RUSH HOUR – MISSIONE PARIGI/ Su Italia 1 il film con Chris Rock e Jackie Chan

- La Redazione

Oggi, domenica 13 settembre 2015, Italia 1 trasmete prima di cena ‘Rush hour – Missione Parigi’, una pellicola con Jackie Chan e Chris Rock, diretta da Brett Ratner. Ecco la trama del film

Foto-Mediaset
Mediaset
Pubblicità

Questa sera alle 19.35 su Italia 1 la t erza avventura per il duo formato da Chris Rock e Jackie Chan, ovvero Rush Hour Missione Parigi, uscito nel 2007 e diretto da Brett Ratner, autore anche delle due pellicole precedenti della saga. Vediamo la trama: sono passati diversi anni da quando James e Lee hanno sgominato una potente banda giapponese nel precedente capitolo del film Ora James dirige il traffico dopo l’ennesimo pasticcio combinato durante un caso, mentre Lee ha il compito di fare da guardia del corpo all’ambasciatore Lee. I due non sono in buoni rapporti, dopo che James ha sparato alla fidanzata di Lee per errore, ma continuano a collaborare, seppur James si ritrovi a dover vestire i panni di un semplice vigile.

Pubblicità

Durante la riunione di alcune figure politiche importanti, l’ambasciatore viene ucciso da un colpo di un fucile, e questo ovviamente scatena una vasta serie di eventi. Lee infatti inseguirà il cecchino, mentre James, che ha preso in prestito un veicolo a due donne, che viaggeranno con lui, cerca di raggiungere il suo amico e collega. Per Lee però ci sarà una brutta sorpresa: ad aver organizzato l’attentato, visto che Han riesce miracolosamente a sopravvivere, è suo fratello Kenji, divenuto nel frattempo uno dei capi delle triadi, nonché membro di un’organizzazione malavitosa mondiale. L’arrivo di James permetterà a Kenji di scappare: i due poliziotti, dopo l’ennesimo rimprovero, si ritroveranno a dover indagare per capire quali saranno gli obiettivi di Kenji. Nel frattempo, al duo di ispettori viene affidato un altro compito, ovvero proteggere la figlia di Han e recarsi a Parigi, sede dove pare ci sia la base operativa del gruppo di criminali. Dopo una non piacevole ispezione all’aeroporto francese, ed un viaggio in taxi, i due si recano in una palestra, dove dopo esser stati riempiti di botte da un gigantesco allievo del maestro della palestra di arti marziali, riescono ad ottenere diverse informazioni importanti relative all’organizzazione criminale.

I due riusciranno anche ad evitare che l’ambasciatore venga ucciso, sventando un attentato nell’ospedale dove il politico era ricoverato. Lee e James cercheranno di indagare, ma i criminali non saranno felici del fatto che il duo sta ficcando il naso nei loro affari. Durante un viaggio in taxi, durante il quale l’autista viene minacciato da James, in quanto il francese non si comporta da americano, i due poliziotti vengono attaccati dai criminali.

Pubblicità

Le botte non mancheranno, visto che Lee e James distruggeranno il taxi pur di salvarsi, ma verranno comunque catturati dai criminali, che cercheranno di ucciderli nelle fogne di Parigi. Ancora una volta, i poliziotti avranno la meglio e riusciranno a fuggire dagli inseguitori, ma purtroppo litigheranno: Lee infatti accuserà James di essere sempre il solito, aggiungendo che loro non sono amici e fratelli, ma solo colleghi. I due dunque si divideranno, ma proseguiranno le indagini da soli: i poliziotti riusciranno a riappacificarsi proprio grazie alle indagini ed alla scoperta che Genevieve ha un tatuaggio contenente una particolare formula, James e Lee affrontano per l’ultima volta i mafiosi di Kenji.

Il luogo dello scontro è la Tour Eiffel: durante lo scontro, Lee cercherà di salvare suo fratello, ma questo, pur di non essere arrestato, si lascerà cadere nel vuoto dalla cima della struttura francese. Il caso sembra risolto, ma il colpo di scena finale è dietro l’angolo, visto che il capo delle forze dell’ordine francese è un mafioso. Reynard, ovvero il capo mafioso, minaccia i due poliziotti, ma viene ucciso da George, autista del taxi,divenuto un agente momentaneo, che permetterà ai due di poter riferire tutto ai loro responsabili e concludere, brillantemente, il caso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori