ZORRO E I TRE MOSCHETTIERI/ Su Rete 4 il film con Giacomo Rossi Stuart: le curiosità (oggi, 10 dicembre 2017)

- Cinzia Costa

Zorro e i tre moschettieri, il film in onda su Rete 4 oggi, domenica 10 dicembre 2017. Nel cast: Giacomo Rossi Stuart, Gianni Rizzo e Gordon Scott, alla regia Luigi Capuano. Il dettaglio.

zorro_e_i_tre_moschettieri_del_1963
il film comico nel pomeriggio di Rete 4

CURIOSITA’ SULLA PRODUZIONE DELLA PELLICOLA E IL CAST

Azione, commedia, drammatico, sentimentale e avventura, ecco i generi che caratterizzano la pellicola diretta da Luigi Capuano nel 1963 mentre la sceneggiatura è stata scritta da Roberto Gianviti e Italo De Tuddo e la produzione è stata firmata da Marino Vaccà. Le case di produzione che hanno fatto parte del film sono Alta Vista e Jonica Film, la direzione della fotografia è stata affidata a Carlo Bellero e il montaggio è stato realizzato da Antonietta Zita con le musiche della colonna sonora che sono state scritte da Carlo Savina. I costumi utilizzati durante le riprese sono stati confezionati da Elio Micheli ed il trucco dei personaggi è stato curato da Duilio Scarozza. La pellicola è stata prodotta in Italia nel 1963 con la durata di 100 minuti circa. Il film Zorro e i tre moschettieri, ha riscosso un successo clamoroso, grazie ad una trama complessa, divertente e ben architettata. A curare la sceneggiatura della pellicola fu Roberto Gianviti, noto sceneggiatore italiano che ha collaborato nella fase realizzativa di tanti film di successo come Zanna Bianca, Tre per una grande rapina, Murderock – Uccide a passo di danza e Cose di Cosa Nostra. Ad interpretare Zorro è statoGordon Scott, attore americano noto per i suoi ruoli da protagonista in pellicole come Tarzan e il safari perduto, Ercole contro Moloch, Gli uomini dal passo pesante e Il raggio infernale.

LUIGI CAPUANO ALLA REGIA

Zorro e i tre moschettieri, il film in onda su Rete 4 oggi, domenica 10 dicembre 2017 alle ore 16,55. Una pellicola comica che è stata realizzata nel 1963 ed è stata diretta da Luigi Capuano. Zorro e i tre moschettieri è diventato un vero e proprio film cult nel corso dei decenni successivi. Il film si avvale di un grande cast formato da Giacomo Rossi Stuart, Gianni Rizzo e Gordon Scott. Giacomo Rossi Stuart (padre del noto Kim Rossi Stuart), che ha vestito i panni di Aramis, è stato un un famoso attore italiano nato a Todi nel 1926 e morto Roma nel 1994. Tra le sue interpretazioni più memorabili citiamo L’ultimo uomo della Terra, Massacro al Grande Canyon, I magnifici Brutos del West e La vendetta di Spartacus. Ma vediamo adesso la trama del film nel dettaglio.

ZORRO E I TRE MOSCHETTIERI, LA TRAMA DEL FILM COMICO

Siamo nel XVII secolo e la trama del film racconta di un bizzarro quanto poco probabile incontro che vede protagonisti di tre moschettieri e l’eroe mascherato noto come Zorro. A fare da sfondo alla vicenda comico-sentimentale è il conflitto che vede protagoniste Francia e Spagna. Nel frattempo Isabella, cugina del sovrano di Spagna, è stata catturata dai francesi. Per tentare di liberarla, il governatore di Siviglia decide di dirigersi in Francia per liberare la fanciulla e chiederne la mano. In realtà l’uomo è però mosso da ben altri sentimenti, avendo stretto un patto con il cardinale francese Richelieu. Dopo vari giorni di viaggio il conte arriva in Spagna dove viene catturato da Zorro, che tiene molto ad Isabella. Nel frattempo l’eroe mascherato chiede ai tre moschettieri di spacciarlo come il conte Siviglia, presentandolo come tale al cospetto della corte di Francia. Con alcuni stratagemmi Zorro riesce a raggiungere la sua Isabella, liberandola e permettendole di fare ritorno in Spagna sana e salva. Poco dopo l’uomo aiuterà i tre moschettieri a smascherare il piano di conquista perpetrato dal cardinale Richelieu, che verrà fatto prigionieri e rinchiuso nelle carceri francesi. Nel frattempo Zorro torna in Spagna dove trova ad attenderlo un furibondo conte di Siviglia, deciso a condannarlo a morte. I suoi amici moschettieri, però, arriveranno giusto in tempo per salvargli la vita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori