La furia dei titani/ Su Italia 1 il film con Sam Worthington, il cast tecnico e la durata della pellicola

- La Redazione

La furia dei titani, in onda oggi (28 marzo 2016) su Italia 1, a partire dalle ore 21.10. Andiamo a scoprire la trama di questo film, il cast e tutti i dati salienti della pellicola.

Foto-Mediaset
Mediaset

Andiamo a scoprire un paio di notizie sul film in onda oggi su Italia 1 alle ore 21.10, La furia dei titani. Le musiche sono state composte da Javier Navarrete, la scenografia invece porta la firma di Charles Wood mentre i costumi sono stati realizzati da Jany Temime. La durata del film, che ricordiamo essere il sequel della pellicola Scontro tra titani prodotto nel 2010, è di circa 1 ora e 39 minuti nella versione originale ed al netto delle consuete pause pubblicitarie mentre nel cast sono presenti Sam Worthington, Liam Neeson, Ralph Fiennes, Danny Huston, Rosamund Pike, Edgar Ramirez, Bill Nighy, Toby Kebbell e Lily James.

La pellicola in onda oggi su Italia 1 alle 21.10, La furia dei titani, è un film del 2011, diretto da Jonathan Liebsman. Il film è di genere epico – azione è stato prodotto e realizzato nell’anno 2011 negli Stati Uniti d’America. La furia dei titani (titolo originale Clash of the Titans) ha un soggetto che fa riferimento alla sceneggiatura di Beverly Cross di un precedente film con la collaborazione di Greg Berlanti, Dan Mazeu e David Leslie Johnson mentre la sceneggiatura è stata curata da Dan Mazeu e David Leslie Johnson. Il film è stato realizzato grazie alla casa cinematografica Lengedary Pictures che l’ha prodotto con la collaborazione della Warner Bros Pictures con quest’ultima che si è fatta carico della distribuzione sia nei migliori cinema che nel settore dell’Home Video. Nel ruolo di produttore esecutivo si sono cimentati Basil Iwanyk, Polly Johnsen, Kevin De La Noy, Jon Jashni, Louis Leterrier, Callum McDougall e Thomas Tull, della fotografia si è occupato Ben Davis, il montaggio è stato realizzato da Martin Walsh.

Il mitico Perseo (Sam Worthington) dopo aver avuto la meglio nella battaglia con il Kraken salvando la città di Argo dalla distruzione usando la testa di Medusa con cui ha pietrificato lo stesso Kraken, ha deciso di essere a tutti gli effetti un uomo e non un semidio quale in realtà lui essendo il figlio di Zeus (Liam Neeson). Perseo ora vive di sola pesca in un piccolo villaggio dove da circa 10 anni si prende anche cura del proprio figlio. Purtroppo la sua tranquillità e quella di tutti gli uomini sta per essere gravemente messa a rischio. Zeus si presenta da Perseo rimarcando come la mancanza di preghiere da parte degli uomini nei riguardi degli Dei li ha resi molto meno potenti e questo ha reso di conseguenze il Tartaro meno solido. Il Tartaro è una vera e propria prigione nella quale è stato confinato Crono, il terribile padre dello stesso Zeus, Ade (Ralph Fiennes) e tutti gli altri dei. Zeus gli parla di un incontro nel Tartaro con Ade e gli altri e vorrebbe che anche Perseo fosse presente ma quest’ultimo rimarca il proprio intendimento di restare fuori da queste vicende. Per Zeus e suo fratello Poseidone (Danny Houston) l’incontro si rivela una trappola ordita dallo stesso Ade insieme ad Ares (Edgar Ramirez), stanco di essere messo sempre in secondo piano. Ade e Ares catturano Zeus le cui forze negli Inferi sono meno potenti mentre Poseidone seppur ferito mortalmente riesce a scappare. Zeus viene incatenato ad una roccia del Tartaro in maniera tale che tutto il suo potere possa essere raccolto da Crono in maniera tale che possa svegliarsi e tornare a comandare il mondo. Zeus prova più volte a far presente al fratello Ade ed al figlio Ares di come Crono una volta tornato libero rappresenta un enorme pericolo per tutti ma i loro intendimenti non cambiano. Poseidone prima di morire incontra Perseo mettendolo a conoscenza di tutto quello che sta succedendo. Perseo si sente in colpa per non aver aiutato il padre e per questo si fa carico di questa nuova impresa che sembra essere superiore dalle proprie capacità ma il tutto viene permesso da un pentimento da parte di Ade.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori