FARGO 2/ Anticipazioni 26 gennaio 2016: Bear accusa Simone di tradimento

- La Redazione

Questa sera, martedì 26 gennaio, alle 21.10 su Sky Atlantic va in onda un nuovo episodio della seconda stagione di Fargo, la serie ispirato all’omonimo film dei fratelli Coen.

fargo_R439
Fargo

Questa sera, martedì 26 gennaio, alle 21.10 su Sky Atlantic va in onda un nuovo episodio della seconda stagione di Fargo, che vede tra i protagonisti l’attrice Kirsten Dunst. Prima di scoprire le anticipazioni del settimo episodio dal titolo “Did you do this?”, vediamo dove siamo arrivati la settimana scorsa. Ed Blumiquist (Jesse Plemons) vengono portati in carcere e Lou (Patrick Wilson) affida Noreen (Emily Haine) alle cure della moglie. Poco dopo, Charlie (Allan Dobrescu) chiama il padre dalla centrale e lo informa degli ultimi avvenimenti. Simone (Rachel Keller) contatta immediatamente Mike (Bokeem Woodbine) e lo informa che la famiglia si è spostata velocemente verso Luverne. La ragazza gli chiede di raggiungerli e di uccidere il padre perché l’ha sempre maltrattata. Nel frattempo, Hank (Ted Danson) si presenta di nuovo a casa di Peggy (Kirsten Dunst) e la avvisa che si sono messi in mezzo a una guerra contro due fazioni mafiose. La donna continua a mantenere la sua versione dei fatti e inizia a farneticare sul suo ruolo di moglie. Riferisce infatti di essere spinta, a volte, di fare qualcosa che come moglie e possibile madre è chiamata a mettere in atto. Inoltre, Peggy pretende di vedere Ed e non vuole accettare che possa essere accusato di qualcosa che non ha commesso. Lo sceriffo cerca di farle capire che Ed stava per perdere la vita e la informa anche che stanno per perlustrare l’officina. Lou invece interroga Ed e lo mette di fronte alla testimonianza di Noreen perché ha riferito alla Polizia di averlo visto uccidere uno dei criminali. E gli riferisce solo di essere ossessionato da un libro di Noreen in cui un uomo spinge insistentemente un masso lungo una salita. Poco dopo, richiede la presenza di Karl Weathers (Nick Offerman) in qualità di suo avvocato e l’uomo viene chiamato in centrale nonostante sia visibilmente ubriaco. Alcuni minuti dopo, la casa dei Blumquist viene circondata dai Gerhardt e Hank ordina a Peggy di nascondersi in un posto sicuro.

Mentre Dodd (Jeffrey Donovan) tiene occupato lo sceriffo, Hanzee (Zahn McClarnon) si introduce in casa per controllare che l’uomo non si trovi all’interno. Hanzee apre la porta dall’interno e colpisce Hank alla nuca mentre Dodd perlustra la casa e scende in cantina. Peggy esce fuori dal suo nascondiglio e lo colpisce con il suo stesso taser. A casa Gerhardt, Floyd (Jean Smart) si occupa del marito e chiede alla nipote se è ancora dalla parte della loro famiglia. Alcuni istanti dopo, i fratelli Kitchen, Mile ed altri uomini iniziano a sparare raffiche di fucile contro la loro abitazione. Karl arriva in centrale ed Ed gli chiede di difenderlo perché continua a dichiararsi innocente. Karl esce subito dopo dalla stanza promettendo di tornare con l’ordinanza del giudice. Non appena raggiunge l’esterno trova gli uomini di Bear ad attenderlo e rientra in centrale per barricare la porta. Lou avvisa il criminale che stanno per arrivare i rinforzi ma Bear non crede ad una sola parola. Lou decide allora di far uscire Ed di prigione e prende tempo con Bear convincendo Karl a diventare l’avvocato del figlio. L’avvocato riesce ad allontanare Bear, assicurandogli che la sua azione potrebbe compromettere l’arresto di Charlie. Secondo Karl infatti il ragazzo si troverebbe in quella situazione a causa dei crimini del padre ed ora spetta a Bear capire come risolvere la situazione. Intanto Lou ed Ed raggiungono invece lo sceriffo attraverso il bosco ma il macellaio ne approfitta per scappare. Hank decide di lasciarlo andare per recuperarlo in un secondo momento e si allontanano dal posto. Hanzee arriva pochi momenti dopo e osserva Ed fuggire nella direzione opposta. 

Otto ed alcuni effetti personali di Rye vengono sepolti nell’azienda dei Gerhardt. Lou e Ben fermano Floyd alla stazione per sottoporla a un interrogatorio e la donna finisce con l’accettare un accordo che salvi i propri familiari per i crimini precedenti in cambio di informazione sul traffico di droga. Nel frattempo, Bear intercetta sua nipote Simone non appena lascia all’hotel Mike Milligan e la spinge in una zona boschiva appartata dove la accusa di aver tradito la famiglia. Lou chiede a Karl di stare con Betsy e tenere d’occhio sia lei che Molly. Betsy riferisce a Karl di essere sicura di aver ricevuto il placebo al posto del farmaco corretto contro il cancro e vuole che si prenda cura della famiglia una volta che sarà morta. Betsy va a casa di suo padre per occuparsi del gatto e scopre che il suo ufficio è pieno di disegni e simboli strani. Intanto, Headquarters chiama Mike dicendo che il tempo è quasi scaduto mentre un complice arriva per fare piazza pulita. Quando il sicario lo raggiunge, Mike e i suoi uomini lo uccidono con l’intenzione di incolpare i Gerhardt dell’omicidio. Altrove, Ed Blumquist effettua una chiamata da una cabina telefonica e riferisce di aver rinchiuso Dodd all’interno del bagagliaio di un auto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori