Amarsi un po’/ Su Rete 4 il film con Tahnee Welch e Claudio Amendola: la colonna sonora

- La Redazione

Amarsi un po, il film in onda su Rete 4 oggi, domenica 29 gennaio 2017. Nel cast: Tahnee Welch e Claudio Amendola, alla regia Carlo Vanzina. La trama del film nel dettaglio

Foto-Mediaset_new
film

Amarsi un po’ è il film che verrà trasmesso su Rete 4 oggi, domenica 29 gennaio 2017, dalle 15.00. La pellicola dal genere sentimentale è stata diretta da Carlo Vanzina che si è occupato anche del soggetto e della sceneggiatura con il fratello Enrico. La produzione è stata firmata da Mario e Vittorio Cecchi Gori mentre la distribuzione in Italia è stata gestita dalla Warner Bros., la fotografia è stata curata da Claudio Cirillo. Il montaggio è stato realizzato da Raimondo Crociani con le musiche della colonna sonora che sono state composte da Mario Levazzi, noto compositore milanese, fanno parte della colonna sonora due brani di successo degli anni ottanta, si tratta di “Fiore di maggio” eseguito da Fabio Concato e “Fotoromanza” della nota cantautrice senese Gianna Nannini. La scenografia e i costumi di scena sono stati realizzati da Paola Comencini. Il film è stato prodotto in Italia nel 1984 con la durata che si estende per 93 minuti. 

Amarsi un po’ è il film che andrà in onda su Rete 4 oggi, domenica 29 gennaio 2017 alle ore 15.00. Una pellicola di genere sentimentale prodotta in Italia nel 1984, per la regia di Carlo Vanzina, che ha firmato anche il soggetto e la sceneggiatura insieme al fratello Enrico. Gli attori che recitano nel ruolo dei personaggi protagonisti sono Tahnee Welch, Claudio Amendola, Riccardo Garrone e Virna Lisi. Ma ecco la trama del film nel dettaglio.

Marco Coccia (Claudio Amendola) vive nel quartiere Testaccio di Roma e fa il meccanico. Finalmente riesce a comprare la moto che ha sempre sognato ma, alla sua prima uscita, la manovra incauta di un automobilista lo fa cadere. La responsabile dell’incidente è una ragazza senza patente, Cristiana (Tahnee Welch), che esorta Marco a non rivolgersi ai vigili per evitare che il padre venga a sapere dell’incidente, Cristiana è giovane e bella, di lei Marco ha soltanto un recapito telefonico. La ragazza appartiene ad una famiglia nobile, non lo dice a Marco ma accetta di uscire con lui, di conoscere la sua famiglia e di diventare la sua fidanzata. Stanca di continui sotterfugi, Cristiana decide di raccontare a Marco la verità in merito alla sua estrazione sociale. La rivelazione sorprende non poco Marco che, essendo molto innamorato di Cristiana, le perdona di avergli taciuto la sua reale condizione. La madre della ragazza, la principessa Marisa Cellini (Virna Lisi) cerca invano di dissuadere la figlia, facendole capire quanto Marco sia diverso da lei e quanto questo non vada sottovalutato. Cristiana ama troppo Marco e i suoi genitori invitano il giovane per fare la sua conoscenza. In realtà i principi Cellini sperano nel buon senso di Marco e nella saggia decisione di lui di interrompere la sua relazione con la ragazza. L’ingenuità e la sincerità dei sentimenti di Marco disorientano i due principi che restano perplessi e senza parole. Cristiana accetta di trascorrere un fine settimana nella villa di alcuni amici e ci va insieme a Marco. Il giovane, non abituato a frequentare un ambiente tanto raffinato, viene deriso e umiliato. Marco reagisce a suon di pugni, poi abbandona la villa e di conseguenza, chiude la sua relazione con Cristiana. A distanza di qualche mese, il giovane meccanico riceve una telefonata da Cristiana, la ragazza lo informa che sta per sposarsi con un nobile francese. Alla notizia, Marco decide immediatamente di raggiungere la ragazza a Parigi, dove avrebbe avuto luogo il matrimonio. Purtroppo, Marco ha un incidente stradale e viene trasportato in ospedale. Informata dell’accaduto Cristiana, che ormai ha pronunciato il fatidico si, lascia il ricevimento di nozze e corre in ospedale. Appena rivede Marco si rende conto di amarlo ancora. Grazie all’intervento della principessa madre, l’amore tra Marco e Cristiana trionferà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori