MURDER IN THE FIRST/ Anticipazioni puntata 30 aprile 2015: si indaga sulla morte di Cindy

- La Redazione

Murder in the First, anticipazioni puntata 30 aprile 2015: Terry English e la Mulligan indagano sulla morte di Cindy, la hostess di Blunt. Il detective crede che quest’ultimo sia coinvolto

Murder_in_the__First_r439
Murder in the First

Stasera, giovedì 30 aprile 2015, su Premium Crime andrà in onda una nuova puntata di Murder in The First: verrà trasmesso il secondo episodio, intitolato Le luci di San Francisco. La puntata riparte dalla morte della hostess di Blunt, Cindy: secondo il medico legale si tratta di un omicidio. La donna era incinta di due mesi e circa unora prima della sua morte aveva avuto un rapporto orale con un uomo. Il primo ad essere interrogato dalla Mulligan e da Terry è il marito di Cindy, che per conferma il suo alibi e punto il dito contro il pilota dellaeroplano su cui viaggiavano. Per fugare ogni dubbio, i due agenti riescono ad ottenere da entrambi dei campioni di Dna. Ma English resta comunque convinto che i due omicidi ancora in sospeso, quello di Cindy e quello di Kevin Neyers siano in qualche modo collegati

La detective Hildy Mulligan (Kathleen Robertson) viene svegliata di prima mattina dalla telefonata dell’ex marito. Subito dopo, la donna si prepara per andare al lavoro e per accompagnare la figlia Louise (Mimi Kirkland) a scuola. Nel frattempo, il detective Terry English (Taye Diggs) è in ospedale ad assistere la moglie, Amy, malata terminale di cancro. Il medico dell’ospedale riferisce a Terry che la situazione della donna è ormai critica e gli consiglia di riportarla a casa per farle vivere serenamente gli ultimi giorni di vita. Più tardi, Terry e Hildy si recano sul luogo dove è avvenuto un omicidio. La vittima è un uomo sui cinquant’anni, Kevin Neyers, ed è morto dopo che qualcuno gli ha sparato un colpo di pistola alla testa. Entrambi i detective interrogano la vicina di casa dell’uomo, la quale sostiene di aver visto due ragazzini entrare in casa della vittima per poi uscire qualche minuto dopo terrorizzati. La donna fornisce ai poliziotti i nomi dei ragazzi e dice loro dove trovarli. Intanto, sotto il corpo viene trovato un tablet contenente una e-mail destinata a Eric Blunt (Tom Felton), un imprenditore di grande talento della Silicon Valley. Terry e Hildy si mettono subito al lavoro per trovare Blunt e i due ragazzini, ladri di rame, avvistati dalla vicina di casa della vittima. Una volta trovato Blunt, i due vanno a parlarci per chiarire la sua posizione. Blunt sostiene di non conoscere Neyers e di essere stato via per una conferenza a Los Angeles. Dopodiché, i due detective vanno ad interrogare i due ragazzini che, impauriti, sostengono di aver visto un uomo con un tatuaggio sul collo sul luogo dell’omicidio. Tornato a casa, Terry trova sua moglie e la sua infermiera. Terry confida alla donna di volersi prendere un periodo di pausa dal lavoro per trascorrere più tempo con lei, ma Amy non è d’accordo e chieda al marito di continuare a lavorare. 

Tornati in ufficio, i due detective parlano con il tenente Jim Koto (Ian Anthony Dale) per fare il punto della situazione. Koto incarica l’ispettore Edgar Navarro (Lombardo Boyar) di effettuare una ricerca sul database per rintracciare individui con un tatuaggio di un uccello al collo e di mettersi in contatto con i federali. Terry e Hildy, invece, vengono mandati a casa dei genitori di una vecchia conoscenza di Neyers, Sarah Harbarck, morta di overdose 20 anni prima, per cercare di scoprire qualcosa in più. I genitori di Sarah accusano Neyers di essere stato un tossico e un pappone e di aver trascinato la ragazza nel tunnel della droga e di averla costretta a prostituirsi. Quando Terry e Hildy nominano Eric Blunt scoprono che l’uomo è il nipote dei signori Harbarck, figlio di Kevin Neyers e di Sarah. Hildy e Terry si recano nuovamente da Blunt, che stavolta ammette di conoscere l’identità dell’uomo. Tuttavia, Blunt sostiene di essere stato adottato e di aver fatto delle ricerche per risalire al suo padre biologico. Dopo aver scoperto l’identità del genitore, Eric racconta di averlo incontrato qualche mese prima ma, una volta compresa la vera natura dell’uomo, Blunt dice di avergli dato qualche soldo per liquidarlo. Kevin, venuto a conoscenza del prestigioso lavoro di Eric, iniziò a minacciarlo e ricattarlo.

Ciò nonostante, Eric sostiene di non avere niente a che fare con l’omicidio di Neyers. Dopo aver parlato con i detective, Eric si reca a Los Angeles per sistemare una questione con un altro informatico che sostiene che Blunt gli abbia rubato un progetto. Eric, affiancato dal suo avvocato, David Hertzberg (Richard Schiff) aggredisce il ragazzo, promettendogli che lo sconfiggerà in tribunale. Intanto, Hildy scopre un indiziato che corrisponde al profilo dell’assassino e si mette sulle sue tracce, insieme a Terry, per interrogarlo. Terry e Hildy sospettano che l’indiziato sia stato pagato da Blunt per far fuori Neyers. Portato in ufficio, l’uomo chiede di vedere un avvocato. Nel frattempo, Cindy, l’assistente di volo dell’aereo di Blunt viene ritrovata morta nel suo appartamento. La donna era stata licenziata da Eric il giorno prima per un banale incidente. Il tenente Koto e i detective English e Mulligan si recano sul luogo del ritrovamento del corpo. Poco dopo, Terry si allontana per rispondere al telefono, mentre Hildy scopre delle foto di Cindy ed Eric insieme. La donna si volta verso il collega ma, dalla faccia dell’uomo, scopre che è accaduto qualcosa di terribile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori