Fabrizio Bracconeri infuriato / L’addio alla tv, Forum e la disabilità di suo figlio: le dure confessioni dell’attore

- La Redazione

Fabrizio Bracconeri, infuriato, si svela in una lunga intervista a La Verità: le parole su suo figlio disabile, lo sfogo contro le istituzioni e tutto sull’addio alla tv

fabrizio_bracconeri
Fabrizio Bracconeri

Fabrizio Bracconeri, infuriato, si svela in una lunga intervista: le parole su suo figlio disabile e lo sfogo contro le istituzioniFabrizio Bracconeri, 52 anni, da quattro non lavora più nel mondo della tv. Lo conosciamo, soprattutto negli ultimi anni, come assistente di Rita Dalla Chiesa a Forum, programma che ha lasciato per stare vicino a suo figlio, gravemente disabile. Ecco perchè, negli ultimi mesi, Bracconeri è stato più volte al centro di servizi televisivi, interviste: in questi, Fabrizio ha manifestato la sua grande rabbia nei confronti delle istituzioni, del governo, della politica e per tutto ciò che lo ha portato a lasciare la sua città Monterosi, provincia di Viterbo, per potergli dare le giuste cure. “Emanuele, che ha quasi 16 anni, ha un ritardo mentale grave, una forma grave di autismo, è idrofobo, porta ancora il pannolino – dichiara Bracconeri in un’intervista a La Verità, dovce svela – Un giorno la scuola mi chiama e mi dice ‘Non abbiamo soldi per l’insegnante di sostegno, si deve tenere il figlio a casa’. Questo è lo stato. Se fossi al governo direi: ‘Quanti soldi date alle cooperative? Milioni?Quante sono le famiglie con bambini portatori di handicap? Quattro milioni e mezzo. Ecco, questi soldi da domani li dividete per quattro milioni e mezzo di famiglie e li date direttamente a loro‘- e ancora aggiunge – È una vergogna: io per fare una terapia a mio figlio la devo pagare da privato perchè lo stato mi garantisce solo un’ora a settimana”.

Fabrizio Bracconeri, l’addio al mondo della tv e il perchè del non ritorno: “Tornare? Con questo regime?” – Convinto sostenitore della Destra, Fabrizio Bracconeri non nega la sua simpatia per Salvini, su cui dichiara: “Ora mi piace Salvini. La Lega a Roma è vista come l’acido muriatico nella pastasciutta, ma hanno idee giuste, a cominciare dal problema numero uno, questo schifo di euro – poi ancora su Salvini – Mi piace, ama le regole e ha proposto una cosa intelligente: la flat tax“. Ma è quando si parla dell’addio alla tv e del perchè non sia poi mai tornato in questi quattro anni che le dichiarazioni di Bracconeri si fanno più dure: “Lavorare in tv? Con questo regime? Io sono stato tagliato fuori. Quando Rita Dalla Chiesa ha lasciato Forum io avevo ancora due anni di contratto con Mediaset. Sono stato pagato regolarmente ma non potevo restare con la Palombelli. Io mi sentivo a casa, lei era l’invasore“. Quando si chiede allora a fabrizio Bracconeri il perchè non abbia comunque lavorato in un altro show che non fosse Forum, lui confessa: “Si ma poi mi sono schierato con Fratelli d’Italia, e in tv c’è posto solo per i radical chic!“.

Fabrizio Bracconeri si sfoga: le parole sull Sinistra e sul problema dell’euro – Molti e inevitabili per Fabrizio Bracconeri gli accenni alla politica nel corso dell’intervista a La Verità. L’attacco alla Sinistra per l’attore è infatti inevitabile e verte soprattutto sulla questione immigrazione ed euro: “Sull’immigrazione la regola della sinistra è: facciamoli venire tutti. Mia moglie è rumena e sai cosa fanno là agli zingari? Li cacciano – e aggiunge duro – Fanno bene! Il 95% di loro li prenderei a calci nel cu*o, perchè delinquono. In Italia deve venire la gente perbene, di qualunque razza e colore. Invece da noi viene la feccia. C’abbiamo già la nostra di feccia: mafiosi, delinquenti e facciamo venire anche altri banditi“. Quando invece passa a parlare dell’euro, Bracconeri svela di aver subito avuto idee contrarie a riguardo, tanto da averlo dichiarato anche a Forum e, in quel caso, si è anche beccato una dura ramanzina: “Gli autori del programma tutti sinistroidi a favore di questa moneta” conclude.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori