CRIMINAL MINDS / Anticipazioni del 6 maggio 2016: la squadra indaga su un SI che potrebbe essere un poliziotto. E’ vero?

Criminal Minds, anticipazioni di oggi, venerdì 6 maggio 2016, su Rai 4. La squadra indaga su un delitto in cui sembra che siano state usati metodi di tortura indiani. Chi è il killer?

06.05.2016 - La Redazione
criminal_minds
Criminal Minds, prima stagione su Rai 4

Nella prima serata di oggi, venerdì 6 maggio 2016, Rai 4 trasmetterà due nuovi episodi della serie Criminal Minds. Le puntate che andranno in onda sono la quattordicesima e la quindicesima, dal titolo “Cavalcando un fulmine” e “Questioni in sospeso“. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco dove siamo arrivati la settimana scorsa: il BAU viene chiamato per interrogare una famosa coppia di serial killer, responsabile della morte di tredici ragazzine, di cui una ritrovata di recente. Sarah Jean Dawes (Jeannetta Arnette), conosciuta come la Regina di ghiaccio, ed il marito Jacob Dawes (Michael Massee) sceglievano tutte vittime con i capelli lunghi e biondi. Durante il processo, la donna ha ammesso l’omicidio del figlio di due anni e Gideon (Mandy Patinkin) è sicuro che non sia complice degli altri delitti. Intanto, Elle (Lola Glaudini) e Derek (Shemar Moore) raggiungono la madre di Sarah Jean e scoprono che la detenuta ha inviato una dichiarazione d’innocenza. J.J. (A.J. Cook) decide di sfruttare il proprio aspetto per spingere Jacob a parlare ed Hotch (Thomas Gibson) accetta di giocare una partita a poker con lui in cambio del luogo in cui sono state sepolte le altre vittime, ma non ottiene nulla. Solo quando scopre che Sarah Jean potrebbe salvarsi, decide di rivelare dove si trovi il corpo del figlio. Una volta lì, viene trovato in realtà il cadavere di un’altra vittima. Gideon scopre che il figlio di Sarah Jean è ancora vivo e cerca di fare di tutto per sospendere l’esecuzione della donna. Prima dell’esecuzione, Jacob confessa di aver ucciso altre 4 ragazzine, ma non c’è più niente da fare. A pochi minuti dalla sedia elettrica, la squadra scopre dove si trova il ragazzo, ma Gideon accetta di non dire nulla per impedire che la sua vita venga rovinata dalla verità sul padre. Lo scrittore ed ex profiler Max Ryan (Geoff Pierson) sta presentando il suo ultimo libro, basato sul pericoloso killer della Chiave di Volta, inattivo da vent’anni e di cui non si conosce nulla. Anche Gideon è presente e mentre si trovano lì, il serial killer invia un messaggio a Ryan, dimostrandogli di essere ancora vivo. Sono state lasciate due patenti, una di una precedente vittima ed un’altra di una più recente. Il modus operandi è però diverso, ma Ryan è convinto che sia sempre lo stesso killer. L’ex agente si aggiunge a forza alla squadra e riescono ad individuare facilmente un sospettato. Scott Harbin (Christopher Grove) corrisponde in parte al profilo ed in casa sua viene trovata una vittima all’interno di una cassettiera sotto al letto. Ryan però crede che non sia il killer che stanno cercando e infatti su una delle macchine all’esterno, viene trovato un nuovo messaggio. In base alle conoscenze di Harbin e ad alcuni particolari usati nei suoi delitti, la squadra individua Walter Kern (Aaron Lustig), il suo socio nel lavoro. Il profilo corrisponde in pieno, ma quando la squadra raggiunge la sua villa, il killer è già da un’altra vittima. Reid (Matthew Gray Gubler) capisce che Kern sta uccidendo le vittime già programmate 20 anni prima ed in base ad alcune tracce nella sua villa, riescono a risalire a Sylvia Gooden (Laura Gardner). La squadra d’assalto irrompe nella casa mentre il killer la sta uccidendo, ma Derek riesce a fermarlo. 

Hotch riceve la visita del fratello Sean che intende abbandonare gli studi di Legge. Intanto, cinque studenti vengono ritrovati orribilmente uccisi all’interno di una casa abbandonata in New Mexico. La modalità con cui sono stati compiuti i delitti richiamano alle pratiche di tortura della tradizione indiana.

Un serial killer uccide delle vittime che non sembrano avere nulla in comune, ma il BAU capisce che esiste un ordine preciso con cui avvengono i delitti. Durante l’indagine, emerge che tutte le vittime sono state infatti assolte da alcune accuse o prosciolte in assenza di prove. Gideon sospetta che l’SI sia un poliziotto, ma il tempismo di un reporter sul caso rende Lance Wagner uno dei principali sospettati.

I commenti dei lettori