BELLY OF THE BEAST/ Su Rete 4 il film d’azione con Steven Seagal, le scene tagliate

- La Redazione

Oggi, sabato 26 settembre 2015, Rete 4 trasmette in prima serata Belly of the beast, una pellicola d’azione di Siu Tung Chin interpretata da Steven Seagal e Byron Mann. La trama

Foto-Mediaset
Mediaset

‘Belly of the beast’, in onda oggi in prima serata su Retequattro, è uno dei film d’azione interpretati da Steve Seagal con BYron Mann. Alcune scene cruente relative alla morte degli uomini di Jantapan, per non turbare un pubblico più sensibile,  sono state rimosse ed aggiunte nelle scene tagliate presenti negli extra del DVD. 

Steven Seagal è protagonista, assieme a Byron Mann e Tom Wu, della pellicola Belly of the Beast, in onda oggi alle 21.30 su Rete 4. La pellicola è datata 2003 ed è stata diretta da Siu Tung Chin.

Vediamo la trama della pellicola: Jake è un ex agente della CIA in pensione che vive in Thailandia: l’uomo era anche un imprenditore di un’azienda che forniva agenti di sicurezza, ma questa purtroppo è stata chiusa a causa di un problema avvenuto dieci anni prima. Jake e Sunti, ovvero i due soci, si trovavano in un bar quando improvvisamente alcuni teppisti fecero irruzione nel locale. Queste persone provocarono una rissa coi due soci, i quali riuscirono a difendersi ed a sgominare i vari criminali, ma purtroppo Sunti, durante la colluttazione, uccise una donna. Per questo motivo, il socio di Jake decise di ritirarsi in vista privata, diventando un monaco buddista, come punizione per aver ucciso una donna innocente ed espirare completamente le sue colpe. Jake, dopo la chiusura dell’agenzia, decise di dedicarsi interamente alla giovane figlia, Jessica, alla quale è molto affezionato, essendo l’unica parente in vita. La tranquillità della vita di Jake però verrà completamente scombussolata durante una giornata come tante altre, in quanto sua figlia e l’amica, figlia di un senatore, vengono rapite da un gruppo di terroristi islamici.

Ovviamente, lo scopo del rapimento è semplice: i terroristi vogliono che i venti prigionieri da loro catturati vengano liberati dalla loro prigionia, poiché in caso contrario, le due ragazze verranno uccise. Un ex collega della CIA di Jake, riconoscendo la figlia, decide di contattarlo e metterlo al corrente della situazione e, allo stesso tempo, decide anche di affiancarli un giovane agente, di nome Leon, che opera in Thailandia e che spesso è stato protagonista vincente di alcune missioni che gli sono state affidate. Dopo essere arrivato a Bangkok ed aver ucciso alcuni terroristi, Jake viene a conoscenza del fatto che, con molta probabilità, ad aver rapito la figlia e l’amica sono stati alcuni terroristi che usano lo spiritualismo per poter potenziare il loro fisico, ed a capo di questa particolare setta vi è Jantapan, ovvero un generale delle forze armate islamiche, che periodicamente recluta nuovi componenti per il suo clan.

Dopo aver parlato col suo maestro spirituale, Jake riesce a riunirsi assieme al suo vecchio amico Sunti, col quale pianifica una strategia vincente per poter riuscire a salvare la figlia e l’amica, senza rischiare di farle uccidere. Entrambi decideranno dunque di fare irruzione all’interno del palazzo dove risiede il generale dei terroristi, ed assieme riescono ad uccidere alcune guardie ed anche qualche poliziotto corrotto. Mentre Sunti cerca di tenere a bada i poliziotti, Jake si reca nel salone del palazzo, dove incontra Jantapan, col quale inizia un lungo duello a mani nude. Dopo averlo disarmato, Jake decide di uccidere il generale delle forze armate, lanciandolo contro una vetrina che, cadendo al suolo, gli rompe la spina dorsale.

Nel frattempo Sunti, che ha ucciso diversi terroristi e poliziotti, a causa delle tante ferite muore tra le mani di Jake, salutandolo e augurandogli il meglio per il resto della sua vita. Leon ed i suoi uomini fanno irruzione del palazzo e aiutano Jake e le ragazze a scappare. Al termine del film, Jake fare un funerale di tipo buddista per il suo amico Sunti, ed ha una visione del suo amico, che sorridente lo saluta mentre si appresta ad andare in paradiso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori