DRAGON BALL SUPER/ Anticipazioni 6 gennaio 2016: Beerus non ha distrutto la Terra Riassunto ultima puntata

- La Redazione

Dragon ball super, il cartone animato giapponese torna su Italia 1 alle ore 13.45. Beerus non ha avuto pietà e ha preparato il suo attacco mortale, ma non ha distrutto la Terra

Dragon_Ball_Super
Dragon Ball Super

Giovedì 5 gennaio la puntata del cartone animato giapponese Dragon Ball Super ha tenuto davanti ai teleschermi migliaia di piccoli fan appassionati. Si trattava del 14esimo episodio della saga degli Dei, che vedeva Goku impegnato nel difficile combattimento con Beerus, il crudele dio della distruzione. Il Sayan, grazie all’aiuto e all’energia dei suoi amici, si era trasformato nel Dio dei Super Sayan, ma la trasformazione si è esaurita dopo alcuni minuti. Così Goku si è trovato a dover affrontare l’essere più potente dell’Universo solo nei panni di Super Sayan. Tuttavia il suo corpo aveva recepito e controllato la potenza del Dio dei Super Sayan riusciva a controllare ancora le abilità. Questo ha sorpreso molto Beerus, che pensava che con l’effetto della trasformazione svanissero anche i poteri derivati. La puntata s’intitolava Questa è tutta la mia forza, la conclusione della battaglia degli Dei e si è aperta con Goku e Beerus impegnati nel loro scontro all’ultimo sangue.

Il dio della distruzione sembrava più pronto fisicamente e riusciva a schivare gli attacchi di Goku e a contrattaccare con una velocità fulminea e impercettibile. Con una serie di pugni Beerus ha messo al tappeto Goku e lo ha lanciato lontano con un calcio potentissimo. Il Super Syan però si è ripreso e ha scagliato contro Bills-sama un fascio di luce, annullato senza problemi dal dio della distruzione. Lo scontro è proseguito con Beerus che ha cercando di confondere Goku sdoppiandosi in un’illusione ottica davvero ben fatta. Il successivo attacco di Goku però è andato a segno e la straordinaria potenza del Dio dei Super Sayan ha lasciato esterrefatto Beerus. L’attacco veemente ha però sfiancato Goku, che ha smesso di essere Super Sayan ed è tornato alle sue sembianze normali. Beerus si è voluto complimentare con lui per quanto dimostrato sul campo di co battimento.

Goku ha affermato che avrebbe voluto vincere e gli ha chiesto se stesse per distruggere la tecnica. Beerus ha risposto di sì, perché, com’era prevedibile, era stato lui il vincitore dello scontro fra i due esseri più forti dell’Universo. Mentre cadeva al suolo mille immagini sono passate nella mente di Goku e gli hanno dato la forza per risollevarsi e diventare nuovamente Super Sayan. Beerus ha gradito, infuriato, perché era convinto di aver già vinto e concluso quella epica battaglia. Si è dovuto ricredere, affermando che non sarebbe stato facile vincere. Goku in quel frangente ha unito le mani e ha preparato l’onda energetica, che ha scagliato con tutta la potenza che aveva in corpo verso il terribile nemico. Anche Beerus ha attaccato e i due attacchi si sono uniti in un ammasso enorme di energia.

Il dio della distruzione lo ha lanciato verso Goku e il Super Sayan ha faticato per respingerlo e per impedire che andasse verso il pianeta Terra. Tuttavia lo ha respinto con una violenza mai vista prima e lo ha dissolto in milioni di particelle, rimanendo però sfinito dopo questa prova di forza e coraggio. Subito dopo Goku è svenuto ed ha cominciato a precipitare sotto gli occhi tristi di Re Caio. Vegeta lo ha raccolto al volo prima che si schiantasse al suolo e Goku ha aperto gli occhi ringraziandolo. Vegeta lo ha rimproverato per non essere riuscito a sconfiggere Beerus e Goku si è scusato. Il dio della distruzione si è recato sulla Terra per concludere il proprio piano. Goku lo ha pregato di non distruggere la Terra, ma Beerus non ha avuto pietà e ha preparato il suo attacco mortale. Tuttavia lo ha scagliato lontano, addormentandosi di colpo. Così la Terra si è salvata per una coincidenza, ma al suo ritorno il dio della distruzione avrebbe sicuramente voluto trovare il budino. Poco dopo si è scoperto che Beerus non dormiva, ma aveva volutamente risparmiato la Terra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori