THE FOLLOWING 3 / Anticipazioni del 28 giugno 2016: Ryan muore? (finale di stagione)

- La Redazione

The Following 3, anticipazioni di martedì 28 giugno 2016, in prima Tv su Top Crime. Mike accoltellato da Mark; Ryan uccide Penny; Gwen rapita da Theo. Finale shock: Ryan muore?

the-following-R439
The Following 3, in prima Tv su Top Crime

Nella seconda serata di oggi, martedì 28 giugno 2016, Top Crime trasmetterà gli ultimi tre episodi di The Following 3, in prima Tv. Le puntate che andranno in onda sono la tredicesima, la quattordiscesima e la quindicesima, dal titolo “La belva“, “Vivo o morto” e “Ultimo atto“. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco dove siamo arrivati la settimana scorsa: l’agente Lisa Campbell (Diane Neal) rivela a Ryan (Kevin Bacon) che alcuni anni prima un pericolo killer aveva sterminato un’intera famiglia e solo un bambino era riuscito a sopravvivere. Ryan crede che possa trattarsi del vero passato di Theo (Michael Ealy), ma viene poi interrotto da Mike (Shawn Ashmore) che ha appena individuato un elettricista presente nei quartieri in cui quegli anni sono avvenuti quattro degli omicidi. Intanto, Theo e Penny (Megalyn Echikunwoke) risalgono ad Eliza (Annet Mahendru), una donna dotata di numerose risorse che li può aiutare ad avere un’altra identità. La loro richiesta viene accettata, ma solo se i due fratelli consegneranno Ryan alla donna. Mentre Ryan si lascia sfuggire Oleg Vukovic (Robert Sedgwick, la Sloan (Monique Gabriela Curmen) scopre che ci sono alcuni tasselli mancanti nella vicenda del portatile di Mark (Sam Underwood) e chiede il supporto di Tom (Gbenga Akinnagbe). Nello stesso momento, Daisy (Ruth Kearney) riferisce a Mark di aver scoperto chi possiede il portatile. Dopo essere stato bloccato dall’agente, Oleg confessa di aver sparmiato dallo sterminio sia Theo che la sorella minore. Quella sera, Sloan capisce che è stato Tom ad avere preso il portatile e dopo una lotta accesa, viene uccisa. Tom corre ai ripari e toglie le telecamere piazzate in cassa di Max (Jessica Stroup), mentre Mike, in seguito ad alcuni episodi aggressivi, obbliga Ryan a smettere di bere. Nel frattempo, Theo capisce che Eliza ha inviato i suoi uomini ad ucciderlo, ma Mark e Daisy li eliminano ancora prima che raggiungano il luogo dell’incontro. Max e Ryan risalgono invece che Penny frequenta abitualmente uno spacciatore, mentre Mike si insospettisce per la scomparsa della Sloan, spingendo Tom a liberarsi del cadavere in fretta. Arrivato a casa, viene sorpreso da Mark e Daisy che possiedono ora un elemento con cui ricattarlo. Theo invece raggiunge Eliza per attuare la propria vendetta. Penny approfitta dell’assenza del fratello per raggiungere lo spacciatore, ma si accorge di essere seguita e fa perdere le proprie tracce. Pochi minuti dopo, Ryan convince Max ad allontanarsi con una scusa, prelevando poi il corpo di Penny che ha nascosto in uno degli edifici adiacenti. L’hacker però viene avvisato che l’FBI sta accedendo ai dati informatici della sorella e scopre che nelle mani di Ryan. L’agente porta Penny a casa propria, dove la tortura grazie anche alla visione su Carroll che continua a manipolarlo. Nello stesso momento, Daisy è costretta a ferire Mark prima che possa uccidere Mike, mentre Theo contatta Ryan e gli propone di scambiare Mike con la sorella.

Theo riesce a liberare Penny, ma la ragazza è furiosa con Ryan per quello che le ha fatto e torna indietro per ucciderlo. Poco dopo, muore nella sparatoria. Più tardi, Gwen rivela a Ryan di essere incinta e gli chiede di disintossicarsi. Intanto, Mike viene ferito da Mark con numerose coltellate.

Eliza ordina a Theo di uccidere Ryan, ma dopo aver incontrato l’agente cambia idea. Intanto, Gina viene tenuta in ostaggio con la famiglia da Theo e Daisy che le impongono di attirare Ryan in una trappola. Anche se l’agente capisce l’inganno, Theo riesce a batterlo in astuzia ed a catturarlo.

Prima che possa consegnare Ryan, Theo viene catturato e torturato dagli uomini di Eliza, così come l’agente. I due riescono comunque a fuggire e Theo rapisce Gwen per poter crescere il bambino come il proprio, con l’intenzione di danneggiarlo a livello psicologico. Ryan crea una trappola per poterlo uccidere, ma all’ultimo i loro corpi finiscono in acqua e l’agente viene dato per morto…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori