit tracciato secondo le indicazioni di Carlisle combacia con il volto del dottor Dwyer Kirk (Lawrence Gilliard Jr) che dirige un laboratorio per la Ubient Pharmaceuticals, tuttavia Gregson (Aidan Quinn) e Bell (Jon Michael Hill) trovano le prove del coinvolgimento del dottore nel trial ma non trovano lui. Poiché Kirk si prende cura da anni un’anziana zia che l’ha cresciuto e che è ricoverata in una casa di cura, Sherlock ipotizza che il dottore non mancherà alla consueta visita quotidiana e così Marcus può finalmente arrestarlo. Nonostante le gravi accuse, Kirk accetta di parlare della ricerca e di assumersi la responsabilità delle morti ma insiste nel non voler dire nulla a proposito del finanziamento ricevuto, probabilmente perché questo non arriva dalla Ubient ma da una persona che il medico sta cercando di proteggere.

Sherlock scopre che Kirk, da ragazzo, aveva ricevuto un fondo e un sussidio da parte del benefattore privato Jack Connaughton (Dakin Matthews), il quale, avendo scoperto di stare per morire, l’ha pagato per sviluppare un farmaco che gli prolungasse in qualche modo la vita. La polizia allora mette sotto torchio l’infermiere personale di Connaughton, Brett (Brian Lee Huynh), che riferisce di aver visto dei documenti con il nome della Purgatorium e di aver sentito il suo principale ordinare a due uomini di prendersi cura delle vittime. E’ la prova definitiva che permette di arrestarlo. Finalmente Sherlock confessa a Joan che la causa del suo malessere è la noia che sta provando dopo la fase di riabilitazione e che gli sta rendendo sempre più difficile mantenere la sobrietà così lei si offre di tornare a casa sua, ma lui le assicura che anche da solo ce la farà a non ricadere nel tunnel.

Trama puntata 21 marzo 2015 – Nell’episodio in onda questa sera un promettente genetista botanico di grande talento viene ritrovato ucciso e le indagini conducono a un accordo segreto con una potente società. Intanto Gregson avvisa Sherlock del ritrovamento di un corpo le cui cicatrici somigliano in maniera impressionate a quelle di Kitty



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori