NINO FRASSICA/ Foto, il comico mostra di essere già stato all’Ariston (Festival di Sanremo 2016, seconda serata 10 febbraio)

- La Redazione

Nino Frassica, l’attore comico siciliano è tra i super ospiti che saliranno sul palcoscenico dell’Ariston per la seconda serata della 66esima edizione del Festival Sanremo 2016.

nino-frassica1
Nino Frassica, interprete del Maresciallo Cecchini in Don Matteo 10

C’è grande attesa fra i telespettatori per l’entrata di Nino Frassica qui sul palco del Festival di Sanremo 2016. Sono in molti a volerlo vedere, ma ancora di più a voler ascoltare le sue classiche battute “mordi e fuggi”. Lo stesso comico ha ricordato sulla sua pagina di facebook che non è la prima volta che interviene al teatro Ariston. Clicca qui per vedere la foto di Nino Frassica. Certo non si può dire una presenza recente, ma ha fatto comunque la sua figura all’epoca. Ora ci rimane assistere allo spettacolo che solo lui, con la sua vena comica-demenziale, può donarci. Non è quindi più il tempo di rivestire i panni del Maresciallo Cecchini, anche se, giustamente, un fans fa notare che solo lui ed Elton John si possono permettere certe cose. “Comunque non vorrei dire ma solo Nino Frassica ed Elton John si possono permettere le giacche sbrilluccicanti”. 

Grande attesa per la performance di Nino Frassica a Sanremo, stasera, 10 febbraio, a cui idealmente si chiede di risollevare la categoria dei comici a cui appartiene, dopo la deludente minestra riscaldata offerta nella prima serata dagli opacizzati, una volta brillantissimi, Aldo Giovanni e Giacomo. Le speranze sono che dismesso i panni rassicuranti del carabiniere, interpretato nella popolare fiction, la comicità surreale del comico e attore Nino Frassica riscatti il clima raffreddato in partenza, iniziato all’insegna del già visto. Intanto dalla sua pagina Facebook l’interessato pubblica uno stralcio della conferenza stampa del festival di Sanremo, che recita: “Indosserò 120 vestiti! C’è stato un equivoco, cercavano un comico per la seconda serata e io sono un comico DI seconda serata… Quello che farò stasera lo scoprirò domani!”. E i like di approvazione (461 al momento), come i commenti, non si sono fatti attendere, uno su tutti: “Un grande comico e persona, un vero Messinese che ama la sua città e che la porta ovunque vada e in ogni cosa! Orgoglio Messinese.” Un emoticon che raffigura gli applausi sugella il tutto. Qui potrete vedere il resto dei commenti.

Questa sera, mercoledì 10 febbraio 2016, c’è la seconda serata della 66esima edizione del Festival di Sanremo per la conduzione di Carlo Conti che si avvale della preziosa collaborazione di Madelina Ghenea, Virginia Raffaele e Gabriel Garko. Una seconda serata nella quale ci sono in programma tante sorprese e soprattutto tanti ospiti tra cui l’attore comico Nino Frassica.

Nino Frassica è uno dei comici italiani di maggior successo e talento emersi negli ultimi trent’anni. Artista poliedrico (attore teatrale, televisivo, cinematografico e scrittore) deve a Renzo Arbore la scalata al successo come personaggio televisivo che non conosce sosta da oltre tre decenni. Nel corso della sua carriera ha partecipato a ben 38 film, quattordici serie televisive, 25 programmi tv, cinque programmi radiofonici e ha scritto inoltre sette libri. Nato a Messina nel 1950, Antonino Frassica capisce sin dall’adolescenza che il suo obiettivo è quello di lavorare nel mondo dello spettacolo. Dopo aver svolto il servizio militare si trasferisce a Roma e grazie ad un curioso ed indovinato stratagemma riesce ad entrare in contatto con il presentatore radiofonico e televisivo Renzo Arbore nei primi anni ’80. Prima del grande successo il giovane Frassica aveva tentato anche la carriera teatrale frequentando i corsi al Piccolo Teatro di Milano nel 1976 ma dopo un anno abbandonò gli studi. Il giovane comico non si perse d’animo e si concentrò su Renzo Arbore: riuscì nell’impresa di stupirlo positivamente con la sua ‘comicità assurda e metafisica’ al punto che nel 1983 lavorò nel secondo film del celebre showman pugliese. Tra Arbore e Frassica nasce una profonda amicizia e una forte intesa comica che si manifesta nello storico programma ‘Quelli della notte’ del 1985. Dal punto di vista strettamente comico i punti di riferimento di Frassica erano e rimangono Enzo Jannacci, Cochi e Renato.Qui Frassica crea il celebre personaggio del frate Antonino da Scasazza che offre al comico una visibilità nazionale a livelli di una rock star. Il grande successo viene bissato con ‘Indietro tutta’ (1987) sempre dell’amico Renzo Arbore in cui Frassica disegna un nuovo straordinario personaggio: uno stralunato conduttore televisivo con l’evidente presa in giro di Mike Bongiorno. Grazie all’enorme successo dei programmi con Renzo Arbore la carriera di Nino Frassica decolla tra la fine degli anni ’80 e la prima metà del decennio successivo fra l’impegno televisivo, radiofonico e teatrale. Sopratutto nel genere delle fiction Frassica offre il meglio delle sue doti recitative sempre sul registro brillante.

La serie ‘Don Matteo’ iniziata nel 1999 è ancora in corso sulla Rai. Per Mediaset il comico siciliano si è fatto notare nella quinta serie de ‘I Cesaroni’ (2012) con Claudio Amendola in onda su Canale 5. Frassica partecipa a Domenica in (1991), ‘Scommetiamo che…’ con Fabrizio Frizzi e calca anche il palco del festival di Sanremo bel 2003.Per il cinema dopo aver debuttato con Arbore, Frassica viene sempre più richiesto per il genere comico e brillante. Lavora con il regista Enrico Oldoini in Vacanze di Natale 91, Anni ’90 e Anni ’90 parte II. Partecipa anche a film di qualità e di respiro internazionale come ‘Baaria’ di Giuseppe Tornatore, ‘Somewhere’ di Sofia Coppola, ‘Mortacci’ di Sergio Citti e ‘The Tourist’ di Florian von Dennersmark. Nino Frassica è ospite fisso nell’edizione 2015-2016 del programma televisivo ‘Che tempo che fa’ di Fabio Fazio in onda il sabato su Raitre.Una delle ultime interviste rilasciate da Nino Frassica è quella per La Repubblica del 7 febbraio del 2016 in cui il comico ribadisce il suo amore per Enzo Jannacci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori