GUIDA PER RICONOSCERE I TUOI SANTI/ Su Iris il film con Robert Downey Jr e Shia LaBeouf. Trailer

- La Redazione

Iris trasmette questa sera “Guida per riconoscere i tuoi santi”, film del 2006 diretto da Dito Montiel con protagonisti Robert Downey Jr, Shia LaBeouf e Rosario Dawson. Ecco la trama

Robert_Downey_jr_r439
Robert Downey Jr

Questa sera alle 21.00 Iris trasmette ‘Guida per riconoscere i tuoi santi’, film drammatico con Robert Downey Jr. La storia parla di Dito, uno scrittore di New York che da tempo vive solo in California. A seguito di una telefonata ricevuta dalla madre, l’uomo si vede costretto a tornare in California per andare a trovare suo padre, gravemente malato e in fin di vita. Finalmente a casa, Dito dovrà fare i conti con i drammi del passato che lo hanno costretto, anni prima, a scappare da lì. Ecco il trailer del film.

Sono trascorsi nove anni dalla realizzazione di Guida per riconoscere i tuoi santi, il film diretto da Dito Montiel che Iris trasmette nella prima serata di oggi. Diverse le curiosità legate alla pellicola che vede protagonisti Robert Downey Jr, Shia LaBeouf e Rosario Dawson, a cominciare dai tanti riconoscimenti ricevuti: si ricorda in particolare ledizione del Sundance Film Festival nella quale lintero cast ha ricevuto il premio per la miglior regia e il premio speciale della giuria. Il film è inoltre autobiografico ed è tratto dall’omonimo romanzo scritto dal regista Dito Montiel nel 2003 (anche il protagonista interpretato da Robert Downey Jr si chiama proprio Dito Montiel). Infine si può notare che tra i produttori del film figurano lo stesso Robert Downey Jr., il musicista Sting e sua moglie Trudie Styler.

Va in onda questa sera su Iris il film drammatico Guida per riconoscere i tuoi santi (titolo originale “A guide to recognizing Your Saints”), diretto da Dito Montiel con protagonisti Robert Downey Jr, Shia LaBeouf e Rosario Dawson. La trama racconta di un uomo di nome Dito Montiel (Robert Downey Jr.), uno scrittore che vive a Los Angeles dove conduce la propria vita nella quotidianità delle sue giornate e del suo lavoro. Un giorno sua madre gli telefona per informarlo che suo padre è gravemente malato. Dito allora ripensa alla propria infanzia e decide di ritornare nel quartiere Astoria a New York nonostante i cattivi rapporti con il genitore. Il ritorno a casa gli riporterà infatti in mente tutti i momenti più tragici e tristi nell’estate del 1986 e quando in seguito ai quali Dito si convinse ad andare via senza più farvi ritorno, motivo che ha creato sempre rabbia e rancore tra padre e figlio.

Dopo essere stato a casa dai propri genitori, Dito si reca nel quartiere nel quale è cresciuto dove incontra un vecchio amico, Nerf, e una ragazza di nome Laurie (Rosario Dawson) di cui Dito era sempre stato innamorato fin da quando era adolescente. Con Laurie, Dito ricorda tutti gli episodi accaduti nell’estate che ha cambiato per sempre la sua vita. Attraverso dei continui flashback, Dito sembra rivivere nuovamente la sua vita: ricorda il suo compagno di classe di nome Mike O’Shea (Martin Compston) che era appena arrivato nella nuova scuola con il sogno di diventare un musicista di succeso e Antonio (Channing Tatum) un altro suo amico di vecchia data che i suoi genitori conoscevano bene e che soprattutto era apprezzato e stimato dal padre. Dito ricorda anche la vita difficile del suo amico Antonio, nei confronti del quale fu sempre molto premuroso: questo lo porterà ad affrontare una banda portoricana, litigio che sfocerà in un tragico epilogo che porterà Antonio in carcere. Dito a questo punto ricorda di come abbia rinsaldato sempre più il suo legame con Mike progettando addirittura di andare via a Los Angeles.

Per far sì che la loro idea possa avverarsi i due ragazzi devono racimolare quanti più soldi possibile per pagarsi il viaggio, decidono quindi di mettersi a lavorare come dog sitter. Giorno dopo giorno, Dito e Mike sono sempre più convinti di voler avverare il loro sogno, ma proprio quando manca poco alla realizzazione succede qualcosa che cambierà per sempre le loro vite…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori