BEETHOVEN/ Le curiosità sul primo capitolo della saga del cane di San Bernardo

- La Redazione

Beethoven, il film in onda su Italia 1 oggi, sabato 2 luglio 2016. Nel cast: Charles Grodin e Bonnie Hunt, alla regia Brian Levant. La trama del film nel dettaglio.

Foto-Mediaset_new film

Beethoven, è il film che andrà in onda su Italia 1 oggi, sabato 2 liglio 2016. La pellicola ha avuto un grande successo di pubblico ed ha dato vita a uno svariato numero di sequel, alcuni in ordine cronologico altri considerati dei veri e propri film a tema. Il nome scelto per il cane è un chiaro omaggio al compositore tedesco Ludwig Van Beethoven. Il vero nome del cane Beethoven è Chris, un San Bernardo di due anni, che è stato addestrato da Karl Miller, considerato uno dei migliori istruttori di cani al mondo. Oltre ai film esiste anche una serie animata prodotta dalla Universal Studios con protagonista Beethoven, arrivato anche in Italia e trasmesso in chiaro da Mediaset. La sigla del cartone animato era cantata da Cristina D’Avena.

Beethoven è il film in onda su Italia 1 oggi, sabato 2 luglio 2016 alle ore 19:00. Una commedia per famiglie del 1992 ed è diventata uno dei classici di questo genere cinematografico. Il film è stato diretto da Brian Levant mentre il soggetto è stato affidato a John Hughes. Nel cast spiccano molti volti noti del piccolo e grande schermo come: Charles Grodin, Bonnie Hunt, Christopher Castile, Nicholle Tom, Oliver Platt, David Duchovny, Patricia Heaton e Stanley Tucci. Ma ecco nel dettaglio la trama del film.

Un cucciolo di San Bernardo è stato rapito insieme con altri cani di razza da un negozio di animali da alcuni ladri senza scrupoli. Il piccolo durante il trambusto riesce a sfuggire ai suoi rapitori e si nasconde in un cassonetto vicino a una casa. Il mattino dopo entra nell’abitazione e fa la conoscenza dei piccoli di casa, Ryce, Ted ed Emily. I bambini accolgono il cane in modo entusiastico mentre il padre George non è per niente felice dell’ospite a quattro zampe, pensando a quanti danni potrà fare una volta cresciuto. Con grande insistenza da parte di tutti i membri della famiglia, compresa la moglie Alice, alla fine George deve cedere e accetta il cane cui viene dato il nome di Beethoven. Il cane diventa un fedele compagno dei ragazzi Newton, aiuta Ryce con un problema amoroso e salva Ted da alcuni bulli a scuola. Un giorno il veterinario di famiglia, il dottor Varnick va a casa dei Newton e rimasto solo con il San Bernardo finge di essere stato aggredito. Facendo leva sulla legge l’uomo costringe la famiglia a dargli il cane che dovrà essere soppresso mediante iniezione. George è costretto a cedere ma solo quando il cane viene portato via si rende conto di quanto sia diventato importante per lui e la sua famiglia e decide di tentare il tutto per tutto pur di riprenderselo. L’uomo si reca alla clinica veterinaria di Varnick e scopre che in realtà il medico non è mai stato morso dal suo cane, nonostante questo però, dice che Beethoven è stato ucciso. George s’insospettisce e indaga sulla clinica del veterinario. Il San Bernardo è tenuto prigioniero in un laboratorio che conduce esperimenti sugli animali. Varnick è in combutta anche con i ladri che rapiscono i cani per fare dei test su alcune armi e i cani sono delle cavie destinate a morire. Scoperto il vero scopo della clinica, il signor Newton salva il suo cane e nel farlo libera tutti gli animali nelle mani dei ladri. Alcuni dobermann attaccano Varnick, che è costretto ad arrendersi, il medico e i suoi scagnozzi vengono arrestati dalla polizia e Beethoven può finalmente tornare a casa dalla sua famiglia. In un grande atto di generosità George Newton decide di adottare temporaneamente anche tutti gli altri cani del laboratorio in attesa di una sistemazione migliore.







© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori